Chitarre, incontri, pazzie: è “Lostileostile”, il nuovo album dei Marta sui Tubi

Energica preview dello Spring Attitude 2016 con i Battles al Quirinetta di Roma
1 Aprile 2016
#4TALENT Pietro Iossa: dopo il vuoto ho ripreso in mano la mia vita.
1 Aprile 2016

Chitarre, incontri, pazzie: è “Lostileostile”, il nuovo album dei Marta sui Tubi

marta sui tubiE’ come quando conosci la donna (o l’uomo) della tua vita, che senti i brividi di gioia ma anche quel pugno nello stomaco di chi sa di aver fatto l’incontro che cambierà tutto. E’ così “Lostileostile”, sesto album dei Marta sui Tubi in uscita oggi dopo tre anni dal precedente “Cinque, la luna e le spine”: un pugno allo stomaco, un susseguirsi di emozioni che ti trascinano, ti portano in alto a danzare tra amore e amicizia e poi ti fanno tornare a terra tra la violenza e la morte. Un album concettuale sul tema dell’incontro, che sia con un amico, con l’amore, con dei bulli o con il destino: l’incontro ma anche e soprattutto lo scontro, tra abitudini diverse, obiettivi diversi, pianeti diversi che si guardano, si annusano, si orbitano costantemente intorno per poi chiedersi se alla fine “dormirà da sola? Danzerà mai ancora?” (come in “Spinta Lenta”, vero capolavoro e punto focale dell’album interpretato insieme ad una leggiadra Gigliola Cinquetti, quasi settant’anni e non sentirli..).

Un disco che guarda alle origini, una battaglia per affermare ed esaltare i propri percorsi artistici sottolineata anche dal ritorno alla formazione iniziale a tre (Giovanni Gulino con le sue montagne russe vocali, Carmelo Pipitone e la sua straordinaria chitarra e Ivan Paolini, professore di ritmo e percussioni). Trainato dal primo singolo “Amico Pazzo”, una ballata rock e mistica sul tema dell’amicizia tra folli, “Lostileostile” scivola via con una dolcezza disarmante, tra ipnotici riff di chitarra e poderosi sussulti vocali, alternando melodie tipiche del loro classico repertorio (come la trascinante “+D1H (Più di un’ora)”, vero tormentone che già fatico a non canticchiare sotto la doccia o sullo scooter), suoni retrò (in “Con un sì”) e veri e propri momenti di puro rock incazzato e quasi psichedelico, come in “Qualche Kilo da buttare giù” o “Rock + Roipnoll”. Tredici tracce, sei corde e un tour in partenza il 7 aprile al Teatro Quirinetta di Roma, per emozionarsi e far emozionare tutti i fan che hanno anche contribuito alla produzione del disco tramite una mirabile operazione di crowdfunding: i Marta sui Tubi son tornati, e sono più genuini che mai!

Comments on Facebook
Adalberto Piccolo
Adalberto Piccolo
Responsabile editoriale, responsabile della comunicazione, responsabile social media. Ma comunque poco responsabile. "Il Mondo non è perfetto: in un mondo perfetto Mark Chapman avrebbe sparato a Yoko Ono".

Comments are closed.