Parte il 32° Torino Film Festival #TFF32

L’ingrediente segreto: Chef Rubio per la casa di Andrea
22 Novembre 2014
Io sto con la sposa | Antonio Augugliaro, Gabriele Del Grande, Khaled Soliman Al Nassiry
23 Novembre 2014

Parte il 32° Torino Film Festival #TFF32

Si apre con Lav Diaz e Gemma Arterton la prima edizione targata Emanuela Martini

GEMMA BOVERYRéalisé par Anne Fontaine

Con l’indomita chioma rossa di Emanuela Martini, per la prima volta da sola alla guida di un festival che cura da molti anni, parte il 32° Torino Film Fest, uno dei festival più belli e importanti d’Europa. Fino al 29 novembre saranno quasi 200 i film che attraverso le varie sezioni presenteranno gli emergenti più interessanti, nel concorso dedicato alle opere prime e seconde, e in grandi autori oltre alle scoperte e invenzioni cinematografiche raccolte in giro per i festival del mondo. Si parte con la sensuale Gemma Arterton protagonista di Gemma Bovery di Anne Fontaine, rilettura di Madame Bovary di Flaubert partendo dalla graphic novel di Posy Simmonds: u n film diviso tra l’anima inglese e quella francese, forzato nelle soluzioni narrative ma efficace nel tratteggio dei personaggi e nel tocco della regista.

tumblr_nce9w6OQqb1qghb8io3_1280

 

Il vero colosso che ha aperto il festival per molti cinefili è stato però Storm Children Book I, documentario di Lav Diaz, l’autore filippino più amato al mondo, consacrato dal Pardo d’oro vinto pochi mesi fa a Locarno: per la prima volta alle prese con il documentario, Diaz lo usa per ampliare ancora la potente idea alla base del suo cinema, fatta di inquadrare ampie, lunghe, in cui far passare tutti gli elementi visivi e sonori del suo discorso, in cui il fuori campo è più importante e significante di ciò che si vede. Scolpire la realtà attraverso il tempo ed entrambi attraverso il cinema: stimola, affascina e lascia più di un dubbio (è corretto che un’operazione filmica dedicata ai bambini delle Filippine travolti da un disastro superi l’importanza del soggetto stesso del film?), ma sono dubbi fertili, che circondano e assalgono lo spettatore meglio disposto.
Domani si entra già nel clou, con Magic in the Moonlight di Woody Allen.

Comments on Facebook
Emanuele Rauco
Emanuele Rauco
Nato a Roma il 18 luglio del 1981, si appassiona di cinema dalla tenera età e comincia a scrivere recensioni dall'età di 12 anni. Comincia a collaborare con il giornalino scolastico e, dopo aver frequentato il DAMS di Roma 3, comincia a scrivere per siti internet e testate varie: redattore e poi caporedattore per il sito Cineforme, ora Cinem'art Magazine, e per la rivista Cinem'art, redattore e inviato per RadioCinema. Inoltre scrive per Four Magazine, di cui è caporedattore, e altre testate on line ed è curatore di un programma radiofonico su cinema e musica, Popcorn da Tiffany su Ryar Radio. Collabora per le riviste Il mucchio e The Cinema Show – primo mensile cinematografico per iPad – e per il quotidiano L'opinione. Alcuni suoi scritti sono stati pubblicati su saggi e raccolte critiche, tra cui la collana Bizzarro Magazine di Laboratorio Bizzarro ed è spesso ospite in trasmissioni radiofoniche e televisive come Ma che bella giornata o Square e I cinepatici di Coming Soon Television. Ha un canale di youtube in cui parla di cinema, spettacolo, cultura e comunicazione.

Comments are closed.