MANUELA PADOAN, la cantautrice-musicoterapeuta tra mille fiori e mille colori

Ed Sheeran
#4Classifiche, i dati ufficiali delle vendite discografiche: domina Ed Sheeran
10 Marzo 2017
#4Soundtrack: Pharrell firma la colonna sonora de “Il diritto di contare”, dall’8 marzo nelle sale
13 Marzo 2017

MANUELA PADOAN, la cantautrice-musicoterapeuta tra mille fiori e mille colori

Manuela Padoan

Appassionata di musica fin da bambina, quando l’amore per le sette note l’ha portata alle selezioni per lo zecchino d’oro, Manuela Padoan ha fatto nel tempo della propria passione un’occupazione a tempo pieno, fatta di studio e di risultati: prima una lunga formazione, poi l’esperienza da musicoterapeuta, in seguito finalista nel 2011 della 54esima edizione di Castrocaro Festival, andata in onda e in diretta su Rai Uno, con la cover di Mina “Vorrei che fosse amore”, ed infine (nel 2012) tra i dieci finalisti al ProVoice festival con il suo brano inedito “Mille fiori…mille colori”.

Lavorando assieme ad alcuni musicisti professionisti e all’arrangiatore Edu Hebling, ha realizzato il suo primo ep, “Mille fiori, mille colori” uscito il 7 Luglio 2016 e presentato nel Giardino della Biblioteca di Montecchio Maggiore (Vi) per la Rassegna Palco Libero in Città.

Il disco, registrato tra marzo e maggio 2016, raccoglie 6 tracce e racconta della Manuela Padoan più autentica e del suo modo di vivere, divertendosi e provocando a cambiare il proprio punto di vista, per provare ad andare oltre e, chissà, magari vedere anche qualche sfumatura o colore in più.

L’album intero affronta temi forti, come la violenza e il rispetto alla diversità, e simbolo di ciò è il brano in uscita in questi giorni, “Viola“, un brano contro la violenza sulle donne “Affinché ogni donna vittima di abuso prenda coraggio e si dia voce per chiedere aiuto”.

 

Comments on Facebook
Adalberto Piccolo
Adalberto Piccolo
Responsabile editoriale, responsabile della comunicazione, responsabile social media. Ma comunque poco responsabile. "Il Mondo non è perfetto: in un mondo perfetto Mark Chapman avrebbe sparato a Yoko Ono".

Comments are closed.