Il 21 ottobre esce “saintmotelevision”, il nuovo disco dei Saint Motel

Dunque cos’è poesia? Ce lo spiega Bob Dylan
18 ottobre 2016
Gli Urban Strangers incontrano la stampa: sono loro l’anti boyband?
18 ottobre 2016

Il 21 ottobre esce “saintmotelevision”, il nuovo disco dei Saint Motel

Il 21 ottobre, a due anni dal fortunato EP “My Type”, torna la band californiana SAINT MOTEL, con il nuovo album “saintmotelevision”, già anticipato in radio dal singolo (nonché prima Istant Grat Track) “Move”.

Saint MotelIn Italia, i SAINT MOTEL hanno avuto particolare successo, guadagnandosi un disco di PLATINO per “My tipe”  e uno d’ORO per  “Cold Cold Man”, partecipando a show di primaria importanza con il 65° Festival di Sanremo,  la finale di XFactor8The Voice e Quelli che il calcio. Sono stati anche testimonial, con Bianca Balti, della campagna OVS f/w 2015, a cui ha fatto da colonna sonora il singolo “Puzzle Pieces”.

“saintmotelevision” è stato registrato a Los Angeles nei primi mesi dell’anno, con la produzione di Lars Stalfors (Cold War Kids, Matt & Kim) e Tim Pagnotta (Walk The Moon) tra gli altri, oltre allo stesso cantante del gruppo A/J Jackson.

I Saint Motel hanno recentemente partecipato al festival Lollapalooza, al ACL Music Festival di Austin (1 e 8 ottobre) e saranno presenti al Voodoo Music + Arts Experience di New Orleans (29 ottobre) e sono tuttora in tour in tutti gli Stati Uniti.

I Saint Motel sono una band di Los Angeles composta da A/J Jackson (cantante), Aaron Sharp (chitarra), Dak (basso) e Greg Erwin (batteria) che si sono conosciuti in una scuola di cinema in California e hanno debuttato nel 2009 quando hanno incominciato ad esibirsi nei posti più strani, da una festa in mutande in un magazzino, dal retro di un camion a un party di San Valentino dove gli ospiti erano ricoperti di sangue e vestiti da mummie. Hanno così suonato in tutti gli Stati Uniti fino ad  aprire i concerti degli Arctic Monkeys e degli Imagine Dragons .  Il loro album di debutto è  Voyeur del 2012  conteneva “Ace In The Hole” , arrivata al #1 in  Hype Machine, è stato celebrato da tutti da The Washington Post a  Daytrotter ed è stato capace di miscelare una musica che spazia dal dream-pop all’indie prog.

A cura di Michelangelo Paolino

Comments are closed.