#SANREMO2015, la recensione passo passo della FINALE: vincono IL VOLO, in podio NEK e MALIKA AYANE

#Sanremo2015: il The Hospital del Festival di Sanremo
14 Febbraio 2015
A Sanremo abbiamo video intervistato il giovane Kaligola!
17 Febbraio 2015

#SANREMO2015, la recensione passo passo della FINALE: vincono IL VOLO, in podio NEK e MALIKA AYANE

Il Volo Sanremo 2019

La vittoria al festival nel 2015

il-voloInizio col botto per questa finale festivaliera: dopo aver ospitato il cast del musical campione d’incassi Romeo & Giulietta, apre la serata la PFM con la banda dell’esercito italiano, in una splendida versione del Nabucco. Il giovane Kaligola riceve il premio Sergio Bardotti come miglior testo per la sua Oltre il giardino. Gabriele è evidentemente emozionato: che questo premio sia di buon auspicio per una florida carriera!

Apre la gara Marco Masini: stasera ogni artista riceverà un piccolo videosaluto da un amico o un estimatore, in questo caso si tratta di Leonardo Pieraccioni. Masini può ritenersi soddisfatto da questo festival: è tornato in scena acquistando nuova popolarità, riaffermandosi come il valorosissimo interprete che è sempre stato. Jax è il padrino di Nina Zilli: classe e senso del ritmo miscelati ad un genere, il jazz, che non aiuta in questo festival così popolare.

Torna Chiara, sostenuta da Fiorella Mannoia. La rivalsa è fatta, alla faccia di chi la voleva spacciata dopo una prima partecipazione al festival in sordina e una campagna pubblicitaria che l’ha vista protagonista e che aveva notevolmente compromesso la sua immagine.

Kekko Silvestre augura il meglio a quelli che sono ormai considerati gli eredi dei Modà: Non osiamo immaginare le migliaia di ragazzine che in questo momento staranno prosciugando i portafogli di mamma e papà per televotare i loro beniamini. Ai genitori va tutta la nostra solidarietà!

L’elegantissima  Malika Ayane riceve gli auguri dalla sua produttrice, Caterina Caselli.

Adesso è qui convince a pieno: un pezzo di stile, che come una freccia raffinata trafigge i cuori degli ascoltatori.

Momento super ospite dedicato alla rockstar made in Italy Gianna Nannini: pur volendo dimenticare i suoi problemi legati al fisco, difficilmente scorderemo la discutibile esibizione sulle note di Sei nell’anima…

Max Biagi ed Eleonora Pedron tifano per Filippo Neviani, in arte Nek.

Sala stampa web in delirio per Fatti avanti amore, decretato a furor di popolo il pezzo più fresco di questo festival, nonostante a portarlo in gara sia uno degli artisti più grandi, ma si sa: Nek non invecchia mai!

Altro ospite sul palco: questa volta si tratta di Giorgio Panariello. Con una delle sue maschere migliori, quella di Renato Zero, intrattiene il pubblico interagendo con il suo grande amico Carlo Conti. Si lascia poi andare ad uno dei suoi soliti pezzi che, ad onor del vero, stanca dopo neanche due minuti.

Il Volo, battezzati da Placido Domingo, propongono ancora una volta Grande amore che fa letteralmente impazzire il pubblico italiano. L’Italia è il paese del bel canto e la loro probabile vittoria ne sarà la conferma.

Stupenda Annalisa, che regala al pubblico un’interpretazione impeccabile di un brano che, seppur debole, troverà il suo posto nell’airplay radiofonico. A farle l’in bocca al lupo è la sua amica e collega Alessandra Amoroso.

Pausa dalla gara con super, super ospite: Ed Sheeran travolge con la sua Sing e poi dedica  Thinking out loud a tutti gli innamorati, in occasione della loro festa.

Ritmo, personalità, talento: non ci sorprende che il giovane cantautore inglese sia riuscito nell’impresa di fare sold-out al Wembley Stadium.

Dopo la pausa firmata Boiler, riprende la gara con Alex Britti, a cui gli auguri sono stati affidati ad Edoardo Bennato. Alex coinvolge e forse non c’è brano migliore di Un attimo importante da dedicare al/alla proprio/a amato/a quest’oggi.

Stefano Bollani fa gli auguri ad Irene Grandi che ripresenta Un vento senza nome. Niente da fare: il pezzo è gradevole ma non convince. Sanremo in sordina, questo, per la cantante fiorentina.

Torna in gara il campione di X-factor Lorenzo Fragola, salutato dal suo giudice Fedez.

Pronti ad ascoltare questa canzone almeno fino all’estate se non oltre? Siamo uguali è ufficialmente il tormentone di quest’edizione del festival.

La piccola Bianca Atzei riceve il sostegno di Francesco Renga. Ancora non ci si spiega come possa essere finita fra i big: i fatti la vogliono su quel palco e quindi riascoltiamoci Il solo al mondo. Piccola curiosità: sapevate che questa canzone prima era stata destinata ad Alessandra Amoroso?

Flavio Insinna incoraggia Moreno. Non vincerà Sanremo, il brano non passerà agli annali del festival, ma almeno i suoi piccoli(ssimi) fan saranno contenti! Plauso al free-style finale: è davvero un fenomeno con le parole.

Emis Killa augura buona fortuna al “compagno di strada” Gianluca Grignani. Noi di FourMagazine lo decretiamo con assoluta convinzione il cantate più stonato dell’interno festival: bocciato.

Grazie di Michele e Mauro Coluzzi, sostenuti da Rossana Casale, eseguono per l’ultima volta sul palco il loro inno all’accettazione della diversità. Ascolteremo raramente il brano in radio, nonostante ciò va a loro il plauso di aver portato un messaggio così importante all’interno della kermesse.

L’ultimo campione in gara è Nesli, salutato dall’attore Marco Bocci.

Francesco guarda dritto allo schermo, chissà a chi starà dedicando la sua Buona fortuna amore? Grande rivelazione del festival, Nesli sembra aver abbandonato definitivamente le vesti di rapper per indossare quelle di intensissimo interprete.

Finisce la gara ed irrompe sulla scena il grandissimo Will Smith.

“Mi diverto con la mia vita” afferma l’attore Holliwoodiano, che con un sorriso smagliante si presta alle gag e le chiacchiere di Conti. Canta Volare e promuove il film di prossima uscita Focus, insieme alla splendida co-protagonista Margot Robbie.

Dopo la pubblicità, Carlo Conti svela la classifica, partendo dalla sedicesima posizione:

16: Grazie di Michele & Mauro Coruzzi, Io sono una finestra

15: Moreno, Oggi ti parlo così

14: Bianca Atzei, Il solo al mondo

13: Nesli, Buona fortuna amore

12: Irene Grandi, Un vento senza nome

11: Alex Britti, Un attimo importante

10: Lorenzo Fragola, Siamo uguali

09: Nina Zilli, Sola

08: Gianluca Grignani, Sogni infranti

07: Dear Jack, Il mondo esplode tranne noi

06: Marco Masini, Che giorno è

05: Chiara, Straordinario

04: Annalisa, Una finestra tra le stelle

I tre finalisti sono IL VOLO, NEK e MALIKA AYANE.

Puzza, e non poco, l’errore che vedeva Nek nono al posto di Nina Zilli. Prima di scoprire il vincitore, il duo comico Marta & Gianluca intrattiene il pubblico con il loro speed-date. Sale sul palco anche Enrico Ruggieri, che presenta un brano scritto pensando a Enzo Iannacci, Giorgio Gaber e Giorgio Faletti. Tre signori racconta di questi tre grandi artisti italiani, descrivendone caratteristiche e sfaccettature.

Ecco svelati i premi secondari

Premio per il miglior arrangemento: Nek per Fatti avanti amore

Premo Mia Martini: Malika Ayane, Adesso è qui

Premio sala stampa Lucio Dalla: Nek, Fatti avanti amore

Arisa, Emma e Rocio (in lacrime, strano!) dedicano una letterina al loro conduttore preferito, dedicando un momento “volemose bene” che tanto potevamo risparmiarci…

Ma finalmente è arrivato il momento…

Vince il festival di Sanremo 2015 IL VOLO, secondo posto per Nek, terzo per Malika.

Niente di sorprendente, stavolta il pubblico è stato davvero sovrano…o soprano!?

 

Comments on Facebook
Giuseppe Barone
Giuseppe Barone
Amo la musica, perché mi aiuta a dialogare con la mia anima. E dialogo con le altre anime attraverso la scrittura, perché scrivere è l'unico modo che ho per comunicare al mondo esattamente quello che sento. "Comportati da signore, vivi come un bambino", il mio motto.

Comments are closed.