“A Night in Boemia”: le emozioni dei Queen arrivano al cinema

#NAIFCLUBTOUR2016: Malika Ayane in versione elettronica per i club d’Italia
26 Aprile 2016
#4Sbando. Rock, Groupie & Gang Bang
27 Aprile 2016

“A Night in Boemia”: le emozioni dei Queen arrivano al cinema

Queen1La sensazione che assale qualsiasi persona veda quelle immagini è sempre la stessa: dannazione, ma perché non ho potuto vivere sulla mia pelle gli anni settanta? Quel sound, quella capacità scenica, quella potenza vocale e emotiva, riuscirà mai un altro gruppo a sprigionarle? La risposta probabilmente è no, ed è per questo che “quelli della mia generazione” non possono assolutamente perdersi spettacoli come questi, preziosi documenti quasi archeologici in quest’epoca digitale. Sto parlando del docu-film “Queen, a night in Boemia”, nei cinema di tutta Italia ma solo per tre giorni (16-17 e 18 maggio): lo straordinario reportage del concerto dei Queen all’Hammersmith Odeon di Londra, andato in onda in diretta televisiva (su BBC e BBC2) la notte di Natale del 1975, con la chicca della prima esibizione registrata del brano “Bohemian Rhapsody”, all’epoca appena uscito e già in testa alle classifiche inglesi.

Preceduto da interviste ai protagonisti, immagini di repertorio di Freddie Mercury, la prima intervista televisiva alla band e spezzoni di esibizioni famose (come quella ad Hyde Park), il concerto viene proposto in una versione rimasterizzata e restaurata in Ultra HD, con uno spettacolare surround, affinché anche in sala si possano godere le emozioni del live di oltre 40 anni fa.  E poi c’è lui, Freddie Mercury, straordinario animale da palco, due abiti diversi e “succinti” creati per lui da Wedy deSmet, smalto nero alle unghie (Brian May aveva optato per il bianco invece) e soprattutto una voce che mette i brividi anche a quasi mezzo secolo di distanza. “Now I’m Here” “Killer Queen” “Keep Yourself Alive” e naturalmente “Bohemian Rhapsody”, con un superbo medley rock a concludere (comprendente gli estratti di Stupid Cupid e Be Bop A Lula): le conosciamo tutti, e ci mangiamo le mani di non averle mai potute sentire dal vivo. Oggi possiamo però vivere un concentrato di quelle sensazioni che vissero i fortunati spettatori dell’Hammersmith Odeon stando direttamente seduti al cinema, consapevoli (sicuramente più dei spettatori dell’epoca) di star assistendo alla Storia. Quella con la esse maiuscola.

 

Comments on Facebook
Adalberto Piccolo
Adalberto Piccolo
Responsabile editoriale, responsabile della comunicazione, responsabile social media. Ma comunque poco responsabile. "Il Mondo non è perfetto: in un mondo perfetto Mark Chapman avrebbe sparato a Yoko Ono".

Comments are closed.