#4International: I Biffy Clyro sono tornati!

#4fan: Le Furie Rosse di Cesare Cremonini
21 Marzo 2016
Irene grandi e Pastis al Quirinetta, quando il pop incontra la videoarte musicale
22 Marzo 2016

#4International: I Biffy Clyro sono tornati!

biffySono stati i due anni più lunghi della storia del rock made in Scotland quelli di pausa dei Biffy Clyro, l’incredibile trio alternative rock di Kilmarnoch, osannati in patria e pieni di sostenitori in tutto il mondo tra cui sempre più numerosi sono quelli nel nostro paese, ma finalmente possiamo annunciarvi con gioia che questi tempi bui sono finiti: BIFFY ARE BACK!  Wolves Of Winter è il titolo del nuovo singolo della band, presentato globalmente da Zane Lowe per Beats1, la radio di Apple Music, alle 17.30 ora italiana del 21 marzo 2016, prima di essere ripresa dalle emittenti britanniche Radio X  e BBC Radio 1. Una specie di consacrazione, come d’altronde era naturale che accadesse per Simon Neil, affascinante frontman e chitarrista della band, e i gemelli James e Ben Johnston, rispettivamente basso e batteria, che mancano ufficialmente dai palchi dal concerto di Capodanno di Edinburgo e torneranno a calcarli solo ad inizio estate. Il nuovo, settimo album della band, Ellipsis, è previsto per il prossimo 8 luglio, solo due giorni prima dell’unica data italiana estiva il 10 luglio all’ I-Days Festival di Monza, a più di due anni di distanza dall’ultima performance a casa nostra, all’ Rock In Idro di Bologna nel 2014. Intervenendo telefonicamente alla trasmissione del dj inglese, Simon ha raccontato di essere molto eccitato per l’uscita della loro nuova musica e di come questa sia “La cosa migliore che abbiamo mai fatto, le canzoni migliori che abbiano mai scritto. è come se avessimo trovato un nuovo Verbo per i Biffy Clyro.” Venendo al brano, le reazioni dei primi ascoltatori sono state davvero svariate, da chi lo ha amato al primo ascolto a chi ancora non si è lasciato convincere, ma siamo sicuri che nel tempo lo adoreremo tutti, anche perché oltre ad inaugurare il nuovo lavoro di studio sarà quasi sicuramente il brano che aprirà le scalette del trio scozzese per i prossimi due o tre anni di tour.

Erano mesi che sentivamo parlare del ritorno dei Biffy Clyro come qualcosa di completamente nuovo e diverso da tutto quello che ci avevano regalato in 6 bellissimi album precedenti, ma non possiamo di certo far finta che questi, seppur in modo un po’ di verso dal solito, non siano i Biffy che ben conosciamo e amiamo. Il coro da gridare tutti insieme al cielo c’è, un’ottimo riff di chitarra anche, la batteria che spacca tutto non manca.. non saranno certo l’ attacco elettronico con il vocoder e delle lyrics un po’ deboli, che poi a riascoltare più volte neanche così tanto deboli, a farci cambiare idea. Anche se forse a questo stato di cose ancora non riusciamo a raffigurarci pienamente come suonerà l’intero album (l’unica altra canzone di cui per ora abbiamo notizia è On A Bang, suonata live a Capodanno), quel che è certo è che i ragazzi dell’ Ayeshire non deluderanno il loro pubblico, che sarà pronto a sostenerlo in ogni dove, soprattutto in vista dell’ultimo weekend di agosto che li vedrà impegnati come headliner ai Festival di Reading e Leeds e nel loro show “casalingo” più grande di sempre al Bellahouston Park di Glasgow in compagnia dei Fall Out Boy. In Italia è grazie a Opposites, il doppio album uscito nel 2013, che la fanbase dei Biffy Clyro si è consolidata sempre di più, però purtroppo la musica di questa grande band rimane ancora purtroppo sconosciuta ai più. Secondo noi invece non dovreste davvero lasciarveli scappare, e non solo perché anche l’occhio vuole la sua parte (sono diventati famosi perché suonano a torso nudo, a buon intenditor poche parole..)!

Formati come gruppo a 15 anni con il nome di Screwfish, è solo dopo gli anni di università a Glasgow, in cui i ragazzi si dedicano allo studio dell’elettronica e l’ingegneria musicale, che la band inizia ad ottenere un discreto successo pubblicando il primo album Blackened Sky nel 2001, che diventa subito uno dei classici del panorama alternative rock scozzese con brani imperdibili come 27, 57 e Justboy. Seguono The Vertigo Of Bliss nel 2003, di cui non potete non ascoltare All The Way Down, e Infinity Land nel 2004 contenente tra le altre Glitter And Trauma, ancora parte fissa dei set a più di 10 anni anni di distanza. Gli ultimi 3 dischi pubblicati poi sono un capolavoro dopo l’altro, imprescindibili per qualunque appassionato di rock britannico che si rispetti: Puzzle del 2007 con le sue emozionanti ballads Folding Stars e Machines, Only Revolutions del 2009 e inni rock come Mountains, Bubbles, God & Satan, Many Of Horror e infine il numero uno in classifica Opposites, di cui è impossibile citare solo alcuni brani, ma uno su tutti non può che essere Biblical. Impossibile parlare dei Biffy da loro fan senza elogiarli ogni due parole e senza dubbio la dimensione migliore in cui poterli apprezzare è quella dal vivo, in cui il loro rock melodico si amalgama a testi profondi e mai banali, gridati con forza o sussurati in modo commosso con forte accento scozzese. Uno stile particolare che ha ispirato moltissime altre band del nord del Regno Unito e che in futuro sicuramente regalerà tanto altro alla musica britannica.

Per fan di: Foo Fighters, Foals, Fall Out Boy

Top 3: Many Of Horror, Biblical, Wolves Of Winter

In playlist con: Arcane Roots, Twin Atlantic, The XCerts

Per ascoltare Wolves Of Winter:

https://itunes.apple.com/us/post/idsa.c816392d-ef80-11e5-81fa-97abe40ebdd0

Comments on Facebook
Beatrice Costanzo
Beatrice Costanzo
Vita a Milano e cuore oltremanica, potete trovarmi con i fiori tra i capelli ad un festival indie, a scattare selfie con gli artisti che intervisto o sul prossimo aereo che mi porterà in giro per il mondo per un nuovo tour. Amo scrivere, creare playlist di band sconosciute e cambiare colore di capelli ispirandomi alle mie blogger preferite.

Comments are closed.