“Look up here, I’m in heaven.” Ciao David!

“C’È UNA VITA NUOVA”: IL MESSAGGIO DI CORAGGIO E SPERANZA DEL CANTAUTORE FRANCO J. MARINO
7 Gennaio 2016
“QUALI ALIBI” è il primo singolo di Daniele Silvestri che anticipa l’uscita del nuovo disco.
12 Gennaio 2016

“Look up here, I’m in heaven.” Ciao David!

Look up here, I’m in heaven. Ci saluta così David Bowie, 69 anni, istrionico mito della musica mondiale, icona e allo stesso tempo artista, star del passato ma sempre pienamente in linea coi tempi. E’ morto a pochi giorni dall’uscita del suo ultimo album “Blackstar”, l’ultimo regalo ai suoi milioni di fans, un testamento spirituale vero e proprio che con il singolo Lazarus (e il suo videoclip soprattutto) enfatizza ed esalta il triste evento, evidenziando però che, finalmente, “è in paradiso”.david-bowie-is-cinema

Se ne va così una delle più belle voci del panorama musicale, in grado di passare da un genere a un altro con estrema disinvoltura e spontaneità, inanellando successi su successi con canzoni diventate mainstream un po’ in tutto il mondo: da Heroes a Space Oddity, da China Girl a Station to Station. Elegante e colto, ha interpretato in ogni epoca la figura del divo per antonomasia, giocando su una certa ambiguità e estendendo i suoi interessi e lavori in diversi campi, dal cinema all’arte passando per la finanza (i famosi Bowie bonds). Numerose sul web le testimonianze d’affetto di fan ma anche di semplici conoscitori di musica, per un artista che, si può dire senza timore di sembrare esagerati, ha cambiato la storia della musica.

Goodbye Duke, I think your spaceship knows which way to go.

Comments on Facebook
Adalberto Piccolo
Adalberto Piccolo
Responsabile editoriale, responsabile della comunicazione, responsabile social media. Ma comunque poco responsabile. "Il Mondo non è perfetto: in un mondo perfetto Mark Chapman avrebbe sparato a Yoko Ono".

Comments are closed.