“Best of Soul” esce domani e celebra i dieci anni di carriera di Mario Biondi. La Recensione.

Sabato 19 Novembre alle ore 14.10 su Canale 5 inizia la sedicesima edizione di AMICI
16 Novembre 2016
Domani esce in nuovo disco di inediti di Luciano Ligabue: “Made in Italy”. Dal 3 Febbraio live in tutta Italia.
17 Novembre 2016

“Best of Soul” esce domani e celebra i dieci anni di carriera di Mario Biondi. La Recensione.

Cover Best of Soul_Mario BiondiIn amore non è mai facile prendere l’iniziativa. Si ha sempre paura, soprattutto all’inizio, e si procede cauti, lenti, timorosi. Con il passare del tempo, tuttavia, si acquisisce consapevolezza, ci si conosce meglio, si cresce assieme. Mario Biondi si presente così: cresciuto, un cantante ancora innamorato, che ora, però, “Sa molto di più quello che sta facendo”.

Con il suo nuovo disco “The best of soul”, in uscita il 18 Novembre, si celebrano i dieci anni di carriera, e risulta quasi impossibile per chi arriva a un traguardo del genere non guardare indietro, non osservare il passato, la strada, i passi. Ci sono momenti, nella carriera di un artista, dove la tentazione di specchiarsi supera quella di rinnovarsi. Mario Biondi, tuttavia, non ha un bel rapporto con gli specchi “non tutte le mattine ci si guarda allo specchio compiacendosi di sè”, sottilinea, con la solita ironia di chi conosce il mondo. Così a prevalere è anche una componente di novità: all’interno di un album che ripercorre i suoi successi si trovano anche degli inediti (sette per la precisione). In questo lavoro emerge ancora una volta l’immenso background musicale dell’artista catanese, forse per quella sua tendenza a mescolare generi diversi, a divertirsi, dove come sempre la sua voce calda si staglia, profonda. Non dimentica mai il suo pubblico, caloroso tanto in Italia quanto all’estero, dal quale si sente spesso più amato che da se stesso. Uno dei nuovi singoli, “Gratitude” esprime appieno questo rapporto di fiducia: come lo definisce lui stesso “amichevole, naturale, alle volte litigioso: in fondo non ho facce da nascondere”. Inizia così un anno di festa, celebrato con un tour che lo vedrà impegnato in diverse località, a partire dal 6 Marzo, a Genova.

Mario Biondi festeggia in questo modo i suoi dieci anni di carriera discografica, ringraziando ancora oggi quella “This is what you are” che lo ha lanciato nel panorama musicale a livello internazionale, che dopo venti anni di carriera nell’ombra lo ha reso il noto cantante che ha un pubblico e nuove storie da raccontare, da parafrasare sulle note delle canzoni. Non mancano, alla fine della chiacchierata, i ringraziamenti alla sua casa discografica, la Sony, con la quale afferma di aver avuto un rapporto di libertà che gli ha permesso sempre di esprimersi come voleva. Non mancano nemmeno le suggestioni: cantare, perché no, anche con Lady Gaga.

In amore non è mai facile prendere l’iniziativa. Ma, dopo che si acquisisce questa capacità, il passo più difficile è stupire: Mario Biondi, con questo disco, testimonia di essere ancora in grado di farlo.

Buon ascolto!

Andrea Migliorini

Comments on Facebook

Comments are closed.