Da crisalide a farfalla: la rinascita di CHIARA RAGNINI col nuovo album “La Differenza”

Udde
Il fascino della new wave targata ’80 torna con UDDE il #4Emergente della settimana
18 maggio 2017
The Kolors
THE KOLORS: il nuovo album “You” raccontato traccia per traccia e le date dell’ instore tour
19 maggio 2017

Da crisalide a farfalla: la rinascita di CHIARA RAGNINI col nuovo album “La Differenza”

Stivali col tacco, giubbino paillettato, t-shirt bianca, capelli mossi e accanto a lei la sua inseparabile chitarra: è così che si presenta Chiara Ragnini, tornata sulle scene con un album nuovo di zecca e una grinta rinnovata.

Il 28 aprile scorso è uscito “La Differenza”, il secondo LP della cantautrice ligure pubblicato grazie al supporto di una vincente campagna di crowdfunding su Musicraiser, dimostrazione lampante dell’indice di gradimento di cui la Ragnini gode presso il suo pubblico. Il disco, pubblicato a 5 anni di distanza dal precedente “Il Giardino di Rose”, segna un punto di svolta nella carriera artistica della cantautrice che si spoglia dei freni e delle paure di un tempo lanciandosi alla scoperta di nuove melodie, di un sound che dal folk-pop fa rotta su ritmi più elettro-rock.Chiara Ragnini

Sono sempre io, solo che adesso indosso un bel vestito nuovo e le scarpe per la festa. Sono cresciuta, ho imparato a raccontarmi senza filtri e senza paura” ha dichiarato la Ragnini. “La Differenza” è un album autentico, il simbolo del nuovo traguardo raggiunto dalla cantautrice: la libertà di esprimersi totalmente sulla scorta del suo sentire. Dieci tracce scritte e interpretate “di pancia”, tirando fuori il mondo interiore che sinora la Ragnini aveva preferito tenere un po’ in penombra.

Ad anticipare l’uscita dell’album il singolo “Un Colpo di Pistola”, un brano energico e dal ritmo incalzante che tocca il delicato argomento degli amori che si nutrono di violenza. Singolare la coincidenza e la sintonia d’intenti: quest’anno sia lei che Dario Brunori hanno “sparato” il loro “colpo di pistola”, due canzoni dal titolo simile – non fosse per un articolo ora in più, ora in meno – e che affrontano lo stesso tema ma da due punti di vista differenti. La Ragnini da quello femminile, Brunori da quello maschile. Due canzoni diverse che si incontrano a distanza, incastrandosi alla perfezione. Sarebbe interessante una collaborazione tra i due artisti.

Con “La Differenza”, la cantautrice ligure presenta se stessa nella sua “versione 2.0”. Che sia maturata, lo si avverte chiaramente ascoltando l’album. È sempre lei ma più sicura e incisiva: la crisalide è diventata farfalla, ha aperto le sue ali ed ora è pronta a spiccare il suo volo libero.

Nelle dieci tracce che compongono “La Differenza” la Ragnini canta d’amore, quello reale che va al di là sia delle versioni favolistiche che di quelle disperate a cui ci siamo abituati. Ci racconta dell’amore che può far male ma a cui si può reagire. Scava affondo nelle assenze, nei rapporti che si trascinano per semplice abitudine, canta di fiducia tradita, di amori che si rincorrono e si perdono, del giogo di un ricordo che può tenerti ancorato ad un rapporto saturo e ormai consumato. A chiudere l’album, il singolo “Coda” realizzato feat. Roggy Luciano.

La differenza sta nell’essere se stessi”, ha sostenuto la Ragnini in merito al suo ultimo disco. Non possiamo che essere d’accordo con la cantautrice, una voce promettente e un’artista con carattere che restituisce onore al rock italiano “in rosa”, seguendo la scia di interpreti come Nada e Irene Grandi. Una rinascita che lascia ben sperare che sia arrivato anche per lei il momento di fare “la differenza” sul panorama discografico italiano più pop-rockeggiante.

 Link utili: www.chiararagnini.it  www.facebook.com/chiara.ragnini.fanpage

Comments on Facebook

Comments are closed.