L’America Latina che chiede spazio

PRIMA PREPARAZIONE ALLA FARFALLA
30 Ottobre 2014
Festival di #Fotografia nei Centri Culturali della Periferia Romana
3 Novembre 2014

A Latere, sguardi oltre il cinema

Screen Shot 2013-06-06 at 1

Il mercato cinematografico è tra quelli europei uno die più chiusi e ottusi d’Europa. La percentuale di film che non siano americani o italiani è tra le più basse (intorno al 20%, spesso inferiore) di cui la quota di cinema extra-europeo è inferiore al 5%. Il cinema latino americano è praticamente assente. Forse tutta la quota di mercato del cinema ispano-americano è concentrata in questo fine settimana in cui escono ben 3 film battenti bandiere centro o sudamericane: Ritorno all’Avana di Laurent Cantet (francese, ma profondamente cubano), La danza della realtà, ritorno al cinema del maestro cileno Alejandro Jodorowsky e Pelo malo, piccola sorpresa venezuelana diretta da Mariana Rondòn. Tre film che chiedono di capire, conoscere, viaggiare anche solo al cinema nella cultura latino-americana, che alle periferie dell’impero occidentale è bellamente ignorata. 

PELOMALO-Niña-1

Quello che erompe dai tre film è il cuore dei luoghi, e sembra che uno dei filoni, forse il filone per eccellenza del cinema latino americano è raccontare i luoghi in cui nasce, forse perché i registi sono consapevoli di come fuori dal turismo nessuno conosce sul serio paesi, città quartieri. Cantet, che già aveva raccontato Cuba nel film a episodi 7 giorni all’Avana, chiude i suoi personaggi in una terrazza, dalla quale guarda una piazza simbolo per l’evoluzione politica e culturale dei protagonisti, e scava lungo 40 anni di rimpianti, rimorsi, delusioni e speranze, per lo più tradite del castrismo e della gioventù. Sempre da una terrazza, ma su uno spiazzo più ampio e inquieto, guarda Mariana Rondòn: in Pelo malo la periferia di Caracas diventa specchio di un nazione e modo per la regista di riflettere sui miti culturali del suo paese (il machismo, l’apparenza, l’ostentazione di fisico o denaro) e la violenza scatenata, nonostante la venerazione di un bolivarista come Chavez. Un paese e il suo cuore attraverso palazzi e spiazzi: si pensa al modo in cui l’argentino Taretto in Medianeras descrive l’amore tra due ragazzi attraverso i palazzi di Buenos Aires.
Discorso a parte per Jodorowsky, che d’altronde ha un posto a parte nella storia del cinema: La danza della realtà reimmagina l’infanzia del regista, mostra e in un certo senso illustra i germi e i segni del suo cinema, e lo fa dal fondo di Tocopilla, cittadina di poco più di 20.000 abitanti della regione di Antofagasta, terra di miniere a nord del Cile. La povertà è riscattata dalla fantasia, dalla visionarietà e dalla voglia di conoscere il mondo e le culture altrui, dalla rivoluzione stalinista all’opera italiana. Facendo invece un percorso inverso a quello che possiamo vedere nel mercato culturale e nell’industria italiana. Che pensano, dall’alto della loro storia, di poter dire e fare tutto, di potersi chiudere, di bastare a loro stessi. Di non dover nemmeno conoscere luoghi vivi e pulsante in mezzo alle difficoltà come quelli latino-americani.

Comments on Facebook
Emanuele Rauco
Emanuele Rauco
Nato a Roma il 18 luglio del 1981, si appassiona di cinema dalla tenera età e comincia a scrivere recensioni dall'età di 12 anni. Comincia a collaborare con il giornalino scolastico e, dopo aver frequentato il DAMS di Roma 3, comincia a scrivere per siti internet e testate varie: redattore e poi caporedattore per il sito Cineforme, ora Cinem'art Magazine, e per la rivista Cinem'art, redattore e inviato per RadioCinema. Inoltre scrive per Four Magazine, di cui è caporedattore, e altre testate on line ed è curatore di un programma radiofonico su cinema e musica, Popcorn da Tiffany su Ryar Radio. Collabora per le riviste Il mucchio e The Cinema Show – primo mensile cinematografico per iPad – e per il quotidiano L'opinione. Alcuni suoi scritti sono stati pubblicati su saggi e raccolte critiche, tra cui la collana Bizzarro Magazine di Laboratorio Bizzarro ed è spesso ospite in trasmissioni radiofoniche e televisive come Ma che bella giornata o Square e I cinepatici di Coming Soon Television. Ha un canale di youtube in cui parla di cinema, spettacolo, cultura e comunicazione.

Comments are closed.