Giorgio Moroder a Four Magazine: “Dopo trent’anni, torno a fare musica”

L’ENERGIA DIROMPENTE DEI KACHUPA. LA LORO INTERVISTA PER FOUR MAGAZINE
18 Giugno 2015
VILLA ADA – ROMA INCONTRA IL MONDO – DAL 25 GIUGNO AL 31 LUGLIO OLTRE 30 CONCERTI!
22 Giugno 2015

Giorgio Moroder a Four Magazine: “Dopo trent’anni, torno a fare musica”

In realtà, non ha mai smesso. Ovvero si, on si è mai riapplicato dopo Philip Oakey & Giorgio Moroder, ultimo progetto discografico da solista, datato 1985.

Si è concesso a numerosissimi artisti internazionali, ha prodotto e mixato album e riportato alla luce vecchi brani del passato, dandogli un nuovo sapore ed una nuova linfa. Ma adesso, a distanza di trent’anni, Giorgio Moroder è tornato con un progetto discografico tutto suo dal Giorgio-Moroder-Déjà-Vu-iTunestitolo Deja Vù (Sony Music), uscito il 16 giugno in tutti i negozi di dischi, che ha il gusto della sua musica, quella che lo ha reso il Re di tutto, l’inventore della Disco Music nonché maestro nel creare suoni e gestirli all’interno di un brano. D’altronde, la sua ultima grande collaborazione discografica, quella assieme ai Daft Punk, nel loro ultimo disco Random Access Memories, gli aveva ridato visibilità a livello internazionale, producendo Giorgio By Moroder, brano incluso all’interno del disco. Ma questa volta, Giorgio Moroder ha deciso di stravolgere tutto spolverando alcune vecchie melodie messe in un cassetto e coinvolgendo alcune delle voci pop di maggiore successo degli ultimi tempi: da Kylie Minogue (voce del primo singolo estratto, Right Here Right Now) a Sia (Deja Vù, traccia che da il titolo al disco), fino a Charlie XCX, Mikky Ekko e Britney Spears. Una squadra di artisti che ha deciso di collaborare con il Re della produzione musicale e della musica dance, per ottenere un disco accattivante, che si balla dalla prima all’ultima traccia senza riuscire a stare fermi. Le sonorità ed i suoni scelti sembrano presi dagli anni ’80, ma rimessi a lucido e a nuovo, ottenendo così una serie di tracce che sarà difficile dimenticare negli anni a venire.

“In verità in questi anni ho fatto quello che mi andava di fare, ho viaggiato, ho lavorato con molti artisti. Non mi sono fatto mancare niente. Quando mi chiedono se mi renda conto di essere una leggenda, rispondo sempre che no, non me ne accorgo, perché penso di essere nato con questa cosa di voler fare musica, fin da bambino. Per cui, semplicemente, faccio quello che mi piace fare, e se mi viene bene beh, allora sono contento” ci dice Giorgio, stupendo per la sua grande professionalità nonché senso di umiltà.

La nostra canzone preferita? Diamonds, in collaborazione con Charlie XCX. E scusateci per la terminologia poco giornalistica, ma si tratta davvero di un brano che spacca; in tutti i sensi, così come tutto il resto delle tracce incluse nel disco. Per ora, vi lasciamo alla visione del video di Deja Vù, ultimo singolo estratto dal disco, in collaborazione con Sia, altra grande voce protagonista del panorama attuale.

Four Magazine: la vostra musica, la nostra canzone.

Comments on Facebook
Gabriele Palella
Gabriele Palella
Milanese, giovane ma già competente in quella che è la sua più grande passione: la musica. Milano. Lavora, compone e produce brani, scrive e partecipa a numerosi e diversi eventi a Milano e dintorni. Di sé dice: "credo in quello che faccio, spinto dalla bellezza e dalla forza della musica che unisce, crea, intrattiene ma, soprattutto, insegna. Io ci credo a questa forza...e voi, in cosa credete?"

Comments are closed.