HARRY STYLES prepara il suo debutto e oltre alla faccia, ci mette il nome

Stag
Gli STAG live al Monk di Roma per festeggiare il nuovo album “Verso le meraviglie”
9 Maggio 2017
Spring Attitude
E’ Primavera nella Capitale! Dal 25 al 27 Maggio torna lo Spring Attitude Festival
9 Maggio 2017

HARRY STYLES prepara il suo debutto e oltre alla faccia, ci mette il nome

Harry Styles

Ne è passato di tempo da quando Harry Styles era solo uno dei bei faccini che componevano i One Direction. Adesso un progetto da solista, che si concretizzerà in un album che porta il suo nome, Harry Styles, in uscita il 12 Maggio. Oltre che alla faccia, l’artista è disposto anche a metterci il nome, seguendo la scia di altri importanti artisti, una su tutti Beyoncé.

Da pochi giorni è stato diffuso sul web il secondo estratto del disco, Sweet Creature, una ballad costruita su arpeggi di chitarra a cui sul finale va ad aggiungersi qualche coro in sottofondo. Una formula semplicissima quindi, che vede l’interpretazione come fulcro del brano: classica, ma assolutamente azzeccata, e che lascia respiro alla bella voce dell’artista. Non un brano innovativo o particolarmente incisivo a primo ascolto, ma che sicuramente può trovare un suo posto all’interno dell’album.

Un bel brano, che ha però il difetto di farsi piccolo piccolo se paragonato a Sign of the times, primo singolo ufficiale dell’album, che ha già invaso le radio dal mese di Aprile. Qui il sound è decisamente più articolato, contaminato, distintivo e che va a pescare nel mondo del rock. Effettivamente ascoltando la canzone non ci si stupisce che i primi paragoni spesi siano quelli con David Bowie e Pink Floyd. Anche l’interpretazione del brano è più varia: dal falsetto che accompagna verso il ritornello (Why are we always stuck and running from your bullet?) e che subito si fissa in testa, alla potenza della voce che accompagna il crescendo finale e l’intreccio di strumenti. La stessa voce assume in questo brano diversi colori: sofferente e sporca sui primi versi, pulita e leggera nel pre-chorus, piena nel ritornello. Sicuramente un biglietto da visita che ha spiazzato, dopo la parentesi avuta con i One Direction. Sinceramente: chi si sarebbe aspettato un brano del genere?

Due anteprime molto diverse tra loro che ci fanno sorgere un’unica domanda – e probabilmente questo è il loro intento -, cioè: quale sarà la direzione dell’album? Cosa aspettarsi? Noi aspettiamo curiosi.

Comments on Facebook
Manuel Malavenda
Manuel Malavenda
A furia di raccontare le sue storie, un uomo diventa quelle storie. Ecco perché scrivo da sempre: per confondermi con le parole, immaginare cose che non si possono vedere e raccontare cose che si possono solo sentire. Come la musica. Ho una pagina Facebook dove parlo della bellezza, perché è di questo che dovremmo riempire le nostre vite: di bellezza.

Comments are closed.