FABRIZIO MORO presenta il nuovo album “Pace”, in uscita venerdì 10 marzo

#4chart: cinque artisti che sono riusciti a “resuscitare” la propria carriera
9 Marzo 2017
Paola Turci
PAOLA TURCI, il 9 maggio comincia “Il Secondo Cuore Tour”
9 Marzo 2017

FABRIZIO MORO presenta il nuovo album “Pace”, in uscita venerdì 10 marzo

Fabrizio Moro

Venerdì 10 marzo esce in commercio “Pace”, un album di inediti dal titolo inequivocabile; il suo artefice è il “bel tenebroso” Fabrizio Moro, che, a due anni di distanza dal precedente lavoro in studio, ritroviamo in ottima forma sia psicofisica sia artistica. L’album non poteva non contenere anche il singolo presentato a Sanremo, “Portami Via” (certificato “disco d’oro” già il 27 febbraio).Fabrizio Moro

Il “Jack Sparrow del pop cantautoriale” (soprannome tutt’altro che ufficiale), degno erede artistico di Rino Gaetano e del primo Vasco, ha tirato fuori un album di 11 tracce in cui conferma la sua innegabile e straordinaria padronanza dell’uso delle parole. La produzione musicale non può che inchinarsi e rimanere subordinata alla potenza dei testi.

Questi due anni spesi per la realizzazione di “Pace” sono serviti al cantautore romano per compiere un lavoro su sé stesso (in una sorta di egocentrismo costruttivo), ma hanno anche avuto una funzione terapeutica: Fabrizio Moro sa che la sua pace va a braccetto con la paura, ma ha imparato a godersi la gioia delle piccole cose quotidiane tramite la paternità (l’album è dedicato alla secondogenita Anita, di tre anni e mezzo), che gli ha permesso di rivivere la felicità dell’infanzia. Questa gioia non ha la pretesa di durare per sempre, e perciò sarebbe opportuno goderne senza preoccuparsene, giorno per giorno finché dura (non a caso Fabrizio ha la scritta “pace” seguita però da un punto di domanda, tatuati in bella vista sulla mano destra). Musicalmente, questa conquista si ritrova nel fatto che la tracklist comincia in tonalità minore (con il brano che dà il nome all’album), per poi concludersi in maggiore con l’ultimo brano, l’etèreo “Intanto”.

Fabrizio non è uno di quei personaggi che ama la luce dei riflettori. La paura di mettersi in gioco davanti al grande pubblico, il bisogno di conferme e l’esposizione alle critiche sono state le cause dell’ ansia da prestazione e della mancanza di “lucidità” (così ha detto lui stesso) che lo ha accompagnato nell’ultima partecipazione a Sanremo (ansia che tra l’altro non aveva mai provato nelle precedenti edizioni). Sempre in questo contesto, l’aver preso parte nel 2015 ad “Amici di Maria De Filippi” è stato un preciso tentativo di affrontare questi timori. Dal risultato finale di Sanremo Fabrizio si aspettava per la sua canzone una posizione più alta e dei risultati di vendite minori; il risultato effettivo ha ribaltato le sue aspettative ed è stato molto meglio così, perchè a onor del vero la classifica di Sanremo è un po’ come il voto della maturità: scompare nel momento in cui arrivano degli altri risultati concreti. La vetrina di Sanremo è il mezzo, le vendite discografiche e i concerti sono il fine! Tanto è vero che è stata appena aggiunta una data oltre alle due anteprime live già fissate che anticipano il tour estivo: Fabrizio Moro sarà al Fabrique di Milano il 20 aprile e il 26 e il 27 maggio al Palalottomatica di Roma.

Leonardo Parisi

Comments on Facebook

Comments are closed.