#4fan: Il Vaffanclub di J-Ax

#4fan: Paramore Italia
29 Giugno 2016
“Afrofunky” è il nuovo singolo di Cecile in collaborazione con Amref
30 Giugno 2016

#4fan: Il Vaffanclub di J-Ax

Quando si pensa al mondo del rap italiano non si può non pensare ad uno dei pionieri di questo genere musicale, Alessandro Aleotti, in arte J-Ax. Con una carriera alle spalle che vanta collaborazioni di spicco, molti riconoscimenti e tormentoni che hanno caratterizzato una generazione, J-Ax è sempre al passo con i tempi, rinnovandosi e raccontando l’Italia, la sua Milano, le vicende della vita sempre in chiave provocatoria, ma con uno stile che lo ha sempre contraddistinto. Abbiamo fatto quattro chiacchere con Marta, amministratrice della pagina Facebook Official J-Ax Vaffanclub (http://bit.ly/28ZL79u), per saperne di più del mondo di uno dei rapper più famosi d’Italia.Vaffanclub

 Presentazione-flash: Chi sei? Che lavoro fai e quanti anni hai?

MARTA: Mi chiamo Marta, ho 22 anni e sono una studentessa di giurisprudenza.

Da quanto segui J-Ax?

MARTA: Ho iniziato ad ascoltarlo quando faceva ancora parte degli Articolo31. Era appena uscito il cd Italiano Medio ed avevo poco più di 10 anni. Gli Articolo erano una vera e propria fissa, più i miei genitori mi dicevano che la loro musica non fosse educativa più mi veniva voglia di ascoltarla.

Come hai creato la pagina? Riesci a riassumere brevemente le dinamiche che hanno portato alla costruzione della vostra fanbase?

MARTA: È stato proprio Ax che nel 2011 ha chiesto ad alcuni suoi seguaci di gestire il Vaffanclub (questo è il nome del nostro Fanclub, ovviamente scelto da Ax) e creare una pagina per tenere i contatti con il pubblico, prima di noi se ne occupava la sua fondatrice Tati.

Quanti concerti hai visto di J-Ax?

MARTA: Dal 2004 all’ultimo tour credo di avere partecipato ad una trentina di date in totale tra concerti e Dj Set.

Quale è stato per te il più bello?

MARTA: Quello di Cattolica nel 2009, avevo solo 15 anni ed era stato difficilissimo convincere i miei genitori a mandarmi a quel concerto. Alcuni fans si erano organizzati per restare qualche giorno in campeggio a Riccione insieme e concludere la vacanza con il live. È stata dura come conquista, ma ho passato dei giorni indimenticabili.

Cosa ami di J-Ax?

MARTA: Di J-Ax come artista amo i testi, mi hanno insegnato tantissimo ed ho sempre adorato il fatto che non tutte le persone fossero capaci di apprezzarlo, magari perché è più facile fermarsi ai tatuaggi piuttosto che ascoltare seriamente le sue canzoni. Di J-Ax persona invece amo la semplicità, nonostante il suo successo ha sempre mantenuto un rapporto speciale con tutti noi, non è una cosa comune.

Quale è la tua canzone preferita di J-Ax?

MARTA: Questa è una domanda difficilissima da fare ad un fan, non credo di saperti rispondere, diciamo che dipende dal mio stato d’animo.

Hai qualche aneddoto da raccontarci?

MARTA: Qualche anno fa avevamo un forum dove gli utenti potevano commentare liberamente tutto ciò che riguardava Ax. Un giorno, alcuni fans storici, hanno espresso disappunto nei confronti di alcune sue scelte artistiche sostenendo di esserne rimasti delusi. Dopo avere letto, Ax li ha contattati ed invitati in studio per discutere di ogni loro perplessità e gli ha permesso di ascoltare il disco che stava per uscire in anteprima.

Da dove prendete i contenuti che condividete?

MARTA: Dipende, a volte dalle pagine ufficiali dall’artista o dell’ufficio stampa, altre volte leggiamo online e chiediamo conferma all’etichetta discografica per poter condividere la notizia.

Con una parola come descrivereste J-Ax?

MARTA: J-Ax è un Poeta moderno (se me ne concedi proprio solo una basta “poeta”!)

Se avessi la possibilità di intervistarlo, cosa gli chiederesti?

MARTA: Fortunatamente ho avuto questa possibilità un paio di anni fa (c’è anche il video su Youtube!), attualmente però gli chiederei quando abbia intenzione di iniziare il prossimo tour…perché non sto più nella pelle!

Comments on Facebook
Simonetta Poltronieri
Simonetta Poltronieri
Chiamatemi Mimmi. Amo avventurarmi alla ricerca di qualcosa di nuovo, sempre in compagnia della musica, fedele compagna di vita. Mi diverto a raccontare aneddoti musicali qui e su Radio Bocconi, tra una risata e una bella canzone. Amo viaggiare e perdermi nel mondo, anche solo con la fantasia, costantemente alla ricerca della colonna sonora della mia vita.

Comments are closed.