I Kodaline a Milano e Bologna con Coming up for air

5 buoni motivi per ascoltare Jack Garratt
15 Gennaio 2016
Birdy: luce e colori nel nuovo singolo Keeping Your Head Up.
17 Gennaio 2016

I Kodaline a Milano e Bologna con Coming up for air

Kodaline: tre anni di attività e già due album alle spalle. Il primo, In a perfect world, ha venduto più di 350.000 copie conquistando inizialmente i primi posti delle classifiche di kodalineGran Bretagna e Irlanda (loro terra di origine) e facendosi conoscere in seguito anche in Europa e Stati Uniti. Il secondo album, Coming up for air, nasce un po’ per caso, grazie alla voglia di sperimentare e alla grande alchimia con il produttore Jacknife Lee. La band riceve un invito a passare una settimana a Los Angeles con il produttore e accetta, pensando di finire a suonare senza nessun secondo fine, di divertirsi e vedere cosa succede. E quello che succede è semplice: nascono tante canzoni, così tante che finiscono per completare un album intero nel giro di poche settimane. La voglia di sperimentare, di uscire dalla loro confort zone, di scoprire l’uso dei synths e accostarlo al sound che li ha contraddistinti con il primo album, di creare sono ciò che hanno permesso a Coming up for air di vedere la luce così presto. Alcuni dei nuovi brani ricordano il bel Ghost Stories dei Coldplay, altri sono evidentemente influenzati dai classici suoni irlandesi, altri ancora sono costruito con basi elettroniche e rock più aggressive. Un album che si è potuto riempire di colori e sfumature proprio perché, non avendo nessun progetto alla base, non aveva direzioni da seguire, se non quelle dell’istinto.

Proprio per presentare il loro ultimo lavoro, i Kodaline faranno due date nella nostra penisola. La prima sarà Lunedì 22 Febbraio presso l’Alcatraz di Milano, la seconda sarà Martedì 23 febbraio presso l’Estragon di Bologna. I biglietti, per entrambe le date, hanno un prezzo di 20 euro più diritti di prevendita.

Comments on Facebook
Manuel Malavenda
Manuel Malavenda
A furia di raccontare le sue storie, un uomo diventa quelle storie. Ecco perché scrivo da sempre: per confondermi con le parole, immaginare cose che non si possono vedere e raccontare cose che si possono solo sentire. Come la musica. Ho una pagina Facebook dove parlo della bellezza, perché è di questo che dovremmo riempire le nostre vite: di bellezza.

Comments are closed.