Tobias Rehberger con “Wrap it up” @ MA.C.R.O.

Le atmosfere di Emilio Longoni alle Gallerie Maspes di Milano
17 Settembre 2014
Milan Games Week Retro la storia del videogioco protagonista della manifestazione
17 Settembre 2014

Tobias Rehberger con “Wrap it up” @ MA.C.R.O.

Prosegue nel 2014 la partnership tra MACRO – Museo d’Arte Contemporanea Roma e Deutsche Bank. Dopo le mostre di Yto Barrada (settembre – novembre 2012) e Imran Qureshi (settembre – novembre 2013), vincitori del Premio Deutsche Bank’s “Artist of the Year”, quest’anno il MACRO ospiterà dal 19 settembre 2014 all’11 gennaio 2015 la mostra “Wrap it up” di Tobias Rehberger, uno dei più interessanti artisti tedeschi sulla scena internazionale dell’arte contemporanea.

“Wrap it up” rivela un lato ancora poco conosciuto dell’opera dell’artista. La mostra, a cura di Friedhelm Hütte – Global Head of Art di Deutsche Bank, offre una visione generale di disegni, collage, stampe ed opere su carta facenti parte della Deutsche Bank Collection, che risalgono al periodo tra il 1991 e il 2003.

Ispirato dalla storia dell’arte moderna e dal design classico del dopoguerra, Reheberger costruisce nelle sue opere ambienti avveniristici che giocano con luce, spazio, arredamento, segnaletica e abbigliamento. Con le opere su carta, in particolare, si comporta come un ricercatore che studia le relazioni degli esseri umani con il mondo oggettivo, sia che si tratti di copiare gioielli a buon mercato o di dipingere ad acquerello i campi di battaglia di Verdun alla maniera di un pittore dilettante.

Attraverso le sue molteplici forme di produzione artistica – dalle sculture, agli oggetti industriali, ai pezzi d’artigianato – l’artista esplora una sfera più ampia del design strutturale e dell’architettura, raggiungendo connessioni fortuite e incontri inaspettati. Il concetto di trasformazione è il tema centrale della sua arte. Reheberger concentra le proprie energie sui processi di percezione e consapevolezza, temporalità e transitorietà, discontinuità e ambiguità.

Il ruolo di artista e i principi comuni della produzione artistica vengono radicalmente messi in discussione da Reheberger. Le opere di “Wrap it up”, in parte autonome e in parte schizzi e studi su progetti realizzati per mostre e biennali, offrono un approfondimento completo della sua produzione artistica.

La mostra è illuminata dall’opera “Infections”, composta da 33 esemplari unici di paralumi fatti di nastri di velcro, parte di un progetto ancora in corso, iniziato nel 2002. I paralumi sono stati inizialmente realizzati da vari assistenti come prototipi e modificati dall’artista se non rispecchiavano i suoi standard. Le variazioni, in ogni caso, non dovevano comportare aggiunte di altri materiali al velcro iniziale.

Comments on Facebook

Comments are closed.