ALLA SCOPERTA DI PINO PELLEGRINO

SCENE DA UNA FOTOGRAFIA: annunciati i finalisti dell’edizione 2015
5 maggio 2015
AESVI4Developers lancia il suo nuovo programma di “Videogames Mentorship” a Svilupparty 2015
8 maggio 2015

ALLA SCOPERTA DI PINO PELLEGRINO

INTERVISTA PINO PELLEGRINO

 

  • Se lei dovesse spiegare ad una persona che non fa parte del mondo del cinema chi è un casting director, cosa gli direbbe?

 

Il casting Director è una persona che decide di vivere di cinema, teatro e televisione. Deve conoscere e riconoscere una quantità smisurata di attori  fra tutti coloro che si presentano come tali. Deve avere una forte sensibilità, capacità di feeling e usare molta psicologia sia con gli attori ma soprattutto con i registi con cui lavora.

 

  • Abbiamo saputo che il film di Ivano de Matteo “I Nostri ragazzi”, a cui lei ha curato  il casting, sta facendo il giro del mondo. Crede che una parte di questo successo sia dovuta anche al suo lavoro?

 

Io credo che un film sia fatto da tutti coloro che vi partecipano ed ognuno ha un piccolo o grande merito! Io credo senza peccare di presunzione che in ogni film del quale ho fatto il cast abbia dato qualcosa di mio.

Con Ivano ho un rapporto stupendo e i nostri gusti, le nostre scelte s’incrociano! A volte mi chiede: chi ha pensato per questo ruolo? Io rispondo e lui ride rispondendo : “anch’io” !

Questo si chiama feeling!

 

  • Come è arrivato a fare questo lavoro? Ci racconti la sua storia

 

Avevo fatto per 14 anni l’agente cinematografico. ai tempi d’oro del cinema. Ho conosciuto Fellini, Dino Risi, Zeffirellli….

Poi casualmente grazie al suggerimento di un amico son passato dall’altra parte: Casting Director dal 1996 ! In quegli anni eravamo forse una decina, ora siamo oltre 60 e facciamo parte di una associazione “ U.I.C.D. “ e lottiamo per far valere il nostro lavoro che spesso viene sottovalutato, non tenendo conto del merito di cui appunto mi chiedevi!

Spesso nascono “ attori” solo perché un casting lo suggerisce al regista, ma il merito quasi mai è riconosciuto al casting!

 

 

  • Come si è evoluta la figura del casting director in questi anni?

 

Beh, anni fa molti si chiedevano a cosa servisse e faceva tutto l’aiuto regista. Ma ora è una figura indispensabile! Anni fa, quando io facevo l’agente non facevano quasi mai i provini. Ora noi casting facciamo i provini, selezioniamo i migliori, se ne discute con il regista. C’è un lavoro più accurato….o almeno dovrebbe esserci!

 

  • Che sensazione ha provato quando ha saputo che sarebbe stato il vincitore del Nastro d’Argento? Se dovesse ringraziare qualcuno per questa vittoria, chi ringrazierebbe?

 

Innazitutto devo ringraziare Ferzan Ozpetek, infatti il nastro l’ho ricevuto per il suo film “ALLACCIATE LE CINTURE” e a Ferzan devo molto dei miei traguardi ! Ma è stato sotttolineato che è un premio a tutto il mio percorso lavorativo e quindi un grazie anche a tutti i registi con cui ho lavorato!

 

  • In questi anni ha lavorato a molti film e fiction, ce ne è uno a cui è più legato?

 

Sono molto legato come film a “ LE FATE IGNORANTI”   di Ferzan Ozpetek  che ormai è diventato un cult.  Come fiction ad una che ancora deve andare in onda: “ CATTURANDI” per la regia di Fabrizio Costa, con cui ho intrecciato un rapporto di stima e fiducia reciproca. Un lavoro che ho fatto con passione immensa e mi ha gratificato personalmente molto!  Per alcune scelte ho dovuto anche combattere ma alla fine sono stato premiato!

Progetti futuri?

 

Sto già  lavorando per il prossimo film di Ivano De Matteo che si dovrebbe girare a Ottobre e continuo a   collaborare con Massimiliano Cardia a  “STUDIO CINEMA”  , una scuola per giovani attori con bravissimi docenti!

 

Comments on Facebook

Comments are closed.