Crosseyed Heart | Keith Richards e l’anima del rock

#Medimex15: l’uragano KOLORS cresciuto a pane e Pink Floyd
31 Ottobre 2015
Jack Savoretti all’Auditorium Parco della Musica. Emozioni, buona musica e ottima atmosfera.
2 Novembre 2015

Crosseyed Heart | Keith Richards e l’anima del rock

Il chitarrista dei Rolling Stones in un nuovo disco solista in cui condensare tutte le sue passioni

keith-richards-crosseyed-heart-album-art

A 20 anni dall’ultimo tentativo, Keith Richards ci riprova in solitaria. Il chitarrista dei Rolling Stones, tra i padri del chitarrismo moderno, si affranca dai monumentali compagni di strada e cerca un attimo di relax: Crosseyed Heart – prosecutore di quel Main Offender datato 1992 – è come un rifugio di montagna, una baita calda in cui tutte le passioni e le influenze musicali del nostro prendono forma senza le enfasi e gli affanni di una band come gli Stones, in cui suonare con gli amici e citarli, come accade in Robbed Blind, che orecchia compiaciuta a Eric Clapton e al classico Wonderful Tonight. Crosseyed Heart non chiede nessun guizzo tanto all’esecutore quanto all’ascoltatore, non colpi di genio o sorprese, ma promette (e mantiene) poco meno di un’ora di classe e solido mestiere, 15 brani di soul e blues bianchi, di rock ‘n’ roll fatto di anima antica, di suoni caldi, di fumo e alcool ormai divenuti vicini di casa.

 Lanciato dal singolo Trouble, in cui Richards, canta, suona tutte le parti di chitarra, ma anche il basso, Crosseyed Heart è l’album di un uomo che dopo 60 di turbolenze continue e ininterrotte ha deciso di calmarsi, giocando con sé stesso, con il suo personaggio e anche con la sua musica, passando le fonti d’ispirazione sonora che lo hanno condotto sano (quasi) e salvo nei decenni: il rock’n’roll battente e classicissimo di Heartstopper in cui suonano echi di David Bowie, Nothing on Me, semi-ballata di chiara ispirazione stonesiana con i toni bassi di Richards a dare preziosità al tutto, Something for Nothing dai cori gospel a sottolineare la vicinanza con la musica nera che ha sempre percorso sotterraneamente la musica di Richards, Illusion, dove la voce di Norah Jones è un balsamo per anima e orecchie e Lover’s Plea, romanticamente segnata dalla tromba di Bobby Keys, che ricorda la musica di Otis Redding. E poi il reggae, il blues e tutto il pantheon degli Stones che la voce calma e soffice nella sua rochezza rende quasi carezzovele, a differenza del nervosismo scattante di Jagger. Crosseyed Heart è così una dichiarazione d’indipendenza ma anche un cordone ombelicale: perché dopo tutto questo tempo puoi anche avere voglia di startene solo, ma non puoi non pensare al luogo da cui vuoi scappare.

Comments on Facebook
Emanuele Rauco
Emanuele Rauco
Nato a Roma il 18 luglio del 1981, si appassiona di cinema dalla tenera età e comincia a scrivere recensioni dall'età di 12 anni. Comincia a collaborare con il giornalino scolastico e, dopo aver frequentato il DAMS di Roma 3, comincia a scrivere per siti internet e testate varie: redattore e poi caporedattore per il sito Cineforme, ora Cinem'art Magazine, e per la rivista Cinem'art, redattore e inviato per RadioCinema. Inoltre scrive per Four Magazine, di cui è caporedattore, e altre testate on line ed è curatore di un programma radiofonico su cinema e musica, Popcorn da Tiffany su Ryar Radio. Collabora per le riviste Il mucchio e The Cinema Show – primo mensile cinematografico per iPad – e per il quotidiano L'opinione. Alcuni suoi scritti sono stati pubblicati su saggi e raccolte critiche, tra cui la collana Bizzarro Magazine di Laboratorio Bizzarro ed è spesso ospite in trasmissioni radiofoniche e televisive come Ma che bella giornata o Square e I cinepatici di Coming Soon Television. Ha un canale di youtube in cui parla di cinema, spettacolo, cultura e comunicazione.

Comments are closed.