Nek racconta “Unici” alla stampa, il suo nuovo album fuori il 14 ottobre

Un successo annunciato: il concerto di Ben Harper al Forum di Assago
9 Ottobre 2016
E’ uscito il video di “Amore Wi-Fi”, l’ultimo successo di Benji & Fede GUARDA IL VIDEO
10 Ottobre 2016

Nek racconta “Unici” alla stampa, il suo nuovo album fuori il 14 ottobre

Sono più entusiasta oggi che vent’anni fa!” esordisce così Filippo Neviani, in arte Nek, alla conferenza stampa di presentazione del nuovo disco, la cui uscita è programmata per il prossimo e ormai imminente 14 ottobre. Parla di tutto: della sua adulta consapevolezza che gli permette di capire le proprie scelte, delle nuove influenze musicali che tendono verso la componente elettronica, delle piccole e caratterizzanti vicende familiari, della figlia Beatrice, lasciando poi spazio alle domande dei giornalisti. “E’ il disco che parla”, in fondo.

Si definisce “bambino nostalgico”, un’espressione che è quasi un ossimoro ma che al contempo racchiude entrambi i piani, quello stilistico e quello emotivo, di un artista che aspira sempre a migliorarsi. Infatti, in questo nuovo album, si notano tanto le tradizionali basi dei suoi lavori quanto le nuove tendenze sonore, come, ad esempio, nel singolo “Mia”, dove il cantante si cimenta in un ritmo RnB, oppure in “Questo sono io”, il cui testo si ispira liberamente alla poesia di Erri De Luca.

Nek UniciSi presenta come un artista nuovo e antico, malinconico e futurista. Da una parte vi è il “nostalgico”: la profondità dei testi, una caratteristica dei pezzi di Nek fin dai primi singoli; il suo lavoro come polistrumentista, dalla batteria al basso, suo primo amore, passando per la chitarra e la tastiera. Dall’altra emerge il “bambino”: lo stupore nei confronti dei nuovi stimoli, la componente energica che lo contraddistingue in ogni momento, la voglia di fare che lo porta ad asserire che vorrebbe che il giorno fosse formato da 48 ore, perché 24 non sono abbastanza, la voglia di suonare tanto, di stare tra la gente e sentire il calore del pubblico, di apprendere come un giovane studente. Un Nek, insomma, che guarda al futuro ma non rinnega il proprio passato, simile a un albero che per crescere più in alto coi rami ha bisogno di affondare più saldamente le radici nel terreno, nella “sua terra”, parafrasando il titolo di una delle sue canzoni.

Questa commistione di animi si riflette appunto nelle undici tracce che compongono la tracklist, non a caso definite come figli dallo stesso artista, che mostrano una forte componente nuova la quale permette al disco di rimanere al passo con i tempi musicali. Anche il pubblico, rivela il cantante, riflette questa nuova alchimia: a coloro che lo hanno sempre seguito si affiancano nuove orecchie e nuovi cuori pronti ad accogliere la sua voce. Tra i suoi fans si annovera anche la componente latino-americana, dove il disco uscirà con il nome di “Unicos”.

Nek Unici1Un “bambino nostalgico”, tuttavia , che non può fare a meno di nutrire un sogno. Lo confessa il suo manager, Gabriele Parisi, quando annuncia, ancora non ufficialmente, che la prima data del Tour si terrà all’Arena di Verona, indicativamente verso Maggio 2017. Un luogo dove Nek non ha mai cantato e che sembra la location ideale per permettere la completa realizzazione di questo album, scandendo i 25 anni di una carriera che sembra appena cominciata.

Nek si presenta oggi come un artista unico, il singolare del titolo che dà il nome all’intera raccolta. Un titolo non casuale, frutto di una riflessione che mette in luce la particolarità di ciò che potrebbe apparire banale, l’unicità delle piccole cose, “la spettacolarità della rosa nel deserto e di quella sul davanzale della cucina”, per citare le sue parole.

Si congeda con una battuta sulla sua amata città natale, Sassuolo, definendosi un provinciale, e con un pensiero a Sanremo al quale non prenderà parte nonostante l’amicizia con il prossimo conduttore Carlo Conti. Saluta tutti con l’immancabile ed entusiastico sorriso, come se fosse il suo primo disco: “e non c’è definizione/ se ogni volta è una prima volta” canta Nek e pensa il pubblico che ascolta questo nuovo di disco.

Articolo di Andrea Migliorini

Comments on Facebook

Comments are closed.