#GarbageGirls al Teatro Vascello

TERZA PREPARAZIONE ALLA FARFALLA
13 Novembre 2014
Associazione Andrea Tudisco al Sic Supermoto Days
15 Novembre 2014

Quello che si vede sulla scena sembrerebbe essere un campo di cianfrusaglie mal riposte ai margini della strada. Sede di sedie, imballaggi, strumenti di lavoro, valigie piene di attrezzi di scena, poltroncine, sgabelli, macchinari, e di poco distante un grande secchio contenente oggetti tra i più disparati. Tre donne si muovono prima contratte, poi sciolte, veloci, libere, al ritmo sincopato e temporeggiato delle note che le circondano, invadendole come i passi di una strada che è di là da venire, compresente protagonista della matura e ipnotica scena. Una delle donne si aggira inerme tra i rifiuti con un cagnolino, un’altra mugugna tossendo avvolta da una grande coperta imbottita a fiori, mentre la più giovane, l’apripista, tenta poi di ripararsi sotto un sudicio cartone.

garbage girls_2

Dirompente si fa il ritmo, convulsa la scena, abbracciata a piene mani dalle danzatrici, interpreti di un viaggio trascendentemente teatro di vita e di relazioni, dai tratti grotteschi, carezzevolmente crudo. Corinna Anastasio, Angela Valeria Russo e Francesca La Cava (anche coreografa e regista dello spettacolo) sono le vitali espressioni dell’immanenza catartica, espressa con estrema eleganza e bravura. In alcuni passi filtrano brividi in accordo con una sorta di stordimento longitudinale. Le loro mosse stillano punti fermi in disposizioni inferme. Le musiche di Lorenzo e Federico Fiume offrono loro un tappeto sonoro proteiforme, vitamina lucida del tutto a favore del movimento sconnesso ed energico, deviante e barbaro; e quando sconfinano nell’inquietudine esistenziale ricordano il brano The Overload, chiusura della pietra miliare Remain in Light dei Talking Heads. È da lì, da quegli spasimi posturali suggeriti dalle scelte musicali che la scena – disarmonica e armonica interdipendenza dei corpi – li lascia espandere nella loro fuorviante totalità. Cuore della vita che rinasce dalle folgori è la geometria a due, vera e propria anima dello spettacolo, fra i due corpi più adulti e consapevoli; così come, ed è lì che il sublime si affaccia indiscutibilmente, nella danza con la nuova scarpa dell’altra interprete, fresca temeraria a caccia del regale tra le rovine.

garbage girls_3

La luce invade l’ombra e l’alba di un nuovo giorno pulisce la tenebra dei suoi oscuri recessi. La natura sembra respirare e così le sue creature. Esse palpitano e, infine, tirano un sospiro di sollievo. Il mondo sembra avere le loro ali.

GRUPPO e-MOTION
con il contributo del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, della Regione Abruzzo, della Provincia e del Comune dell’Aquila
presenta
GARBAGE GIRLS
Regia e Coreografia Francesca La Cava
Interpreti Francesca La Cava, Corinna Anastasio, Angela Valeria Russo
Costumi Francesca La Cava
Musica Originale Lorenzo e Federico Fiume dell’Associazione Culturale Resiliens
Scene e disegno luci Stefano Pirandello
Comments on Facebook

Comments are closed.