#4International – Bring Me The Horizon e Don Broco, il tour dell’anno!

Il nuovo brano di Niccolò Fabi: “HA PERSO LA CITTÀ”
29 Marzo 2016
#4Sbando. Le 10 migliori canzoni d’amore. Per la marijuana.
30 Marzo 2016

#4International – Bring Me The Horizon e Don Broco, il tour dell’anno!

horizonSold out praticamente ovunque nel mondo, il tour dell’anno è senza dubbio quello dei Bring Me The Horizon, la band metalcore inglese che arriverà nel nostro paese per un’ unico, imperdibile tutto esaurito il prossimo 8 aprile all’Alcatraz di Milano, accompagnati per la trance europea della tournée dai conterranei Don Broco. Da prima ancora della pubblicazione dell’ultimo, quinto, album That’s The Spirit, avvenuta l’ 11 settembre 2015 direttamente al n°1 in classifica UK, il gruppo di Sheffield capitanato dal bel tenebroso Oliver Sykes non ha fatto altro che registrare un successo dopo l’altro, sia in patria che oltreoceano, ma anche l’Europa non è stata da meno e dopo una prima serie di show quest’ autunno nel nord del continente, il ritorno primaverile è attesissimo, soprattutto in Italia in cui i ragazzi mancano ben dal tour di Sempiternal del novembre 2013. Osannati come moderni Dei del rock in Gran Bretagna, i Bring Me The Horizon porteranno anche sul palco meneghino con energia incredibile un “crossover” senza limiti artistici, che spazia dal metal punk, passando per l’hardcore, lo scream e l’elettronica, con dei veri e propri inni come Happy Song, Throne, Shadow Moses, Ad essere sorprendente è soprattutto l’ultimo disco della band, leggermente spostato verso un terreno meno metal e più rock commerciale che ha conquistato orde di nuovi “adepti”, ma pregiudicato un po’ l’opinione dei metallari più intransigenti circa la credibilità della band, costruita negli ormai 10 anni di attività dal primo lavoro in studio, Count Your Blessings del 2006. A farla da padrone ad ogni concerto dei BMTH non sono solo le magliette della Drop Dead, la marca di abbigliamento alternativo di proprietà proprio del frontman della band, ma non manca mai sicuramente anche il pogo, la mischia tra il pubblico durante i brani più duri, e il “wall of death”, chiamato a gran voce dal cantante per tutta la durata della performance.  Chissà invece cosa succederà il prossimo 22 aprile alla Royal Albert Hall di Londra, luogo sacro della musica britannica di qualità che aprirà le porte ad Oli e soci in occasione del concerto benefico per il Teenage Cancer Trust, che verrà registrato per un DVD già ordinabile. D’altronde della poliedricità carismatica di questi ragazzi e soprattutto della loro “guida spirituale” Sykes ce ne siamo già accorti più di una volta, tra una rehab da ketamina e un matrimonio in Toscana con la bellissima tatuatrice Anna Pixie, senza dimenticare quella volta in cui Oliver è saltato sul tavolo dei Coldplay agli NME Awards, forse per dovere artistico o forse un po’ alterato per un’artwork molto simile. Per farvi un’idea e prepararvi, soprattutto fisicamente, alla prossima settimana, non possiamo che consigliarvi di dare un’occhiata e un’ascolto al set del Reading Festival dello scorso anno, considerato da tutti in assoluto il più bel concerto della band dello Yorkshire: sabato sera di fine agosto, rosso tramonto inglese, quasi 90000 persone che pogano, fate voi se questo non basta.

A proposito di festival, se per qualche strana imprevedibile coincidenza astrale doveste perdervi questo appuntamento live, i cui biglietti sono andati a ruba in pochi giorni già all’epoca dell’annuncio lo scorso ottobre, avrete ancora la possibilità di recuperare durante l’estate ad una delle tante celebri manifestazioni musicali a cui i ragazzi parteciperanno tra cui Rock Am Ring in Germania, Belsonic a Belfast, Sziget Festival a Budapest e Glastonbury Festival nel Somerset, la cui line-up è stata annunciata proprio questa mattina. Non da meno, in quanto a carisma sul palco e spettacoli sold out, sono i horizon1Don Broco, la band di Bedford con all’attivo due album, Priorities del 2012 e Automatic, pubblicato il … agosto 2015, che i Bring Me The Horizon, per amicizia e stima artistica, hanno scelto come supporter. Anche loro parecchio attesi dai fan nel bel paese, in cui la prima ed unica apparizione ufficiale risale al 2012, anche perché Rob, il frontman del gruppo, non a caso fa Damiani di cognome. La scorsa estate inoltre si dà il caso che i ragazzi si siano divertiti molto in quel di Lugano, appena fuori dai confini italiani, nella cornice del Longlake Festival. Non vorremmo essere proprio noi italiani a deluderli allora? Per nulla, nonostante sia stata più di una la critica rivolta al loro tipo di musica non troppo consona a quella dei protagonisti della serata secondo i sostenitori più “old school”. Per cambiare idea, avreste dovuto assistere ad uno dei loro live dell’ultimo tour britannico, culminato in una pienissima Brixton Academy di Londra, in cui la tranquillità delle sonorità pop era solo un’illusione in confronto all’energia alle stelle, e la gente che volava sulle teste degli altri che non si contava più, Rob compreso. Se non riuscirete a goderveli
live in questa occasione, non disperate, perché nei prossimi mesi pare che i Broco (per la lunga e strana storia del loro nome vi rimandiamo a wikipedia) saranno di casa qui, aprendo anche entrambi i concerti italiani del #SLFL Tour dei 5 Seconds Of Summer il 13 maggio all’Arena di Verona e il 14 al Palalottomatica di Roma. Ecco, su questa scelta forse i discorsoni degli appassionati di alternative rock più integralisti potrebbero anche essere accettati, ma senza ombra di dubbio suonare nel luogo simbolo della musica in Italia non è certo cosa di tutti i giorni.. Anche per loro vi rimandiamo al consigliassimo set del Reading Festival dello scorso anno, in attesa di una conferma anche di una partecipazione anche quest’anno all’evento più importante dell’estate musicale che pare arriverà a giorni.

BRING ME THE HORIZON

Top 3:  Drown,True Friends, Diamonds Aren’t Forever
Imperdibile: il video di Follow You pubblicato qualche settimana fa, ispirato, per bocca dello stesso Oli, a “come sarebbe il mondo se vincesse Trump”

DON BROCO

Top 3: What You Do To Me, Money Power Fame, Superlove

Imperdibile: Nerve, la ballad che chiude tutti i concerti della band pubblicata come ultimo singolo di Automatic

BRING ME THE HORIZON
+ Don Broco

08.04 MILANO, Alcatraz (SOLD OUT!!!)



apertura  18:30

supporto  20:15


Bring Me The Horizon  21:15

 

 

 

 

Comments on Facebook
Beatrice Costanzo
Beatrice Costanzo
Vita a Milano e cuore oltremanica, potete trovarmi con i fiori tra i capelli ad un festival indie, a scattare selfie con gli artisti che intervisto o sul prossimo aereo che mi porterà in giro per il mondo per un nuovo tour. Amo scrivere, creare playlist di band sconosciute e cambiare colore di capelli ispirandomi alle mie blogger preferite.

Comments are closed.