A Roma, la sesta edizione del Festival Internazionale della Danza

Sanremo2016: le pagelle della seconda serata
11 Febbraio 2016
Sanremo 2016: il commento della quarta serata
13 Febbraio 2016

A Roma, la sesta edizione del Festival Internazionale della Danza

L’Accademia Filarmonica Romana e il Teatro Olimpico aprono ufficialmente la sesta stagione di danza in quattro appuntamenti dal 10 febbraio al 28 maggio 2016. È il Teatro Italia, in questi giorni, ad ospitare l’inaugurazione del festival affidata ai MOMIX, popolare compagnia americana fondata e diretta dal coreografo Moses Pendleton, in scena fino al 21 febbraio con “Opus Cactus”. La creazione ispirata ai paesaggi desertici del mondo torna dopo 15 anni dal debutto in una nuova versione rivisitata dalla giovane generazione dei danzatori MOMIX e adattata alle rinnovate atmosfere del mondo contemporaneo. Tra le musiche, anche suoni naturali, canti degli aborigeni australiani e composizioni di Brian Eno.

Il festival continua il 29 aprile con Astra Roma Ballet diretto dall’étoile Diana Ferrara. In scena la nuova creazione della coreografa Sabrina Massignani “George Sand. ‘Uomo’ e libertà”, ispirata alla vita e alla produzione dell’ anticonformista scrittrice francese. Interpreti principali, i primi ballerini (colleghi e sposi) del Teatro alla Scala di Milano Sabrina Brazzo e Andrea Volpintesta.

Il terzo appuntamento è con Aterballetto, ospite abituale del festival, in scena il 24 e il 25 maggio con uno spettacolo composto da tre coreografie: “SENTieri”, studio del giovane Philippe Kratz sui percorsi emotivi della memoria; “14’20’’” di Jirí Kylián sugli aspetti del tempo, dalla nascita alla morte, dall’amore all’invecchiamento; “Antitesi” di Andonis Foniadakis, riflessione sui contrari e i sui confini tra classicità e contemporaneità in musica.

Chiude il festival, il 27 e il 28 maggio, il Balletto del Sud nella coreografia di Fredy Franzutti “Le quattro stagioni”, atto unico di teatro, musica e danza, ispirato non solo alle trasformazioni climatiche dell’anno, ma anche alle diverse fasi di vita e sentimento dell’uomo. Tra le rime del poeta inglese Wystan Auden e le note di Antonio Vivaldi, echi di  modernità sui ritmi e le melodie di John Cage. Uno spettacolo composito con un cast internazionale di eccellenti danzatori.

Informazioni: filarmonicaromana.org e teatroolimpico.it

Comments on Facebook

Comments are closed.