“This is acting”, un mosaico dalla grande personalità.

The Maccabees, il grande indie rock al Fabrique
5 Febbraio 2016
Una foresta nei club, il tour dei Subsonica!
9 Febbraio 2016

“This is acting”, un mosaico dalla grande personalità.

1401x788-GettyImages-473757794This is acting dovrebbe essere, per sua natura, un mosaico composto di pezzi diversissimi tra loro se pensiamo che al suo interno troviamo pezzi scritti per artisti come Adele, Rihanna, Shakira… artiste che condividono una gran fama a livello mondiale, ma sicuramente condividono poco a livello stilistico. Il titolo sta a spiegare proprio questo: la famosa voce di Chandelier, Sia, si appresta a recitare brani inizialmente pensati per altre persone. E lo fa benissimo, confezionando un disco che seppur variegato, rimane omogeneo: merito dell’inconfondibile voce di Sia che fa da collante e della produzione che non si allontana troppo dall’album precedente. In effetti This is acting suona come un 1000 Form of Fear parte due, arrangiamenti vivaci, molto suonati, con accenni di elettronica di tanto in tanto. È una grande raccolta di brani puramente pop e praticamente ogni canzone è un potenziale singolo. Tra i pezzi migliori sicuramente c’è Alive, il primo singolo del progetto, brano che si costruisce pian piano, con l’ingresso progressivo di suoni e strumenti, fino all’urlo liberatorio del ritornello: “sto ancora respirando, sono viva”. Un brano di grande impatto, da cui ci si sente investiti, così come nel caso di Move your body, pezzo scanzonato e allegro, che recita: “il tuo corpo è una poesia, parlami, mi lascerai essere il tuo ritmo stanotte?”. Impossibile non pensare a Shakira, specialmente nel ritornello, ma quello che rende This is acting un album forte è il fatto di non far mai pensare “Chissà come sarebbe stata questa canzone se l’avesse cantata…” perché le canzoni sono belle così come sono, interpretate dalla persona che le ha scritte. Non si sente la mancanza di nessuno. A farvi muovere il piede a ritmo contribuiranno anche Cheap Trills e Reaper. A emozionarvi ci penserà Broken Glass, con un’introduzione dal sapore orientale e un testo semplice (“Ci sono cose che non chiedo perché quello che non so non può ferirmi”) incollato a una melodia che vi rimarrà da subito in testa. Uno dei brani migliori dell’intero album. Sia ha scritto un solo brano pensando a se stessa: One Million Bullets. In effetti è un brano particolare che assume tinte più cupe soprattutto nelle strofe, con degli echi disturbati a suggerire che “un pericolo sta arrivando”. Un connubio perfetto tra testo, arrangiamento e voce. Un altro degli highlight dell’album.

This is acting è nato dalle ceneri, da canzoni scartate da alcune delle cantanti più influenti nel panorama musicale, ma Sia è riuscita a trasformare quelle ceneri in un album di cui vi consiglio l’ascolto, un album che è una grande dimostrazione di personalità.

Credit: getty image

Comments on Facebook
Manuel Malavenda
Manuel Malavenda
A furia di raccontare le sue storie, un uomo diventa quelle storie. Ecco perché scrivo da sempre: per confondermi con le parole, immaginare cose che non si possono vedere e raccontare cose che si possono solo sentire. Come la musica. Ho una pagina Facebook dove parlo della bellezza, perché è di questo che dovremmo riempire le nostre vite: di bellezza.

Comments are closed.