Irene Grandi – “Un Vento Senza Nome” porterà la primavera a Sanremo

#Sanremo2015, tutto pronto per la prima puntata: ecco i nomi dei cantanti e dei super ospiti di stasera
10 Febbraio 2015
#NuoveProste #Sa(n)remo Grandi : Rakele non segue reality…e voi che ne pensate?
10 Febbraio 2015

Irene Grandi – “Un Vento Senza Nome” porterà la primavera a Sanremo

A cura di Beatrice Costanzo

A cinque anni di distanza dal suo ultimo album di inediti, torna a Sanremo Irene Grandi con “Un Vento Senza Nome”, canzone in gara al Festival della Canzone Italiana e titolo del suo nuovo lavoro in studio in uscita il 12 febbraio per Sony.

Quello trascorso lontano dalle scene è stato un periodo di grande rinnovamento artistico e personale per Irene, come ci racconta l’artista stessa in occasione della presentazione alla stampa: “ho riscoperto il piacere di non scappare più alla calma e al vuoto mentale, ma al contrario cercarlo al fine di cogliere gli stimoli della vita per trasportarli nella scrittura e creare musica in un modo del tutto nuovo”.

L’intero disco è infatti “frutto di un lavoro  su me stessa fondamentale per trovare autenticità di sentimenti e cose importanti da raccontare”,  ritratto di un’artista più consapevole e più complessa artisticamente che ci racconta come nella vita nulla avviene per caso, ma per rendersene conto è necessario allontanarsi dalla frenesia della vita per fermarsi a guardare e riflette.

Proprio da questo cambiamento di lunghezza d’onda su cui far viaggiare mente e cuore deriva la rinnovata ispirazione autobiografica dell’artista, per la prima volta anche autrice del brano presentato a Sanremo: “Quando una donna vuole scrivere, allora ha qualcosa da dire. La vita fa il suo corso e assecondarla può aiutare a scoprire sé stessi e chi si ha intorno”.

Il vento è dunque l’elemento naturale che rappresenta il coraggio del venir fuori da una situazione di cui non ci si sente più padroni, un inverno che fa tornare alla primavera e fa sfuggire da morte certa. Non si tratta però di una fuga verso luoghi nascosti e irraggiungibili per scappare a chi aveva cercato di plasmarla, sia professionalmente che personalmente, ma piuttosto di un ritorno a casa senza paura per dedicarsi a tutto quello che aveva tralasciato e rivedere le priorità della propria vita.

Se dal punto di vista personale Irene ha sviluppato questo percorso liberatorio grazie alla vita tranquilla di campagna immersa nella natura e al prezioso yoga che la aiuta quotidianamente a creare questo “vuoto” per cui si può prendere il controllo e direzionare i propri pensieri e le proprie emozioni, la primavera dal punto di vista musicale è ricominciata con la collaborazione con il pianista Stefano Bollani (è suo anche il piano anche nella canzone sanremese) e con il produttore artistico Saverio Lanza, che ha saputo interpretare al meglio gli spunti musicali di Irene e valorizzarne i testi.

Quello che ne esce è un album che si potrebbe definire quasi più da “Premio Tenco” che da Sanremo, scelte precise, belle e raffinate che vanno molto meno sul rock e molto più sul cantautoriale, sull’ autenticità del filo conduttore “casareccio-fiorentino” che va ad indagare il tema dell’amore non in senso romantico, ma come forza maggiore che muove la vita.

E se la cover sanremese sarà “Se Perdo Te”, cantata originariamente al Festival da Patty Pravo nel 1967, scelta che Irene definisce insolita ma azzeccata su di lei, quando le viene chiesto di nominare un artista con cui vorrebbe duettare la scelta cade su Lenny Kravitz, che in concerto riesce a trasportare l’ascoltatore completamente in un altro mondo,cosa che non succede spesso. Chissà se questo succederà anche durante il Tour teatrale acustico e “minimal” di Irene Grandi, che partirà il 7 maggio dall’ Obihall di Firenze e farà il giro della penisola fino a concludersi al Teatro Dal Verme di Milano il 25 maggio. Per ora non ci resta che aspettare Sanremo e “Un Vento Senza Nome”…

 

TRACKLIST

  1. A memoria
  2. C’est la vie
  3. Settimo cielo
  4. Un vento senza nome
  5. Casomai
  6. Cuore bianco
  7. Una canzone che non ricordo più
  8. Stato di gratitudine
  9. Bella Roba
  10. Un’alternativa

 

TOUR IRENE GRANDI – 2015

Firenze (Obihall) – 7 maggio

Rimini (Teatro Novelli) – 9 maggio

Bari (Teatro Palazzo) – 12 maggio

Roma (Auditorium Parco della Musica) – 13 maggio

Mestre (Toniolo) – 15 maggio

Senigallia (Fenice) – 16 maggio

Venaria Reale – Torino (Teatro della Concordia) – 21 maggio

Carpi – Modena (Comunale di Carpi) – 22 maggio

Trento (Auditorium Santa Chiara) – 24 maggio

Milano (Teatro Dal Verme) – 25 maggio

 

Comments on Facebook

Comments are closed.