Un successo annunciato: il concerto di Ben Harper al Forum di Assago

Tra emozione e ritmo, Apparat all’Outdoor Festival di Roma
9 Ottobre 2016
Nek racconta “Unici” alla stampa, il suo nuovo album fuori il 14 ottobre
10 Ottobre 2016

Un successo annunciato: il concerto di Ben Harper al Forum di Assago

ben-harperVenerdì 7 ottobre, Milano Assago Forum, il primo freddo e quell’adrenalina che si prova solo nei momenti in cui si capisce che si sta per assistere a qualcosa di veramente unico e speciale. Un concerto di Ben Harper and the Innocent Criminals è come stare nella propria camera a farsi cullare dalle loro note ma soprattutto dalla sua voce che riempie il Forum e scalda i cuori di quelle persone che lui continua a ringraziare dopo ogni brano, emozionato quasi più di tutti noi che non riusciamo a smettere di battere le mani soprattutto dopo esserci sorpresi di cantare Diamonds on the inside già al secondo pezzo in scaletta.

I tamburi e le percussioni della band ci conducono tutti in un altro spazio e in un altro tempo, ci risuonano dentro, e il freddo patito a fare la fila diventa solo un ricordo. Il ritmo ci riscalda. Parla poco, Ben, e lascia che sia la sua musica ad essere la vera protagonista. La sua musica e la sua voce: decide a un certo punto di accantonare il microfono e continuare a cantare. La sua voce ha comunque la capacità di riempire il palazzetto e di farsi sentire, di emozionare. Non è sicuramente da tutti una potenza vocale simile: lascia tutti con la pelle d’oca. Gli applausi continuano: il pubblico è esterrefatto, tanto da ritrovarci tutti in piedi a ringraziarlo per questa sua indimenticabile performance che si chiude con With My Own Two Hands con le luci accese, perché lui vuole vederci tutti ballare e cantare insieme a lui, ringraziandoci per l’entusiasmo e l’affetto dimostrato.

Un concerto che durante le sue due ore, e per tutte le venti canzoni presenti in scaletta, non ha smesso di convincere il pubblico ed emozionarlo. Un vero successo.

Comments on Facebook
Manuel Malavenda
Manuel Malavenda
A furia di raccontare le sue storie, un uomo diventa quelle storie. Ecco perché scrivo da sempre: per confondermi con le parole, immaginare cose che non si possono vedere e raccontare cose che si possono solo sentire. Come la musica. Ho una pagina Facebook dove parlo della bellezza, perché è di questo che dovremmo riempire le nostre vite: di bellezza.

Comments are closed.