“Storia del Videogioco dagli anni Cinquanta ad oggi” di Marco Accordi Rickards

La democrazia è il più fragile del giocattoli #TFF32
26 Novembre 2014
Four Magazine incontra NOEMI in occasione dell’ uscita del film AMBO.
27 Novembre 2014

“Storia del Videogioco dagli anni Cinquanta ad oggi” di Marco Accordi Rickards

storia del videogioco coverL’importanza assunta oggi dal videogioco sia in termini economici che sociali e culturali ha finalmente portato un interesse generalizzato nei suoi riguardi, sia a livello di grande pubblico che a livello accademico, Anche in Italia quella che è stata la passione di pochi è diventato quanto meno il passatempo di moltissimi e la paura di questo medium ignoto a tanti sta finalmente venendo affrontato nel modo giusto: cercando di capirlo e informandosi su di esso.

Uno degli aspetti più interessanti da indagare nell’approcciarsi al videogioco è l’affascinante storia di questo medium. In lingua inglese esistono fior di saggi e studi che ne sviscerano tutti i risvolti, molti poi sono dedicati a specifici personaggi, società e prodotti che ne hanno caratterizzato l’evoluzione.

Anche in italiano quello storico è uno degli approcci che più facilmente si può rintracciare nei volumi dedicati al videogioco, ma spesso si tratta di capitoli all’interno di trattazioni più ampie, frequentemente d’impostazione accademica o votate a descrivere il medium da diverse prospettive in un unico volume.

Con Storia del videogioco dagli anni Cinquanta a oggi, anche Marco Accordi Rickards sceglie di focalizzarsi sull’aspetto storico, componendo un volume che ripercorre le evoluzioni del medium dalle origini alle prospettive future, in un testo di 160 pagine complessive, edito da Carocci.

Le poche caratteristiche introduttive qui descritte danno già la misura dell’approccio scelto dall’autore, che divide la trattazione in decadi, dieci anni per ognuno dei 5 capitoli, più un sesto che si articola fra contemporaneità e futuro. All’impossibilità di approfondimento, Accordi Rickards ovvia lavorando su contestualizzazioni generali ed esempi particolari, proponendo ai lettori una summa riepilogativa agile ma non superficiale.

La quantità di argomenti toccati nel rendere conto della storia del videogioco darà senza dubbio al lettore la curiosità di approfondire, di indagare più a fondo le storie dei vari Bushnell e la sua Atari, di Nintendo e dei suoi alfieri, delle strategie commerciali di Sony e Microsoft.

Volendo fare un parallelismo con quello che l’autore racconta, il suo volume è assimilabile alla console Nintendo Wii: un prodotto adatto a tutti, in particolare a quelli che del videogioco hanno sentito parlare, non lo conoscono ma ne sono incuriositi. Chi conosce già il videogioco troverà in Storia del videogioco dagli anni Cinquanta a oggi una piacevole occasione di ripasso, tutti gli altri uno spunto agevole per iniziare ad approfondirne la conoscenza.

Comments on Facebook
Roberto Semprebene
Roberto Semprebene
Appassionato di Cinema e Videogiochi, ha fatto delle sue passioni il proprio lavoro. Ci tiene tantissimo a precisare di essere nato in un giorno palindromo, cosa che probabilmente affascina e stupisce solo lui!

Comments are closed.