DAI BAUSTELLE A “MARIE”, RACHELE BASTREGHI RACCONTA IL PRIMO ALBUM DA SOLISTA.

#4PUNTATA – #SANREMO2015 #NUOVEPROPOSTE: KALIGOLA ED IL BRANO “OLTRE IL GIARDINO”
26 Gennaio 2015
L’UNICA DATA ITALIANA DEL NUOVO TOUR: THE SCRIPT IL 28 MARZO AD ASSAGO
28 Gennaio 2015

DAI BAUSTELLE A “MARIE”, RACHELE BASTREGHI RACCONTA IL PRIMO ALBUM DA SOLISTA.

marie-580x333Oggi, martedì 27 gennaio, esce il primo album da solista di Rachele Bastreghi, anima femminile dei Baustelle. Il disco si chiama Marie ed è un EP composto da sette brani, di cui quattro inediti, due cover e la versione strumentale di uno degli inediti. Fra gli inediti ci sono i singoli Mon petit ami du passé e Il ritorno, in radio dal 19 gennaio. “Tutto è cominciato con una chiamata del regista Luca Ribuoli – racconta Rachele Bastreghi – Voleva che scrivessi una canzone e la interpretassi nella sua fiction Questo nostro amore 70. Io inizialmente ero un po’ titubante, ma poi ho accettato. Dovevo interpretare una cantante anni ‘70 che faceva carriera in Francia. Avevo carta bianca e potevo costruirmi anche il personaggio: nel copione ero Marie”.

Marie è il mio alter ego – confessa Rachele – Io non volevo neanche comparire in copertina, ma devo ammettere che con questo album ho scoperto una nuova Rachele. Avevo l’esigenza di esprimere qualcosa di nuovo, perché non avevo mai scritto testi prima d’ora. Questa esperienza mi aiuterà molto anche quando tornerò con i Baustelle”. L’EP ha un’atmosfera molto vintage come fosse una colonna sonora di un film francese negli anni ’70. Questo era ovviamente nelle intenzioni dell’autrice che ha omaggiato quegli anni con due cover ricercate: All’inferno insieme a te di Patty Pravo e Cominciava così degli Equipe 84. “Questo EP era l’occasione giusta per omaggiare gli artisti che m piacciono – dice Rachele – Patty Pravo la ascolto da sempre: mi piace come interprete e come icona anni ’70. All’inferno insieme a te però era una canzone che non conoscevo ed è stata una bella scoperta. Gli Equipe 84 li ascoltava molto mio padre e a me Maurizio Vandelli piace tantissimo”. Tante le collaborazioni all’interno di Marie: fra queste spicca Claudio Brasini dei Baustelle (per la scrittura del brano Senza essere) e Mauro Pagani (al flauto nella versione strumentale di Folle Tempesta). Ma tanti sono i musicisti che hanno danno il proprio contributo, fra questi: Giovanni Ferrario (che ha curato anche la produzione artistica), Fabio Rondanini (Calibro 35), Sergio Carnevale (Bluvertigo), Marco Carusino (Morgan), Davide Fronterrè e Daniele Richiedei (AltriArchi).

Rachele Bastreghi incontrerà i suoi fan nelle Feltrinelli di Milano (4 febbraio), Roma (5 febbraio) e Firenze (6 febbraio). Per sentire Marie dal vivo, invece, bisognerà aspettare fino a marzo/aprile.

Prima di salutarci Rachele ci racconta del provino sostenuto per entrare a far parte dei Baustelle: “Mia madre diceva che facevano canzoni tristi, ma a me piacevano. Insomma mi fecero fare il provino e ce l’ho ancora qui (indica la gola e ride)…mi dissero: ti faremo sapere”.

 

Comments on Facebook

Comments are closed.