Domani Piazza San Giovanni torna il centro della musica italiana #ConcertoPrimoMaggio

The Voice Live, tra sfide di talenti e sfide social
30 Aprile 2015
Sono Io Tour: un’atmosfera intima all’Alcatraz ieri sera con Raf
30 Aprile 2015

Domani Piazza San Giovanni torna il centro della musica italiana #ConcertoPrimoMaggio

Da Enrico Ruggeri a Goran Bregovic, da Noemi e J-Ax a Ghemon e Nesli, il concertone si presenta

concerto-primo-maggio-2015-roma-taranto-bologna-660x406-669xibjvv2te81q8rix9nviyl53mbnt9f1zyecia9ju

Il concertone compie 25 anni e piazza San Giovanni in Roma decide di celebrarlo domani 1° maggio con una grande edizione che cerca di raccontare il presente della musica italiana sposandolo con la storia della manifestazione: per cui alcuni dei grandi alfieri del concerto, come Irene Grandi, PFM (per la prima volta dal vivo senza Franco Mussida, storico chitarrista del gruppo), Almamegretta, James Senese ed Enzo Avitabile, e giovani promesse emerse dai vari generi della scena italiana, come i rapper Ghemon, Nesli ed Emis Killa, il metal di Lacuna Coil, l’indie elettronico di Lo stato sociale e la cantautrice Levante. Ma sono due i nomi più attesi: quello di Goran Bregovic, grande compositore slavo che torna sul palco di San Giovanni dopo 16 anni, e i Bluvertigo, che celebreranno proprio al concertone la loro reunion.

bluvertigo

Ovviamente è solo una parte della ricchissima scaletta che dalle 15 alle 24 elettrizzerà le centinaia di migliaia di spettatori che, guidati da Camila Raznovich e da molti storici presentatori del concerto, assisteranno alle esibizioni: molte sorprese, tra cui duetti e presenze inaspettate (come quella misteriosa che aprirà alle 15 con i Kutso), momenti di grandi contaminazioni artistiche e il filo conduttore della solidarietà e dell’integrazione, dato che il concerto è incastonate da due enormi tragedie come il naufragio dei migranti sulle coste siciliane e il terremoto in Nepal. Divertimento e riflessione, come da 25, ma anche la voglia di regalare a gruppi e artisti in scena e al pubblico una giornata che sia una “lunga prima serata” in cui il pomeriggio non serva solo da riscaldamento, ma dia la possibilità ai big di cimentarsi con un pubblico più curioso e viceversa a giovani di puntare al grande pubblico della prima serata tv.

Se non volete perdere nulla del primo maggio seguiteci su Fourzine e sui nostri social

Comments on Facebook
Emanuele Rauco
Emanuele Rauco
Nato a Roma il 18 luglio del 1981, si appassiona di cinema dalla tenera età e comincia a scrivere recensioni dall'età di 12 anni. Comincia a collaborare con il giornalino scolastico e, dopo aver frequentato il DAMS di Roma 3, comincia a scrivere per siti internet e testate varie: redattore e poi caporedattore per il sito Cineforme, ora Cinem'art Magazine, e per la rivista Cinem'art, redattore e inviato per RadioCinema. Inoltre scrive per Four Magazine, di cui è caporedattore, e altre testate on line ed è curatore di un programma radiofonico su cinema e musica, Popcorn da Tiffany su Ryar Radio. Collabora per le riviste Il mucchio e The Cinema Show – primo mensile cinematografico per iPad – e per il quotidiano L'opinione. Alcuni suoi scritti sono stati pubblicati su saggi e raccolte critiche, tra cui la collana Bizzarro Magazine di Laboratorio Bizzarro ed è spesso ospite in trasmissioni radiofoniche e televisive come Ma che bella giornata o Square e I cinepatici di Coming Soon Television. Ha un canale di youtube in cui parla di cinema, spettacolo, cultura e comunicazione.

Comments are closed.