Giochi delle frontiere #RomaFF9

Monica Guerritore e Giovanni Nuti cantano la Merini con “…mentre rubavo la vita…!”
23 Ottobre 2014
The Knick: il grande cinema è… in TV #RomaFF9
24 Ottobre 2014

Cosa s’impara dal cinema: Festival di Roma – Giorno 8

1389358839237Il cinema d’autore o indipendente italiano sembra conosca un solo tema su cui affrontare il campo dell’attualità: l’immigrazione, possibilmente clandestina. Ma non esiste una sola immigrazione e non esiste un solo modo per raccontarla, a differenza di quanto vediamo durante l’anno. Oltre che dai mari del Sud, dall’Africa e dal Medio Oriente, i migranti solcano altre frontiere e cinematograficamente sarebbe il caso di raccontarli fuori dai meccanismi del cinema d’impegno,ormai divenuti stantii. Provano a cambiare le carte in tavola due film italiani visti durante il festival di Roma: La foresta di ghiaccio di Claudio Noce e Index Zero di Lorenzo Sportiello.

1370521586628

Quello di Noce alza lo sguardo dal Mediterraneo e lo pone sulla frontiera italo-slovena, attraverso la quale – dopo la guerra civile jugoslava – migliaia di profughi hanno cercato di fuggire dal dolore incontrando spesso, soprattutto le donne, un abisso fatto di schiavismo e prostituzione: il ritrovamento di uno dei loro corpi porterà a svelare i segreti di un paesino di montagna. A colpire non è solo lo sguardo su un misconosciuto fenomeno di migrazione criminale, ma soprattutto la chiave di racconto scelta, quella del thriller d’autore, che gioca con i luoghi e i personaggi, come un western innevato, come un noir scandinavo.
Anche Sportiello usa i meccanismi del genere, del genere più ostico al pubblico italiano, la fantascienza e la usa come si dovrebbe fare il più delle volte, ovvero in chiave metaforica: Index Zero riflette sullo squallore politico e ideologico dei CIE (Centri di Identificazione ed Espulsione), quelle carceri malcelate in cui ingabbiamo i clandestini, i profughi e i richiedenti asilo. Negli Stati Uniti d’Europa post-apocalittici del 2035, l’umanità non è sostenibile, e quindi va eliminata, a patto di seguire le regole, adeguarsi, integrarsi alla società vigente. E tra chi chiede disperatamente di entrare alla frontiera, molti vogliono uscirne, fuggire, anche se pare impossibile. Basso budget e alto tasso di intelligenza: il cinema italiano sa parlare anche le lingue che non dovrebbero esserle consuete.

 

Comments on Facebook
Emanuele Rauco
Emanuele Rauco
Nato a Roma il 18 luglio del 1981, si appassiona di cinema dalla tenera età e comincia a scrivere recensioni dall'età di 12 anni. Comincia a collaborare con il giornalino scolastico e, dopo aver frequentato il DAMS di Roma 3, comincia a scrivere per siti internet e testate varie: redattore e poi caporedattore per il sito Cineforme, ora Cinem'art Magazine, e per la rivista Cinem'art, redattore e inviato per RadioCinema. Inoltre scrive per Four Magazine, di cui è caporedattore, e altre testate on line ed è curatore di un programma radiofonico su cinema e musica, Popcorn da Tiffany su Ryar Radio. Collabora per le riviste Il mucchio e The Cinema Show – primo mensile cinematografico per iPad – e per il quotidiano L'opinione. Alcuni suoi scritti sono stati pubblicati su saggi e raccolte critiche, tra cui la collana Bizzarro Magazine di Laboratorio Bizzarro ed è spesso ospite in trasmissioni radiofoniche e televisive come Ma che bella giornata o Square e I cinepatici di Coming Soon Television. Ha un canale di youtube in cui parla di cinema, spettacolo, cultura e comunicazione.

Comments are closed.