Zucchero presenta Black Cat: a 60 anni parlo di sesso perché…quando ci vuole, ci vuole!

#4EMERGENTI ASCOLTA IL MORO LA BAND CAPITANATA DA MARTINO IACCHETTI
28 Aprile 2016
#4International – Tom Odell alla conquista di Milano, live al Tunnel Club
29 Aprile 2016

Zucchero presenta Black Cat: a 60 anni parlo di sesso perché…quando ci vuole, ci vuole!

COVER_BLACK CAT_ZUCCHERO_bNon ha certo pensato al gatto nero che attraversa la strada Adelmo Fornaciari, in arte Zucchero, che ha presentato oggi alla stampa Black Cat, il nuovo album distribuito da Universal uscito oggi. Il disco, anticipato dal singolo Partigiano Reggiano in Italia e Voci nel resto del mondo, è stato chiamato così perché è Black nei suoni, e cat perché il gatto è un animale libero, anarchico, come lo spirito di questo disco. Il back cat bone era poi un osso portafortuna per i bluesman come Muddy Waters, tutto il contrario della credenza che vede questo enigmatico felino portatore di sventura.

Un album importante, che arriva a distanza di cinque anni da Chocabeck e che verrà distribuito in tutto il mondo in quattro versioni diverse: una italiana, una internazionale, una spagnola e una orientale. Un lavoro colossale, che vede la produzione di tre magnati della discografia: T Bone Burnett, Brendan O’Brien e Don Was. L’album annovera anche la collaborazione artistica di Bono degli U2, che ha scritto Streets Of Surrender (S.O.S.), brano ispirato ai fatti di Parigi di Novembre, e con Elvis Costello con il quale ha realizzato Turn the world down. L’album, che a detta del presidente della Universal Alessandro Massara è una delle uscite più importanti sotto la sua direzione, è stato realizzato in un interessante mix tra analogico e digitale: suoni che Zucchero ha ricercato pensando alle piantagioni di cotone del sud degli Usa, ai suoni delle catene degli schiavi e a tutto l’immaginario nero dei primi anni del ‘900.

Zucchero_ foto di Meeno L.A. 12.2015-19410_bL’artista ha anche preso ispirazione da film Django, Il Colore Viola e 12 anni schiavo, che sono stati d’ispirazione per brani come Hey Lord, che Zucchero dedica “ai nuovi schiavi, gli emarginati in questo esodo biblico che stiamo vivendo, che non sono solo necessariamente le vittime del mare, di cui parla Irene nel suo brano ” – dice riferendosi a Blu, il brano che la figlia Irene Fornaciari ha presentato a Sanremo quest’anno. Zucchero ha anche parlato dell’intenzione con cui si è approcciato a questo nuovo lavoro: “Non ho voluto pensare a come e se potesse funzionare in radio. Diciamolo, a tutti fa piacere essere primi in classifica o passati in radio, ma così rischi di fare una roba solo per farla funzionare. Ho fatto un lavoro a ritroso, pensando: come scrivevo anni fa?”.

Anche in Black Cat non manca ovviamente l’approccio più disimpegnato e sensuale, caratteristica ormai nota dell’artista, sempre in bilico tra diavolo e acqua santa: “Finché ancora ho questo splempito (che nel gergo emiliano vuol dire energia, coraggio, n.d.r.) parlerò sempre di sensualità, che è una componente della musica che amo. A 60 anni parlo ancora di sesso perché quando ci vuole, ci vuole!” Black cat verrà presentato live da Zucchero a settembre, in anteprima mondiale all’Arena di Verona, nei suoi unici 10 concerti in Italia per tutto il 2016, prima tappa di un tour che impegnerà l’artista in tutto il mondo. Quelli del 16, 17, 18, 20, 21, 23, 24, 25, 27 e 28 settembre saranno 10 serate in cui l’artista porterà in scena uno spettacolo unico, regalando così al pubblico la possibilità di vivere un’esperienza inedita e irripetibile attraverso i suoi nuovi e vecchi successi. RTL 102.5 è la radio media partner ufficiale dell’Arena di Verona – 10 show, evento organizzato da F&P Group. I biglietti sono disponibili sui circuiti TicketOne e nelle prevendite abituali.

Vi lasciamo con la tracklist dell’album

Partigiano Reggiano

13 Buone Ragioni

Ti Voglio Sposare

Ci Si Arrende

Ten More Days

L’Anno Dell’Amore

Hey Lord

Fatti Di Sogni

La Tortura Della Luna

Love Again

Terra Incognita

Voci

Streets Of Surrender (S.O.S)

Comments on Facebook
Giuseppe Barone
Giuseppe Barone
Amo la musica, perché mi aiuta a dialogare con la mia anima. E dialogo con le altre anime attraverso la scrittura, perché scrivere è l'unico modo che ho per comunicare al mondo esattamente quello che sento. "Comportati da signore, vivi come un bambino", il mio motto.

Comments are closed.