Per #4Emergenti: GIORGIENESS. Quando la Musica è al servizio delle Emozioni

Tiziano Ferro
TIZIANO FERRO svela il palco del nuovo tour negli stadi
31 maggio 2017
coez
COEZ, parte il “Faccio un Casino Tour”. E la data di Roma è già sold-out!
1 giugno 2017

Per #4Emergenti: GIORGIENESS. Quando la Musica è al servizio delle Emozioni

Giorgieness

foto di CHIARA MIRELLI

La musica è energia e quando quell’energia si mette al servizio dell’artista per diventare completa espressione di sé, talmente autentica da creare un solido ponte emotivo tra interprete e ascoltatore, si realizza la magia di uno scambio empatico “tra palco e realtà”. Appartengono a questo gruppo di “eletti” i musicisti su cui questa settimana si è sintonizzato #4Emergenti: parliamo di Giorgieness.Giorgieness

Una premessa è doverosa: qui bisogna andarci piano parlando di “emergenza” perché il progetto discografico capitanato dalla cantautrice valtellinese Giorgie D’Eraclea, nonostante sia anagraficamente giovane – è attivo dal 2011 –, ha già il suo nutrito numero di follower ed estimatori. Della serie che, quando il “cavallo è di razza”, lo si vede bene all’arrivo ma anche alla partenza. Giorgieness al momento è in piena fase di decollo, un progetto discografico dal profilo alternative rock che appena un anno fa ha pubblicato il suo album di debutto, “La Giusta Distanza”, e il 19 Maggio scorso ha presentato un nuovo inedito – “Dimmi Dimmi Dimmi” – che spiana la strada al secondo disco atteso per il prossimo autunno.

Con Giorgieness la musica diventa lo strumento per tradurre in scrittura il magma di emozioni provate dall’artista. Non si tratta di sfornare pezzi che “ingranino grana” ma poi finiscono per lasciare solo il ricordo di un motivetto che ti martella in testa come una brutta sbronza. Con Giorgieness siamo in un’altra dimensione, quella in cui la musica serve per canalizzare delle emozioni vere, crude, sincere. I brani di Giorgie D’Eraclea e i suoi “fidati tre” Andrea De Poi (basso), Davide Lasala (chitarra e piano) e Lou Capozzi (batteria), si impongono per carisma interpretativo e forza comunicativa. Siamo nei territori dell’alternative rock, con un sound che ti può cullare sulle sue note come nell’intensa ballad “Non ballerò” ma anche colpire con vigore come in “K2”. Valore aggiunto le evoluzioni vocali di Giorgie D’Eraclea.

Un progetto giovane e, in quanto tale, in fase di evoluzione. L’ultimo singolo “Dimmi Dimmi Dimmi” è il segno evidente del cambiamento in atto. Inevitabile per chi, come Giorgieness, trasferisce nella musica il proprio vissuto e il proprio modo di sentire. Dal suono ruvido delle chitarre ascoltate ne “La Giusta Distanza” passiamo ad una nuova fase evolutiva, più dolce, ritmata e morbida, complice anche la “voce” del pianoforte suonato da Lasala. “Quella rabbia che mi faceva urlare si è trasformata – ha ammesso Giorgie D’Eraclea parlando dell’ultimo inedito -. Si cambia molto dai 20 ai 25 anni, sono cresciuta io e in qualche modo è cresciuta la mia scrittura”.

Non ci resta che attendere di scoprire a quale fase di maturazione potrà approdare nei prossimi mesi Giorgieness. Intanto, però, possiamo goderci i 4 #4Emergenti di questa settimana nel loro “habitat” ideale: il live. Di seguito le prime date ufficiali: 15 Giugno Milano (Circolo Magnolia), 17 Giugno Parma (Circolo Arci Mu), 24 Giugno Castelfranco Piandiscò (Arte&Musica Festival), 13 Luglio Biella (Reload Sound Festival), 21 Luglio Roè Volciano (Restart Musicando), 22 Luglio Arcade (Musica Libera Tutti).

Nome: Giorgieness

Album: 1 Ep – “Noianess”, 1 Lp “La Giusta Distanza”

Genere: alternative rock

Frase tratta da uno dei brani: “Ho quasi tutto ciò che cercavo ma con il tempo ne ho perso il gusto” (da “Come Se Non Ci Fosse un Domani”)

Artisti simili: Garbage, Skin

Link utili: www.facebook.com/giorginesshttps://giorgieness.bandcamp.com

Comments on Facebook

Comments are closed.