Dopo una lunga assenza, torna sul palco Alessandra Ferri

Antropocinema: l’occhio del cinema puntato sull’uomo
13 Luglio 2015
CONSOLE WARS: Blake J. Harris fra SEGA e NINTENDO
21 Luglio 2015

Ritorna a Roma, dopo una lunga assenza Alessandra Ferri, una delle maggiori ballerine del nostro tempo, stella del Royal Ballet di Londra, dell’American Ballet Theatre di New York e de La Scala di Milano, musa di grandi coreografi come Kenneth McMillan e Wayne McGregor, interprete senza eguali di ruoli drammatici.

Il 30 luglio alle ore 21,00 è di scena EVOLUTION presso la Cavea dell’Auditorium Parco della Musica di Roma, uno spettacolo prodotto e distribuito da International Music and Arts e presentato da Daniele Cipriani Entertainment, in collaborazione con Fondazione Musica per Roma e con il sostegno di Invitalia.

Si tratta di evoluzione, di crescita, persino di rinascita, in cui la grande étoile ci svela i segreti reconditi dell’animo di un artista. Con EVOLUTION Alessandra Ferri, di una bellezza oggi più morbida, e ancor più intelligentemente consapevole di sé, racconta come la ripresa del suo cammino teatrale abbia coinciso con la totale presa di coscienza del suo destino di danzatrice.

Ad accompagnare Alessandra Ferri in questo nuovo viaggio creativo ci sarà Herman Cornejo, Principal dancers dell’American Ballet Theatre ed uno dei più esaltanti ballerini di oggi, che accanto ad Alessandra è sempre più stimolato a seguirne la ricerca artistica e interpretativa. Insieme ad Alessandra e Herman ci saranno anche alcuni straordinari danzatori di varia estrazione, tra cui, provenienti da compagnie classiche e moderne di punta, Tobin del Cuore, Craig Hall, Daniel Proietto, Jonathan Alsberry, William Briscoe, Jonathan Fredrickson, Jeremy Jae Neal e Johnny McMillan. Tutti molto diversi tra di loro, eppure tutti profondamente uniti dalla medesima visione della danza.

I coreografi coinvolti in questo raffinato progetto rappresentano sia l’Europa che il Nord America e che hanno contribuito all’evoluzione della danza negli ultimi sessant’anni, come Frederick Ashton, Lar Lubovitch, Twyla Tharp, Angelin Preljocaj, Christopher Wheeldon, nonché di dancemakers di ultima generazione come Aszure Barton, Alejandro Cerrudo e Alan Lucien Øyen, Kate Skarpetowska.

Comments on Facebook

Comments are closed.