#4Internationals: I LONDON GRAMMAR si preparano a tornare con The Truth Is A Beautiful Thing

samuel
Parte il primo tour DI SAMUEL che toccherà i maggiori festival italiani
4 Aprile 2017
RICHARD ASHCROFT, leader dei Verve, torna in Italia live.
4 Aprile 2017

#4Internationals: I LONDON GRAMMAR si preparano a tornare con The Truth Is A Beautiful Thing

London Grammar.

Con If you wait, album di debutto, i London Grammar si erano dimostrati nel 2013 una delle nuove band più interessanti nel panorama musicale inglese, e non solo, fino a diventare uno dei punti di riferimento per quel genere di musica che fa dell’elettronica e delle atmosfere eteree i suoi punti distintivi. Oltre che per la loro musica, si sono distinti grazie alle loro raffinate interpretazioni, tra cui la più famosa è sicuramente quella di Wrecking Ball. Qui il video:
.

Al loro fianco artisti come i Daughter, MS MR, e perché no, gli italianissimi Landlord. Ma una voce come quella di Hannah Reid ce l’hanno solo i London Grammar: una voce unica, riconoscibile tra milioni di altre, che è incredibilmente profonda ma riesce allo stesso tempo a rimanere leggera sulla musica. Tante aspettative quindi per il loro nuovo album, Truth is a beautiful thing, che vedrà la luce il 9 Giugno. Soprattutto perché il pubblico ha già avuto modo di ascoltare in anteprima tre dei brani contenuti nella tracklist.

In Rooting for you e nella title-track Truth is a beautiful thing la protagonista assoluta è una: Hannah Reid, e la sua inconfondibile voce di cui si diceva prima. Basti pensare che Rooting for you che ha segnato ufficialmente il ritorno della band sulla scena musicale, è stata presentata dalla band con un video live in cui la bella cantante apre con un momento a cappella (per vedere l’esibizione live di Rooting for you clicca qui: https://www.youtube.com/watch?v=jqhgXAGP4Ho).

Il terzo brano, invece, è anche il primo singolo ufficiale dell’album e si tratta di Big Picture, che può vantare di un tappeto musicale molto più elaborato ed incalzante rispetto ai pezzi precedenti. In un primo momento anche qui l’ammaliante voce di Hannah Reid la fa da padrona, ma il brano si arricchisce di colori e suoni secondo dopo secondo, fino a slegarsi completamente dalla voce e vivere grazie a un emozionante momento strumentale. Il videoclip che accompagna la canzone, di cui consiglio la visione perché impeccabile da un punto di vista visivo, e che trovate in fondo all’articolo, è un susseguirsi di paesaggi evocativi, di stelle ed universi lontani. Perché è lì che portano i London Grammar con la loro musica: in realtà oniriche, eppure capaci di suscitare emozioni vivide, brividi reali.

Il 9 Giugno, con l’ascolto per intero del nuovo album, finalmente capiremo se i London Grammar saranno stati in grado di mantenere le promesse fatte quattro anni fa con il loro album di debutto. Noi siamo sicuri di sì… e soprattutto se nell’attesa volessero deliziarci con qualche altro brano in anteprima (ché Giugno è lontano!) assicuriamo che saremmo tutto orecchi.

Comments on Facebook
Manuel Malavenda
Manuel Malavenda
A furia di raccontare le sue storie, un uomo diventa quelle storie. Ecco perché scrivo da sempre: per confondermi con le parole, immaginare cose che non si possono vedere e raccontare cose che si possono solo sentire. Come la musica. Ho una pagina Facebook dove parlo della bellezza, perché è di questo che dovremmo riempire le nostre vite: di bellezza.

Comments are closed.