IL PROFESSIONISTA di Tommaso Agnese porta il Fabrique Du Cinema a Teatro

#VillaAda2016: Roma incontra il Mondo. Ecco il calendario dei concerti!
30 Maggio 2016
Zero Assoluto: Matteo e Thomas questa sera sul palco di “RadioItaliaLive – Il Concerto”
9 Giugno 2016

IL PROFESSIONISTA di Tommaso Agnese porta il Fabrique Du Cinema a Teatro

Il Fabrique du Cinema, un moviemento culturale dedicato alla promozione dell’arte Under 35, continua a tessere la propria tela artistica, bussando alle porte del teatro.

Lo spettacolo lanciato Fabrique du Cinéma, affiancato da  mostre di arte  contemporanea, è un’idea innovativa che ha sapore della sperimentazione, dare spazio ai giovani è una scelta rischiosa e coraggiosa, d’altrone come recita lo stesso protagonista durante la rappresentazione: “La vita è come un dado, non sai mai quale numero ti uscirà.” 

Lo  spettacolo teatrale “IL PROFESSIONISTA”, una dark-comedy scritta e diretta da Tommaso Agnese, è una pièce che fonde cinema, televisione e teatro creando un mix vincente tra giovani emergenti e figure di grande esperienza. Tra gli interpreti ricordiamo il protagonista Maurizio Tesei che abbiamo visto di recente nell’acclamata opera prima di Gabriele Mainetti Lo chiamavano Jeeg Robot, al suo fianco Marco Rossetti, protagonista di Squadra Mobile e la cantante e attrice Mimosa Campironi, conosciuta a teatro per il Romeo e Giulietta di Gigi Proietti e per il film Pecore in Erba di Alberto Caviglia, presentato alla scorsa Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia. Accanto a loro dei grandissimi nomi di teatro, cinema e tv come Luigi Di Fiore, che in televisione abbiamo visto recentemente, sia in 1992, che, come coprotagonista, nella serie RaiUno Baciato dal sole, grande attore anche di teatro, ha lavorato con Vittorio Gassman, Giorgio Strehler, Anna Strasberg, e tanti altri. E poi Antonino Iuorio, che ha recitato con alcuni fra i più grandi registi cinematografici e teatrali da Fellini, Alberto Sordi, Marco Risi, Steno, Lucchetti, Veronesi, Terry Gilliam a Ronconi, Martone e Malosti. Senza dimenticare Paolo Perinelli, attore teatrale e cinematografico di grande esperienza e Nicolas Paccaloni giovane talento emergente.  L’autore del testo, Tommaso Agnese, regista e sceneggiatore di cinema e tv, ha portato in scena con successo lo spettacolo teatrale SDC- SOLDI, DENARO, CONTANTI nel 2014 e tutti gli spettacoli degli eventi del primo anno di vita di Fabrique du Cinema, mentre nel cinema ha da poco esordito l’anno scorso con la sua opera prima Mi chiamo Maya, prodotta da MagdaFilm e RaiCinema in collaborazione con il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali.

Una coltre di fumo inonda il palcoscenico  dando il via allo spettacolo. Tra le nubi  una sagoma oscura, si palesa per raccontare la sua storia.

La figura  non è altro che un sicario al libro paga di un’organizzazione criminale. La sua unica compagna è una Colt calibro 45, per il resto la solitudine lo divora, lo consuma. Mentre la sua arma fa fuoco verso le vittime designate, a far infuocare il suo cuore sarà Juliet, una splendida cantante incontrata in un night.

Ai continui sconvolgimenti tellurici dell’animo del protagonista, fa da pendant la scenografia realizzata da Fabrizio Bellaci e Davide Germano che, utilizzando del truciolato, forgiano gli elementi della scena in guisa che possano assumere varie forme, incastrandosi durante la messinscena come tessere di un mosaico.

Il conflitto interiore è reso adeguatamente con la personificazione del lato oscuro di Aron, interpretato efficacemente dall’adone Marco Rossetti, che realizza, in coppia con Maurizio Tesei, una delle scene più intense della rappresentazione.

La dark-comedy di Tommaso Agnese si rivela interessante e al contempo divertente, mercé il monologo esilarante di Antonino Iuorio (nei panni del rivale in amore di Aron) che consente di alleggerire la narrazione.

Quando inspiegabilmente Juliet scompare dalla sua vita, lasciandogli solamente una lettera di addio, Aron decide di riprendere la pistola e ricominciare la sua professione, non senza dubbi e grandi difficoltà. Proprio nel bel mezzo di una missione dall’esito fallimentare, pieno d’incertezze e preoccupazioni, incontrerà nuovamente Juliet, ma ormai nulla sarà più come prima.

 

Comments on Facebook
Valentino Cuzzeri
Valentino Cuzzeri
Appassionato delle potenzialità dei nuovi media e la loro scientifica misurabilità, intraprende una carriera accademica incentrata sul Digital World. Fermamente convinto che il web rappresenti la nuova frontiera nell’ambito della comunicazione e dei Brand, inizia la propria esperienza lavorativa collaborando come consulente con alcune delle più grandi agenzie di comunicazione e marketing non convenzionale.

Comments are closed.