La Francia e l’effetto caramella #RomaFF9

Il mio testimone di nozze – Teatro Brancaccino
21 Ottobre 2014
ITALIAN GAME DEVELOPERS SUMMIT (IGDS) IL PROGRAMMA
22 Ottobre 2014

Cosa s’impara dal cinema: Festival di Roma – 6° giorno

Tokyo-fiancee

Qualcuno deve aver fatto giungere la voce a registi e produttori francesi che gira il luogo comune, condiviso purtroppo di qua e di là dell’oceano, che i i film d’oltralpe siano noiosi e intellettualistici. Fatta salva l’infondatezza e ‘ottusità di fondo che permeano la frase fatta, il festival di Roma mostra l’altro lato del cinema del francese, quello che vorrebbe conquistare tutti diventando dolce e zuccheroso come una caramella. Capostipite dei dolciari cineasti è Jean Pierre-Jeunet, che dopo gli inizi grotteschi assieme al fido Marc Caro, ha rifondato l’estetica della carineria con Il favoloso mondo di Amélie, a cui poi però ha fatto seguire una serie di pellicole più o meno simili, di solito meno belle, in cui la tenerezza è costruita come un distributore automatico, come una merendina glassata, coloratissima e piena di glucosio, ma meccanica, senza vero gusto, anima: descrizione che si applica anche al nuovo Lo straordinario viaggio di T. S.Spivet, sorta di Hugo Cabret della prateria americana.
Stesso gioco a cui gioca Stefan Libersky con Tokyo Fiancée, in cui adatta Né di Adamo né di Eva di Amélie (nomen femen) Nothomb raccontando dell’amore bizzarro, strampalato e surreale tra la protagonista belga e un giapponese: siparietti, scenette buffe, protagonisti dalle faccine adorabili, tocchi onirici e musicali. Ma almeno Libersky sa creare un’incredibile atmosfera tra i suoi attori, che danno verità allo sciroppo della vicenda, inserendo tocchi tragici o mistici, forse forzati ma inconsueti.

la-prochaine-fois-je-viserai-le-coeur-photo-5409775421994

Per respirare l’aria del cinema francese che preferiamo, bisogna buttarsi sul noir e sul polar: con La prochaine fois je viserai le coeur, Cédric Anger prende un tipico thriller – serial killer uccide donne, la polizia lo insegue -, ne confonde le carte tramutando il gendarme in assassino e costruisce un ritratto ossessivo e alieno del killer, calando lo spettatore nel suo ritmo plumbeo, nel suo sguardo deviato, nella sua pazzia istintiva e senza metodo, nel lato oscuro del militarismo francese. Per ricordare anche che i figli di Monsieur Chauvin sanno regalare pillole di cinema capac di scuotere, e non solo di far venire la carie.

Comments on Facebook
Emanuele Rauco
Emanuele Rauco
Nato a Roma il 18 luglio del 1981, si appassiona di cinema dalla tenera età e comincia a scrivere recensioni dall'età di 12 anni. Comincia a collaborare con il giornalino scolastico e, dopo aver frequentato il DAMS di Roma 3, comincia a scrivere per siti internet e testate varie: redattore e poi caporedattore per il sito Cineforme, ora Cinem'art Magazine, e per la rivista Cinem'art, redattore e inviato per RadioCinema. Inoltre scrive per Four Magazine, di cui è caporedattore, e altre testate on line ed è curatore di un programma radiofonico su cinema e musica, Popcorn da Tiffany su Ryar Radio. Collabora per le riviste Il mucchio e The Cinema Show – primo mensile cinematografico per iPad – e per il quotidiano L'opinione. Alcuni suoi scritti sono stati pubblicati su saggi e raccolte critiche, tra cui la collana Bizzarro Magazine di Laboratorio Bizzarro ed è spesso ospite in trasmissioni radiofoniche e televisive come Ma che bella giornata o Square e I cinepatici di Coming Soon Television. Ha un canale di youtube in cui parla di cinema, spettacolo, cultura e comunicazione.

Comments are closed.