Ed Sheeran @Mediolanum Forum – Assago (Mi)

ELENIE ci racconta…giovane artista promettente
30 Gennaio 2015
Al Teatro Quirinetta le atmosfere surreali di #Fink
30 Gennaio 2015

Ed Sheeran @Mediolanum Forum – Assago (Mi)

In un freddissimo martedì 27 gennaio si affollano sulla metro verde di Milano in direzione Assago  – Milanofiori Forum migliaia di ragazzi, giovanissimi e non, arrivati da ogni dove per assistere al concerto di Mr. Ed Sheeran, il cantautore inglesino rivelazione dell’ultimo anno, pronto a bissare il successo della sera precedente in quel  del Palalottomatica di Roma. I fan più accaniti lo stanno aspettando fuori dal palazzetto già da ore, se non giorni, nella speranza di conquistare un posto in prima fila per quel che sembra essere il primo vero e proprio evento musicale milanese del 2015. Completamente sold out da mesi, prima ancora del primo show italiano di Ed all’ Alcatraz del 20 novembre scorso, l’ultima speranza per i “ritardatari” sono i gruppi facebook che da qualche settimana aiutano a scambiare biglietti e informazioni. Nonostante ciò, però, sono tantissimi coloro che non sono riusciti ad accaparrarsi un posto nemmeno nella famosa “piccionaia” dell’anello C del Mediolanum Forum e si sono accontentati di ascoltare qualcosa da fuori. Quelle italiane sono le prime date della seconda parte del “Multiply Tour” che vedrà il ventitreenne di origini irlandesi calcare i palchi delle più prestigiose venues di tutto il mondo, dall’ Australia al Sud America passando per Europa, Asia e Stati Uniti, per promuovere e suonare dal vivo il suo ultimo album multiplatino “X”, fino a culminare in tre date, già sold out anche queste,  al celeberrimo Wembley Stadium di Londra il 10,11 e 12 luglio prossimi.

“Hello, my name is Ed and I’m here to entertain you!” 

Esordisce sicuro di sé alle 21 precisissime, dopo una egregia performance dell’ opening act  Ryan Keen che ha  già scaldato il pubblico al punto giusto. È “I’m A Mess” a dare il là ad un’ora e mezza abbondandante di performance esorbitante. Non è certo cosa da tutti i giorni vedere un artista, soprattutto così giovane, esibirsi completamente solo sul palco e con così tanta energia trasmettere ad un pubblico immenso quell’atmosfera intima e intimista tipica dei live nei club e difficile da trovare in una location di questa ampiezza. Ed, la chitarra acustica con la X di nastro adesivo, i pedali per mandare basi e voci in loop e una voce immensa, che spazia senza problemi  tra ballate romantiche e commoventi e un rap energico e divertente che quasi non ci si aspetta da lui. Tutto il concerto è infatti un’altalena di emozioni, dal romanticismo malinconico alla gioia di vivere e di essere felici nel godersi ogni momento in modo spontaneo e semplice, proprio come è spontaneo e semplice il bravo ragazzo dai capelli rossi che scrive canzoni d’amore e riempie i palazzetti e i cuori di mamme e figlie.  L’ intera setlist è inaspettata e diversa ogni sera: alla dolcezza di  brani come “One”, “Photograph” e “Tenerife Sea”, in cui Ed sembra cantare personalmente ad ognuno dei 12000 presenti, si alterna il ritmo incalzante di “Bloodstream”, “Take It Back”, “Nina” e “Don’t” Non mancano hit quali “Lego House”, “Drunk” , “I See Fire” e “The A Team” e che gli hanno permesso di entrare nell’ Olimpo del pop mondiale con il suo primo album “+” del 2011. Quello che stupisce è la sua bravura nel mash-up, l’arte di mischiare, armonizzare e valorizzare all’interno dei suoi brani cover celebri e importanti come “No Diggity”  dei Blackstreet, “Superstition” di Stevie Wonder e “Can’t Help Falling In Love With You” di Elvis Presley. Il punto culminante arriva però con “Con Te Partirò” di Andrea Bocelli, eseguita in un italiano impeccabile, e il cuore di tutti i presenti esplode quando questa continua inaspettatamente nella struggente ballad “Thinking Out Loud”, suo ultimo successo. Il Forum piange, ride, brucia, salta e scatta selfie con Mr. Sheeran, ma riesce anche ad ammutolirsi quando il padrone di casa per una sera chiede a tutti di fare silenzio e ascoltarlo sussurrare la sua poesia. Nella cattedrale della musica italiana sembra quasi che si svolga una vera e propria liturgia in cui le candele sono i flash degli smartphones e la preghiera recita “Give Me Love”, sorta di inno di una generazione che ha sempre più bisogno d’amore e trova proprio in un ragazzo come tanti, camicia a scacchi e braccia tatuate, il rappresentante perfetto, metà bad boy e metà ragazzo della porta accanto.  Quasi a sottolinearlo arriva subito dopo “You need me, I don’t need you” con un accenno di “Fancy” di  Iggy Azelea: “sono così stravagante, non ne avrai mai abbastanza”. In men che non si dica siamo già alla fine. Ed Sheeran saluta l’ Italia con “Sing”, ma è un arrivederci a molto presto: se anche voi non ne avete ancora abbastanza, potrete infatti godervi la sua performance da super ospite alla serata finale del Festival di Sanremo il prossimo 14 febbraio, guarda caso proprio a San Valentino..

a cura di Beatrice Costanzo

 

Comments on Facebook

Comments are closed.