“C’È UNA VITA NUOVA”: IL MESSAGGIO DI CORAGGIO E SPERANZA DEL CANTAUTORE FRANCO J. MARINO

NEGRAMARO: Il miglior gruppo rock italiano non ha peccato! RACCONTO DAL FOUR DI ASSAGO
17 Dicembre 2015
“Look up here, I’m in heaven.” Ciao David!
12 Gennaio 2016

“C’È UNA VITA NUOVA”: IL MESSAGGIO DI CORAGGIO E SPERANZA DEL CANTAUTORE FRANCO J. MARINO

FRANCO J MARINO (2)Il suo primo album, “Il Pescatore di Stelle”, lo ha consacrato quale “figlio della migliore poetica tradizionale napoletana”. Ha all’attivo collaborazioni con artisti di fama mondiale come Tony Esposito, Lucio Dalla, Andrea Bocelli, Petra Berger e Chloe Agnew, il che nel 2012 gli ha meritato l’ambito Premio AFI per la sua attività compositiva a livello internazionale. Oggi, Franco J. Marino, autore, compositore ed interprete nato a Napoli ma che da anni vive a Roma, torna in radio con un nuovo EP, “C’è una Vita Nuova”, distribuito da Believe Digital e disponibile in digital download e su tutte le piattaforme streaming.

All’interno del disco 5 brani per raccontare un amore che si spoglia della materialità per raggiungere una dimensione più spirituale ed intima. Del resto non potrebbe essere altrimenti visto che il titolo dell’EP sembrerebbe strizzare l’occhio a quella “Vita Nova” in cui il sommo poeta fiorentino secoli fa confessò i lamenti del suo cuore alla vista dell’amata Beatrice. “C’è una Vita Nuova”, prodotto e realizzato insieme all’amico e collega Mauro Malavasi e in collaborazione con Steve Galante, è un disco sentito e partecipato, in cui il cantautore campano riversa le emozioni del passato e soprattutto quelle del presente, regalategli dalla nascita di sua figlia. Abbiamo parlato dell’EP insieme a Franco J. Marino per scoprire qualcosa in più riguardo la sua genesi e il suo contenuto, leggiamo cosa ci ha raccontato.

Franco, nel tuo EP “C’è una Vita una Nuova” un ruolo da protagonista è rivestito dal binomio “amore – vita”. Ti andrebbe di parlarci di questo file rouge che lega tutte e cinque le tracce presenti?

È vero, i brani sono collegati fra loro dal sentimento dell’amore universale rispetto alla vita che viviamo, nella quale non è facile fare una ricerca interiore e scoprire un nuovo approccio alla vita stessa con una visione più spirituale.

All’interno dell’EP anche “Domani”, il brano che hai scritto con Mauro Malavasi per Andrea Bocelli e di cui, in “C’è una Vita Nuova”, proponi una tua versione personalissima. Hai composto testi per molti artisti di fama internazionale, come mai la scelta di riproporre, però, proprio “Domani”? Cosa rappresenta per te questo brano?

“Domani” rappresenta per me una svolta artistica perché mi ha dato l’opportunità di misurarmi con il grande tenore, che considero patrimonio della cultura musicale italiana nel mondo. Da qui in poi sono nate altre collaborazioni importanti, ma continua a rappresentare molto per la mia vita e ho voluto proporla in questo EP cantata da me, per trasmettere le mie emozioni e spero di esserci riuscito.

Franco, tu che sei entrambe le cose, ti andrebbe di descriverci quale sia la maggiore emozione e soddisfazione per un cantautore e quale quella per un autore?

Se scrivi per artisti che stimi e che hai scelto tu, come nel mio caso, è una grande soddisfazione, ma ciò che provo nella veste di cantautore è un’emozione ancora più grande. Il contatto con il pubblico è la sostanziale differenza, è come fare goal in una finale di calcio piuttosto che essere l’allenatore.

A tuo avviso che periodo sta vivendo oggi il cantautorato italiano? C’è qualche autore di cui ammiri la scrittura in questo momento?

I cantautori che tutti conosciamo resistono al tempo e hanno ancora grande successo poiché chi scrive bene ha la possibilità di una carriera più solida e duratura. Personalmente ritengo che Ligabue e Jovanotti siano quelli che più mi emozionano dal punto di vista dei testi e spero prima o poi di collaborare con loro anche se sono musicalmente diversi da me, ma è nella diversità che si crea la magia. Ci sono nuovi bravi cantautori, ma oggi si fa fatica ad emergere proprio perché gli investimenti non ci sono e le major sono ormai palazzi abbandonati a causa delle cattive gestioni del passato e del presente, speriamo nel futuro.

Se dovessi pensare a una persona a te cara, quale album le regaleresti, di chi e per comunicarle cosa?

Regalerei la musica italiana in genere, ma se mi chiedi ad una persona cara quale album regalerei ti rispondo il mio, per comunicare un messaggio forte di coraggio e speranza: “C’è una vita nuova”.

 

Per ulteriori info: www.francojmarino.com

 

 

 

Comments on Facebook

Comments are closed.