THE AVENER DA GHOST PRODUCER AL SINGOLO D’ORO CON “FADE OUT LINES”

Sanremo 2015: Carlo Conti presenta il cast dei Campioni, mix fra trash,talent e vecchie guardie.
15 Dicembre 2014
La Passione, L’ Impegno e L’ Entusiasmo: la Grande PAOLA FOLLI si racconta a Fourzine
16 Dicembre 2014

THE AVENER DA GHOST PRODUCER AL SINGOLO D’ORO CON “FADE OUT LINES”

The Avener è un artista sfaccettato, discreto ma complesso che trae la sua ispirazione dalle diverse esperienze maturate in giro per il mondo. Il suo primo singolo Fade out lines sta facendo ballare milioni di persone compresa la modella Emily Ratajkowski nell’ultimo spot Yamamay. Il brano, che anticipa il primo album The Wanderings Of The Avener in uscita il 24 febbraio, è stabile nella Top Ten dei brani più venduti in Italia e ha ottenuto la certificazione di Singolo d’oro per le vendite. Tristan, questo il vero nome dietro The Avener, è un ragazzo spigliato e genuino che non ha paura di raccontare quelle che sono state le sue origini… “Ho cominciato molto giovane suonando il piano e la musica classica. Poi, quando avevo circa 16 anni, ho deciso di passare alla musica elettronica per fare qualcosa di più divertente e meno accademico. Un giorno chiesi a mia madre di comprarmi un giradischi e così iniziai a suonare alle feste di compleanno dei miei amici. Più tardi fui notato dal proprietario di un club e diventai resident dj in un locale di Nizza, la mia città”. “Col tempo cominciai a produrre musica per conto mio – continua Tristan – e quindi decisi di trasferirmi a Parigi perché là c’erano i club più esclusivi e c’era più possibilità di emergere come dj. Però Parigi è una citta cara e per mantenermi diventai il ghost producer di importanti dj francesi. Quel periodo fu importante per me per imparare e crescere come artista. Nel 2012 però notai che la musica elettronica stava cambiando in negativo per i miei gusti. Così decisi di tornare a Nizza e di prendermi una pausa. Viaggiai molto per cambiare e trovare una visione differente. Quando tornai da questo viaggio fui felice di tornare a lavorare in studio per produrre musica come Fade Out Lines”. The Avener confessa di fare musica per far ballare le persone. Tristan parla di democratizzazione della musica riferendosi soprattutto alla possibilità di condividere brani su internet in completa libertà. Il suo è un mondo ricco di influenze, ma basato sull’amore per la deep house e l’elettronica. Fade out lines però è un blues con del jazz, è folk con del funk. Quando la ascolti ti sembrerà di immergerti in un mondo fantastico, magari dentro un western di Sergio Leone… “È vero – afferma Tristan – e in futuro spero di produrre musica per un film western come ha fatto Ennio Morricone. Tra l’altro Fade out lines farà presto parte della colonna sonora di un film, ma non posso ancora dire quale”. Per ascoltare Fade out lines e le altre canzoni di The Avener vi consigliamo allora di prendere nota della prima data a Milano: il 16 gennaio al Factory. Circa un mese dopo, il 24 gennaio, uscirà l’album The Wanderings Of The Avener. Per concludere: un consiglio ai dj emergenti? “Appassionatevi a quello che state facendo e ascoltate tanta musica – dice Tristan – Non pensate ai soldi…almeno all’inizio”.

Comments on Facebook

Comments are closed.