Debutto Italiano del progetto Dancing Partners al Teatro Vascello

Il libro che cambiò la storia del cinema oggi è un docufilm: Hitchcock/Truffaut nelle sale dal 4 al 6 aprile.
5 Aprile 2016
Homicide House. L’ironia noir di Emanuele Aldrovandi
18 Aprile 2016

E’ andato in scena ieri in Anteprima Nazionale presso il Teatro Vascello di Roma, con replica questa sera, il gala del progetto europeo Dancing Partners. Quattro le compagnie coinvolte: la spagnola Thomas Noone DanceNorrdans  per la Svezia, la britannica Company Chameleon e la nostrana Spellbound Contemporary Ballet.

Screen Shot 2015-12-11 at 02.29.30 copy copia

Ad aprire è proprio quest’ultima con una coreografia tutta al maschile dal titolo The Hesitation Day. Mauro Astolfi, il coreografo fondatore, prosegue con la propria personale ricerca stilistica tesa ad una sorta di ‘movimento perenne’, un flusso costante che sembra ispirarsi al moto dell’acqua: ad ogni azione corrisponde la reattività del proprio corpo e di colui con cui si viene a contatto. Coadiuvato da un efficace disegno luci – ad opera di Marco Policastro – e da una scelta musicale ipnotica, ne risulta un lavoro “aperto”, difficilmente circoscrivibile in un racconto familiare, ma proprio per questo capace di suggestionare ad un livello più profondo e intimo.

"Pas de Danse" Koreografi av Mats Ek för Norrdans 2015 Vårens Dansprogram " A´la Carte"

“Pas de Danse” Koreografi av Mats Ek för Norrdans 2015

E’ poi la volta della compagnia norvegese con un lavoro del celebre maestro visionario Mats EkPas de danse – particolarmente significativa la presenza, se si pensa al recentissimo ritiro dalle scene delle sue creazioni – è un’opera per quattro danzatori, allegra e scanzonata, una Giselle priva dei risvolti tragici, moderna e dinamica.

La rivelazione dello spazio scenico nella sua interezza, la privazione del fondale e delle quinte a svelare le altezze e le strutture che compongono il teatro, è l’atto primigenio alla base di Push danzato dagli ottimi Thomasin Gulgec e Theo Fapohunda per Company Chameleon. Un’opera onesta, un atto d’amore verso il teatro e l’interazione con l’altro, attingendo con convinzione al contact improvisation, firma di Anthony Missen e Kevin Edward Turner.

BS2A3036

A seguire Until The End, coreografia di Thomas Noone per tre interpreti molto eterogenei per stile e tecnica, pertanto efficaci nell’esecuzione di un triangolo di relazioni che indaga le mille sfaccettature che possono assumere queste ultime.

Torna nuovamente in scena la Norrdans, questa volta in un duetto a firma di Katrín HallTuomas abita lo spazio scenico con grande sapienza, animandolo di virtuosismi e connessioni spesso inediti.

A chiudere è ancora una volta la Spellbound, questa volta con l’ensemble al completo, lo studio III del già apprezzato “Lost For Words“, anche se nuovamente rivisitato. Una riflessione sempre attuale e forse ancor più cinica sulla perdita di concordanza tra significante e significato dell’universo dialogico. Slanci imprevisti, vicinanze necessarie e diversità possibili, sono alla base di un lavoro che porta all’estremo le capacità tecnico-interpretative dei nove danzatori e li trasforma in portatori sani di una ricerca incessante verso l’essenzialità, sia essa delle comunicazioni, degli incontri, dei sentimenti.

Dancing Partners sarà in scena ancora stasera presso il Teatro Vascello e l’8 Aprile presso il Teatro Flavio Vespasiano di Rieti, prima di riprendere il percorso itinerante che ne connota le attività. Il programma prevede spettacoli, incontri e iniziative collaterali attente a mettere in dialogo il contenuto artistico proposto con il territorio.

Di seguito le attività a corollario:

WORKSHOP GRATUITI
(prenotazione obbligatoria info@spellboundance.com)
6 APRILE

15:00/16:30
NORRDANS presso Daf Dance Arts Faculty, Roma

17:30/19:00
THOMAS NOONE DANCE presso Teatro Vascello
7 APRILE
16:30/18:00
NORRDANS presso sala ballo Teatro Vespasiano
18:00/19:30
THOMAS NOONE DANCE presso sala ballo Teatro Vespasiano
8 APRILE
15:30/17:00
COMPANY CHAMELEON presso sala ballo Teatro Vespasiano
17:30/19:00
SPELLBOUND presso sala ballo Teatro Vespasiano

Comments on Facebook
Alice Ungaro
Alice Ungaro
Gravita nel mondo dello spettacolo e dell’audiovisivo sin da piccola, manifestando capacità organizzative e di leadership che la conducono velocemente dall’altro lato della camera. Fermamente convinta che lavorare con passione sia l’unico modo di lavorare, ha fatto dei suoi interessi il suo “core business” specializzandosi nell’organizzazione eventi e nella comunicazione.

Comments are closed.