“Gala con le stelle dello Stuttgart Ballet” ad Invito alla Danza 2014

L’Ombra di Mordor Behind the Scenes: Troy Baker e Alastair Duncan
8 Agosto 2014
Ricordando Robin WIlliams
12 Agosto 2014

“Gala con le stelle dello Stuttgart Ballet” ad Invito alla Danza 2014

StuttgartStuttgartRomeo-&-Julia_Kang-Jones-(c)-Stuttgart-BalletSofisticata serata di chiusura con le stelle dello Stuttgart Ballet per Invito alla Danza 2014, rassegna internazionale dell’estate romana giunta felicemente alla ventiquattresima edizione. Per una volta assistita dal nervoso clima della capitale, la manifestazione diretta da Marina Michetti ha portato in scena tra le luci e gli alberi del Teatro Grande dell’Accademia Nazionale di Danza uno spettacolo di grande tecnica e stile, regalando al pubblico brividi di sano entusiasmo e spontaneo stupore.

Protagonisti del palcoscenico, i migliori ballerini di una delle più note compagnie del mondo in un gala esclusivo per Invito alla Danza che ha mostrato alla platea dell’Aventino le infinite sfumature del movimento e dell’intreccio in una sequenza strabiliante di pas de deux classici e moderni. Ancora una volta trasportati dalla resistenza di immagini impresse nella mente, disordiniamo il programma (indubbiamente ben ideato in una leggibile suddivisione tra classico e contemporaneo) e scegliamo di segnalarne prima di tutto l’ottima scelta di mostrare i pezzi di autori supportati dalla Noverre Society, organizzazione di promozione per giovani coreografi sostenuta dallo stesso John Cranko.

Padrone della serata certamente Itzik Galili abilissimo creatore di grovigli coreografici sorprendenti che in Mona Lisa mette in moto una giostra mirabolante di voli e asimmetrie al limite delle possibilità d’equilibrio; incastri e giochi fuori asse senza dubbio favoriti dalla flessibilità non comune della splendida Alicia Amatriain e dall’ottima capacità del partner Alexander Jones di gestirne l’elasticità. E si lascia andare l’elegante pubblico del Teatro Grande a spontanee espressioni di apprezzamento, manifestando candidamente la sorpresa generalmente contenuta nell’ambiente del balletto; chiaro segno di un livello tecnico ed espressivo inatteso e fuori dall’ordinario.

Accattivante la creazione Come neve al sole del romano Rolando d’Alesio, divertente gioco di contatti e distanze tra sincronie e scambi di ruolo; bravi Costantin Allen e Daniela Lanzetti (danzatrice italiana della compagnia) interpreti vivaci di una costruzione originale. Decisamente riuscito anche Little Monsters di Demis Volpi, pezzo leggero nelle intenzioni, ma inaspettatamente commovente nel risultato grazie ad una misurata gestione di abbracci e vicinanze che diluiscono in un’attesa di dolcezza la carica passionale delle canzoni di Elvis Presley. Molto convincente la prova di Elisa Badenes, minuta e flessuosa dal piglio deciso; bello il contrasto fisico con il prestante David Moore abilmente utilizzato da Volpi nei momenti della coreografia in cui Badenes resta completamente nascosta dal compagno o sollevata da terra per raggiungerne l’altezza.

Vista la fama dello Stuttgart Ballet risultano in linea con le attese, ma non per questo meno apprezzabili, i pas de deux dal repertorio Cranko. Lirica e coinvolgente, Hyo Jung Kang è appassionata Giulietta accesa da incontrollabile e fatale slancio d’amore; di nuovo bravo David Moore, moderno Romeo di grande tecnica e carisma. Ottima la coppia Amatriain-Jones in Holberg pas de deux; sorprende l’abilità della danzatrice di controllare la propria duttilità articolare sicuramente ben contenuta dalla sapiente conduzione del partner.

Grande repertorio classico con Flammes de Paris (con Rachele Buriassi e Costantin Allen) e Diana e Atteone; in quest’ultimo, eccellenti i protagonisti Elena Badenes e Pablo von Sternenfels, virtuosi ballerini che strappano (meritati) applausi a scena aperta. Chiude la serata l’estratto da La Bella Addormentata (1987) di Marcia Haydée, étoile storica della compagnia nonché musa di John Cranko; sebbene gli estratti non sempre rendano giustizia alle ben più elaborate coreografie di repertorio, ritroviamo nella performance l’energia e l’espressività tipica di Haydée, grandissima ballerina di insuperato magnetismo interpretativo.

Scheda spettacolo: Gala con le stelle dello Stuttgart Ballet ad Invito alla Danza 2014

Comments on Facebook

Comments are closed.