Tullio de Piscopo: 50 anni di carriera e una Musica Senza Padrone

Il tour di Madh per ballare e riflettere.
17 Novembre 2015
Zucchero: “La musica di oggi? Dei grandi panini farciti alla merda”
19 Novembre 2015

Tullio de Piscopo: 50 anni di carriera e una Musica Senza Padrone

E’ uscita il 13 novembre la tripla raccolta di successi 50. Musica Senza Padrone di Tullio de Piscopo, maestro della musica riconosciuto in tutto il mondo. Una carriera dettata dall’istinto, dalle occasioni che hanno permesso all’artista di muoversi verso la direzione del cuore. Una vita sempre sulla cresta dell’onda, accompagnata da grandi soddisfazioni ma anche da momenti di riflessione profonda, da eventi belli e meno belli. Tullio de Piscopo (4 febbraio 1949), si racconta senza veli alla presentazione della raccolta 50. Musica Senza Padrone, che in ben tre dischi, racchiude 56 tracce, di cui tre inediti, che ripercorrono tutta la carriera pluridecennale dell’artista, passando dalle collaborazioni con Mina, Franco Battiato, Edoardo Bennato, fino al rimpianto Pino Daniele o ai più recenti James Senese e il rapper partenopeo Rocco Hunt.

“Oggi, fare musica è diventato più semplice, ci sono più strumenti che permettono di arrivare in alto. Con questa raccolta, voglio raccontare il percorso che ho fatto, da quando ero un semplice musicista a quando ho iniziato a lavorare con i Grandi della musica internazionale” ci dice da subito Tullio. Per prima cosa, mostra orgoglioso la copertina e l’artwork del suo ultimo progetto discografico. Il cerchio raffigurato sul fronte del cofanetto, infatti, rappresenterebbe la vita, che è un cerchio, che parte dalle due chiavi musicali, quella del violino e quella della batteria. Un progetto che ha una direzione, ma soprattutto un passato. COPERTINA DEFÈ abbastanza evidente quanto la mancanza del suo compianto amico Pino Daniele abbia influito nella scrittura di uno dei tre inediti, Destino E Speranza. In questa traccia, Tullio mostra tutto il suo lato più umano, racchiuso in un verso che anche a noi di Four Magazine ha molto commosso: “Chi ama davvero/non ha mai paura”. In Canto D’oriente, in cui vediamo la partecipazione di Rocco Hunt, Tullio racconta i drammi che si consumano oggi sotto all’indifferenza comune, con particolare attenzione verso il fenomeno dell’immigrazione. “Quando sono arrivato a Milano la prima volta, ho cercato per parecchi giorni un posto dove dormire, una casa in affitto, anche piccola. Il problema, era che ovunque andassimo, trovavo cartelli con scritto <<non si affitta ai meridionali>>” ci ha confessato lo stesso artista.

Funky Virus, invece, vede la partecipazione di Randy Brecker e Ada Rovatti, e spezza un po’ una lancia verso la quotidianità e i mezzi tecnologici con cui abbiamo a che fare nel nostro quotidiano.  “Sono partito dal basso, sognando di arrivare in alto. Ho vissuto in un contesto molto umile la mia infanzia, e mi ripromettevo di trovare soluzione nella mia passione, ovvero nella musica. Così ho fatto, con anni e anni di gavetta. Oggi i ragazzi li vedo un po’ dispersi, a volte confusi, perché arrivare in alto subito, senza un percorso formativo vero e proprio, porta a questo, ovvero a tanta confusione”. Si esprime così Tullio riguardo ai talenti di oggi, la maggior parte frutto dei tanti talent che ormai dettano legge in merito alla nascita dei nuovi talenti. 50. Musica Senza Padrone è un viaggio in musica che ognuno di noi dovrebbe conservare nelle proprie librerie musicali, giusto a ricordarci che a volte il Made In Italy non è solo quello del buon cibo.Tullio De Piscopo affronterà poi una tourné che partirà a fine novembre, e che toccherà città come Milano, Ascoli Piceno, Napoli, Bari e Roma.

Four Magazine: la vostra musica, la nostra passione.

 

Comments on Facebook
Gabriele Palella
Gabriele Palella
Milanese, giovane ma già competente in quella che è la sua più grande passione: la musica. Milano. Lavora, compone e produce brani, scrive e partecipa a numerosi e diversi eventi a Milano e dintorni. Di sé dice: "credo in quello che faccio, spinto dalla bellezza e dalla forza della musica che unisce, crea, intrattiene ma, soprattutto, insegna. Io ci credo a questa forza...e voi, in cosa credete?"

Comments are closed.