#4Fan: di fatto, OASIS MANIA!

Great Opening con The Martinez Brothers @Ballroom – Internazionali di Tennis
2 Maggio 2016
#4International – Troye Sivan per la prima volta live in Italia all’Alcatraz di Milano
3 Maggio 2016

#4Fan: di fatto, OASIS MANIA!

oasisAnni 90, due fratelli, una band, e dei veri capolavori della musica, come Wonderwall, considerata la canzone inglese più bella di sempre. Gli Oasis hanno segnato una generazione e hanno portato nel nostro Paese quel nuovo modo di fare musica che li rende una delle band migliore di tutti i tempi. Da un amore comune nasce Oasis Mania, la fanbase principale degli Oasis nel mondo, che ha tutte origini nostrane. Abbiamo intervistato uno degli amministratori della pagina in vista del loro annuale raduno che si svolgerà il 7 Maggio all’Epoca di Milano.

Presentazione-flash: chi sei? Che lavoro fai e quanti anni hai?

FRANCESCO: Ciao, mi chiamo Francesco, collaboro con una azienda che si occupa di trasporto ai concerti e ho 30 anni.

Da quanto segui gli Oasis?

FRANCESCO: Seguo gli Oasis da vero appassionato dall’anno 2000, anno in cui uscì il loro quarto album Standing on the Shoulder of Giants. Conoscevo comunque già le loro canzoni principali pubblicate negli anni precedenti.

Come è stata creata la pagina? Riesci a riassumere brevemente le dinamiche che hanno portato alla creazione della vostra fanbase?

FRANCESCO: La Pagina è stata creata da Daniele Puccio e suo fratello nel 2008, alle soglie (purtroppo) dello scioglimento. Esisteva già un gruppo privato perché inizialmente non era possibile creare pagine. In poco tempo, con voglia e dedizione, siamo diventati la pagina più seguita al mondo. Oltre ai fan europei i più caldi sono quelli asiatici e sudamericani. La pagina ha continuato a crescere negli anni anche dopo lo scioglimento della band perché i due fratelli hanno portato avanti due progetti e ci siamo prodigati a seguire anche questi. Oltre la pagina, che con più di 150mila fan è, comprensibilmente, abbastanza “dispersiva”, abbiamo un gruppo di un migliaio di persone, tutte italiane, che rappresenta lo zoccolo duro di fan. Molti di noi si conoscono di persona grazie ai concerti e si sono create belle amicizie. Organizziamo eventi e raduni nazionali in tutta Italia che hanno sfiorato le 900 presenze e in location come l’Atlantico di Roma. Il prossimo sarà il 7 Maggio a Milano con Francesco Mandelli, Soltanto e Tommaso Paradiso.

Quanti concerti degli Oasis hai visto?

FRANCESCO: Personalmente ho visto 3 concerti degli Oasis tra il 2002 e il 2009. Una volta scioltisi ho visto numerosi concerti dei Beady Eye (la band del cantante Liam) e di Noel Gallagher.

Quale è stato per te il più bello?  

FRANCESCO: Di ogni concerto ho bellissimi ricordi: ricordo volentieri il primo a Lucca nel 2002, che fu anche il mio primo concerto in assoluto. Anche se può sembrare strano, però, i ricordi più belli non li ho dei concerti degli Oasis ma di quelli dei Beady Eye e di Noel Gallagher, in quanto li ho visti tutti con parecchi amici e ne avrei tante di storie da raccontare..forse la più pazza è del concerto di Liam Gallagher e dei suo Beady Eye a Warrington (un sobborgo di Manchester)….Massa-Roma-Mancheste- Warrington-Manchester-Roma in 30 ore!!

Cosa ami del gruppo?

FRANCESCO: Sicuramente è una risposta banale ma rispondo dicendo “le loro canzoni”. Ogni loro canzone, esclusi rari casi, mi suscita una forte emozione nonostante le abbia ascoltate tantissime volte. Adoro la voce graffiante di Liam ma anche quella di Noel che lo è meno… altra cosa è la loro arroganza nel modo di porsi, forse perché io sono diametralmente l’opposto.

Quale è la tua canzone preferita degli Oasis?

FRANCESCO: La mia canzone preferita è sconosciuta a chi non è un fan della band come lo sono io, mentre è molto apprezzata da chi invece le segue, come nel mio caso! Si chiama Rockin Chair, lato b della più famosa Roll With It e contenuta nella raccolta chiamata The Masterplan uscita nel 1998. Ma darti un titolo solo è difficile, infatti il mio cuore è “diviso a metà” tra questa e Listen Up, altra b side che a mio parere ha il testo più bello della loro storia

Hai qualche aneddoto da raccontarci?

FRANCESCO: Di aneddoti riguardo ai Gallagher ne abbiamo diversi perché negli ultimi anni siamo riusciti fortunatamente ad incontrali qualche volta, anche se giusto per un saluto e una foto. Liam e Noel hanno due caratteri diversi e lo si capisce anche dal modo in cui accolgono i fan. Vedere Liam ben disposto verso foto ed autografi è la normalità, Noel invece è più refrattario a queste cose e non sempre si rende disponibile. Personalmente ho incontrato Liam diverse volte e, prima di scattarsi foto, è lui il primo a salutarti e stringerti la mano, è contento del contatto coi fan. Noel l’ho incontrato in un hotel a Milano con diversi miei amici. E’ stato costretto a farsi una foto con noi perché l’ascensore che aveva chiamato non era al piano.. Ci ha ordinato “Quickly” e poi è scappato in camera. Poche ore dopo però è successa una cosa divertente: è sceso nella Hall dell’albergo per seguire la partita del City in tv e noi l’abbiamo vista a due passi da lui, nella stessa stanza. È stato divertente vederlo esultare quando ha segnato la sua squadra del cuore. L’anno scorso invece, sempre fuori dallo stesso albergo, si stava rifiutando di firmarmi la copertina di un disco degli Oasis perché sulla stessa c’era la firma del fratello!

Quella sera Noel si sarebbe esibito a Milano e noi eravamo li con gli altri amministratori della pagina e i membri della cover band ufficiale di Oasis Mania, i Rubbish. A fine concerto i membri dei Rubbish hanno avuto la fortuna di incontrare Noel ubriaco all’interno dell’hotel, e per questo era ben disposto per selfie e autografi. Per gli altri fan non era più possibile entrare, ma loro erano all’interno per un colpo di fortuna: quella mattinata avevano comprato un Gratta e Vinci in autogrill e vinto una bella somma che gli ha permesso di poter pernottare in quell’Hotel, che ha prezzi improponibili per noi “comuni mortali”.

Da dove prendete i contenuti che condividete?

FRANCESCO: La pagina viene al momento gestita da 4 amministratori ed ognuno ha il suo compito. Prendiamo i video da youtube, le immagini spesso le creiamo noi e le foto dei concerti da twitter! Scriviamo anche articoli e news…abbiamo le nostri fonti ma non possiamo dirvi tutto!

Con una parola come descrivereste il gruppo?

FRANCESCO: Descrivere la propria band preferita in una sola parola è impossibile o perlomeno molto difficile..ma per il loro atteggiamento passato direi “arrogante”.

Se avessi la possibilità di intervistarli, cosa gli chiederesti?  

FRANCESCO: Per mia fortuna ho avuto modo di incontrarli diverse volte ma da semplice fan, e più di un saluto e una foto non sono mai riuscito a farlo… la domanda è sempre la più banale e ricorrente ma sarebbe bello potergliela fare di persona guardandoli di persona: “allora, stronzoni, tornate sul palco insieme o no?”

Ottima domanda, non c’è che dire! Ci salutiamo, nella speranza che un giorno il desiderio di vedere la famiglia Gallagher al completo su un palco a fare emozionare milioni di fan un giorno possa avverarsi.

 

 

Comments on Facebook
Simonetta Poltronieri
Simonetta Poltronieri
Chiamatemi Mimmi. Amo avventurarmi alla ricerca di qualcosa di nuovo, sempre in compagnia della musica, fedele compagna di vita. Mi diverto a raccontare aneddoti musicali qui e su Radio Bocconi, tra una risata e una bella canzone. Amo viaggiare e perdermi nel mondo, anche solo con la fantasia, costantemente alla ricerca della colonna sonora della mia vita.

Comments are closed.