I FORJAY si raccontano a Fourzine: ecco cosa ha stravolto la nostra vita e perché per noi “L’Amore è una Scelta”

Thegiornalisti
Premio PMI 2017 a THEGIORNALISTI, sarà consegnato durante i “Wind Music Awards” domani, 6 giugno
5 Giugno 2017
Xavier Rudd
XAVIER RUDD in italia a Giugno per tre date. Torna l’energia del polistrumentista australiano
6 Giugno 2017

I FORJAY si raccontano a Fourzine: ecco cosa ha stravolto la nostra vita e perché per noi “L’Amore è una Scelta”

Forjay

Non è nuovo che il membro di una band decida, ad un certo punto, di lasciarla per dare vita ad un progetto discografico diverso. È successo a Roger Waters dei Pink Floyd, a Noel Gallagher degli Oasis e nel suo piccolo, a confronto con questi giganti, è quello che è capitato anche a Simone Cesaro. La storia dei suoi Forjay – la nuova band che ha formato -, non comincia però in un tribunale o a seguito di violente liti familiari. La sua inizia sempre da un epilogo ma diverso da quelli a cui ci hanno abituati Waters e Gallagher. I Forjay nascono quando Cesaro decide di abbandonare la sua vecchia formazione per scegliere l’amore, sia professionalmente che umanamente parlando.

Un brusco cambio di rotta che porta ad un nuovo inizio. I Forjay è la pop band che, attraverso la sua musica, si fa portavoce dei valori cristiani. Lo stesso nome è un chiaro riferimento al dio che si è fatto uomo per diffondere sulla terra il suo messaggio d’amore e speranza: “Forjay” come “For Jesus”. Lungi dall’essere una band religiosa nel senso canonico, la nuova formazione di Simone Cesaro (voce e percussioni) completata da Enrico Giacco (voce e piano), Gianluca Spedaletti (chitarre) e Nicola Monti (basso), abbraccia i valori cristiani nella loro universalità, come valori positivi condivisibili da chiunque, al di là del suo credo. Il loro messaggio di pace contro le divisioni e l’odio che lacerano il mondo contemporaneo lo esprimono appieno nel recente disco “L’Amore è una Scelta”, disponibile sia negli store fisici che digitali.

A parlarci di cosa gli è successo, da dove ha avuto inizio la storia dei suoi Forjay e a svelarci qualcosa in più sul nuovo album è lo stesso Simone Cesaro che si è raccontato ai nostri microfoni. Ecco cosa ci ha rivelato.

Simone, il vostro album – “L’Amore è una scelta” – contiene un messaggio che, a partire dalla vostra stessa esperienza come band, si può poi estendere a tutti: un cambiamento, se vogliamo, è possibile. Cosa ha acceso in voi la voglia di cambiare e chi sono oggi i ForJay?

La voglia di cambiare è figlia, come hai giustamente detto, della nostra esperienza, della nostra vita. Per molto tempo abbiamo usato la musica esclusivamente per dimostrare il nostro “valore artistico”: una sorta di biglietto da visita che ci ha consentito, ognuno a suo modo, di soddisfare un sano ego professionale. Poi è accaduto che, conseguentemente ad una frenetica e spasmodica ricerca di successo, al successivo immane lavoro e ai compromessi da accettare per ottenere ciò che pensavamo essere la felicità, è arrivato anche per me il “conto da pagare”.

Ho iniziato a vivere un profondo senso di insoddisfazione cronica, una sorta di depressione che mi ha portato dapprima ad allontanarmi dalla musica e poi a rifugiarmi nell’alcool e nella droga, che diventarono per un po’ i miei antidolorifici. La vita non aveva più senso, come non avevano più senso le mie relazioni affettive. Era tutto finto, era tutta apparenza che in cambio mi aveva corroso dentro e che ha rischiato seriamente di portarmi via la cosa più preziosa: la vita.

Una notte, dopo uno degli ultimi concerti con la mia ex formazione, è accaduto l’inspiegabile: ho sentito dentro in un momento, che a me è sembrato infinito, una scintilla d’amore puro, solo così posso definirla a parole. Ho percepito in un istante di essere amato di un amore che mai avevo sentito prima dentro di me e che quell’amore era indipendente dal mio fare o dal mio merito, era per me, era gratuito.

Quella notte capii che Dio esisteva e che era venuto a parlarmi, non trovo altri modi per esternarti questa esperienza, ma sapevo che qualcuno era venuto a salvarmi, a ricordarmi che cosa significava vivere ed essere amati. Di lì a poco scoprii che quell’amore che avevo percepito dentro di me altro non era che l’amore insegnato e trasmesso all’umanità da Gesù durante la sua esperienza terrena più di 2000 anni fa. L’incontro con lui, e il suo grande insegnamento, ha salvato la mia vita: mi ha fatto cambiare radicalmente la visione delle cose e del mondo in cui vivevo.

Decisi che nella mia vita, di uomo e di artista, avrei raccontato attraverso la musica che un altro mondo è possibile se appunto “scegliamo l’Amore”, quello con la A maiuscola, come ci piace definirlo. Insomma, come hai detto tu nella domanda: un cambiamento è possibile, se lo vogliamo.

In poco tempo iniziai a chiedere in giro a tutti i musicisti che conoscevo chi se la sentiva di accompagnarmi in quest’avventura, avendo lasciato la mia ex band, e poco dopo sono arrivati Nicola, Gianluca ed Enrico e la mia storia è diventata la nostra storia: quella dei Forjay.

Per voi “artista” è chi non si limita ad eseguire un’opera ma chi la usa per far camminare un’idea o un valore. Qual è l’artista che in questo senso, per voi, è un modello di ispirazione?

Ce ne sono tanti. Crediamo che qualunque artista che sia riuscito a veicolare un messaggio in grado di far cambiare in meglio il mondo in cui viviamo sia un artista con la A maiuscola! La musica oggi, purtroppo, è tremendamente assoggettata a logiche di consumo e questo spesso ne compromette il ruolo libero e indipendente che dovrebbe avere anche ora, come lo è stato un tempo. Mi viene in mente per esempio un nome, un’icona del passato, come quella di Bob Marley, un uomo che nel bene e nel male ha scelto di mettere la musica al servizio di qualcosa di più grande di lui e questo ha inesorabilmente tracciato un solco indelebile nella storia e nei cuori delle persone, cambiando molte vite.

Noi abbiamo scelto di raccontare che l’Amore si è lasciato scoprire, si è lasciato incontrare all’umanità nel corpo di un uomo, che più di 2000 anni fa ci ha lasciato la ricetta per la felicità, per la Vera felicità. Non è una strada semplice scegliere l’Amore ogni giorno nella nostra vita, ma è proprio in questa “scelta attiva”, e a volte anche dura, che riponiamo la speranza di un cambiamento possibile e già in corso per il mondo in cui viviamo.

Dei brani contenuti ne “L’Amore è una scelta” a quale tenete di più e perché?

Purtroppo a questa domanda non riusciamo a risponderti! Ogni traccia del nostro disco è un pezzo della nostra storia per cui ogni brano, a suo modo, ci ricorda un momento importante. Sicuramente in questo momento “Occhi tra le stelle”, che abbiamo scelto come singolo, è il brano che più riassume la nostra storia, il nostro sentire e la nostra essenza perché anche attraverso il videoclip siamo riusciti a riassumere il “motore” che ci muove a fare ciò che attraverso la musica cerchiamo di costruire ogni giorno nella nostra vita come uomini e come artisti.

Simone, qual è il commento che avete ricevuto dai vostri ascoltatori, in merito all’album, che più vi ha fatto piacere?

Ne sono arrivati tanti, è stato bellissimo vedere come il messaggio contenuto nel nostro disco abbia letteralmente riempito le persone di qualcosa di inusuale. Vedere gente che alla fine dei nostri concerti viene sotto il palco con gli occhi lucidi e il nostro disco in mano per dirci “grazie” è in assoluto il regalo più bello che si può ricevere. Con questo disco volevamo toccare il cuore, l’anima delle persone per portarle a fermarsi un attimo e pensare alla loro vita. Il mondo in cui viviamo vuole il contrario: ci fornisce e ci imbottisce ogni giorno di tutto quello che può inebriarci in ogni forma per non farci invece pensare a dove stiamo andando e per cosa stiamo vivendo. Quando premi “play” con il nostro disco, inevitabilmente vieni proiettato dentro di te e quello che ne esce fuori è, per dirlo con le parole di una nostra fan, “una carezza all’anima che ti sveglia per farti riflettere e cambiare”.

Simone, ti lascio con un’ultima domanda: cosa si augurano per il futuro i ForJay come band?

Ci auguriamo di continuare a girare l’Italia, e perché no anche oltre, per continuare a portare alle persone quel seme di speranza in grado di guarire le nostre vite e renderle quel capolavoro per cui siamo nati!

Per seguire tutti gli aggiornamenti sui Forjay e le loro prossime date live: 

www.facebook.com/4JForJay 

www.forjay.it/forjay.it/home.html

Comments on Facebook

Comments are closed.