Da X Factor a Sanremo, siamo stati allo showcase di ILARIA PORCEDDU che torna con il nuovo album

Continua il tour per Musica Nuda all’Auditorium Parco della Musica. Petra Magoni e Ferruccio Spinetti incantano Roma.
21 aprile 2017
Fabrizio Moro
La grande prova di FABRIZIO MORO al Fabrique? Superata!
21 aprile 2017

Da X Factor a Sanremo, siamo stati allo showcase di ILARIA PORCEDDU che torna con il nuovo album

Ilaria Porceddu

Nel tardo pomeriggio dello scorso 13 Aprile a Roma, nella cornice bohémien del Pigneto, ha avuto luogo lo showcase di Ilaria Porceddu, giovane cantautrice italiana che ha alle spalle una partecipazione ad X Factor nel 2008 ed una a Sanremo sezione giovani nel 2013. Di origini sarde ma di casa a Roma, Ilaria ha recentemente pubblicato prima un singolo, poi un disco, intitolato Di questo parlo io, un titolo che è quasi una dichiarazione di intenti, una dichiarazione della sua voglia di mettere se stessa e il proprio modo di vedere le cose in queste nove canzoni che compongono il lavoro.

La presentazione, breve ma intensa, ha riassunto quello che è il nucleo dell’album: brani dal songwriting sempre delicato, musica alternative pop con degli spunti folk (che vengono dritti dritti dal disco precedente) arricchita da una bella mano autoriale che rende i testi interessanti e mai banali. Sette cose, delicata ballad dal ritornello sognante e molto orecchiabile, arricchita dal subentrare di splendidi archi sul finale, è interpretata da Ilaria con rara eleganza. Maggiori intensità è riservata alle interpretazioni vocali di Lisa e di Eva si fa fare, brani dalle tematiche forse meno semplici da affrontare e dai testi più diretti. Le doti vocali di Ilaria sono veramente ottime, del resto l’artista ne aveva già dato dimostrazione cantando alla perfezione a Sanremo un pezzo molto difficoltoso come In equilibrio, con parti del testo anche in dialetto sardo. La cantautrice è senza dubbio una delle promesse dell’alternative pop italiano, capace di dare vita a dischi interessanti e a restituirne l’anima dal vivo, emozionando.

Antonio Galota

Comments on Facebook

Comments are closed.