“GALA con le stelle dello STUTTGART BALLET” ad Invito alla Danza

La moda si mette all’asta
31 Luglio 2014
F1 2014: Codemasters si schiera in pole
31 Luglio 2014

Ultimo appuntamento di Invito alla Danza 2014, ricca rassegna internazionale di danza diretta da Marina Michetti. Si chiude un’edizione, la ventiquattresima, caratterizzata dalla felice collaborazione con l’Accademia Nazionale di Danza che ha fornito il proprio Teatro Grande al programma di un festival sempre denso di varietà e tradizione (molto bella la serata È già domani, con ospiti i giovani diplomati delle migliori scuole internazionali di balletto tra i quali gli stessi allievi dell’Accademia). Poco favorito dalla condizioni climatiche dell’estate romana, Invito alla Danza 2014 ha comunque portato in scena al chiuso dei teatri Vittoria e Vascello di Roma spettacoli eleganti e coraggiosi che hanno richiamato l’attenzione di un discreto pubblico di esperti ed appassionati (sono stati spostate all’interno le performance di MMCompany, Aterballetto e Imperfect Dancers Company).

Alicia-Amatriain-in-Miniatures-(Lee)_c_Stuttgarter-Ballett

Alicia-Amatriain-in-Miniatures-(Lee)_c_Stuttgarter-BallettAlicia-Amatriain-in-Miniatures-(Lee)_c_Stuttgarter-BallettDomani 31 luglio, ultima serata di quest’estate danzata che promette emozioni certe grazie alla presenza delle Stelle dello Stuttgart Ballet in uno spettacolo a loro interamente dedicato. La compagnia tedesca diretta dal 1996 da Reid Anderson, porta in scena a Roma i due pas de deux Romeo e Giulietta (con Hyo Jung Kang e David Moore) e Holberg Pas de Deux (con Alicia Amatriain e Alexander Jones) del noto autore inglese John Cranko, coreografo principale, direttore e anima ispiratrice dello Stuttgart Ballet dal 1961 al 1973.

Oltre agli estratti dal più classico repertorio Diana e Atteone (coreografia di A. Vaganova e musica di R. Drigo con Elisa Badenes e Pablo von Sternenfels) e Flammes de Paris (coreografia di V. Vajnonen e musica di B. Assafiev con Rachele Buriassi e Costantin Allen) anche pezzi di nuovi coreografi: Come neve al sole di Rolando D’Alesio su musica di P. Schindler con Daniela Lanzetti e Costantin Allen, Little Monters di Demis Volpi su musica di E. Presley con Elisa Badenes e David Moore, Mona Lisa di Itzik Galili su musica di T. Höfs e I. Galili. Chiude la serata un estratto da La bella addormentata di Marcia Haydée, étoile dello Stuttgart Ballet nonché direttrice della compagnia dal 1976 al 1996.

La fortuna della storica compagnia di Stoccarda è certamente legata al nome del geniale Romeo-&-Julia_Kang-Jones-(c)-Stuttgart-Balletcoreografo John Cranko che l’ha condotta al successo durante gli anni di direzione grazie a creazioni originali ancora oggi riproposte in tutto il mondo e inserite nel repertorio delle migliori compagnie internazionali di balletto. A Cranko si deve anche la Noverre-Society, associazione nata nel 1958 per promuovere una maggiore conoscenza delle forme del balletto e per supportare i giovani coreografi nel proprio lavoro attraverso una piattaforma che consentisse loro di portarlo in scena e mostrarlo al pubblico. All’interno di questo programma sono stati sostenuti e lanciati grandissimi coreografi contemporanei come Jiří Kylián, John Neumeier, William Forsythe, Uwe Scholz, Renato Zanella e Christian Spuck.

In seguito alla prematura scomparsa di John Cranko nel 1973, la direzione dello Stuttgart Ballet passa al danzatore e coreografo statunitense Glen Tetley (dal 1974 al 1976) e in seguito alla stella e musa dello stesso Cranko Marcia Haydée; infine, nel 1996, la direzione passa a Reid Anderson che recupera e conserva lo stesso spirito internazionale promosso da Cranko e l’impegno nella promozione dei giovani talenti coreografici.

Per informazioni sulla serata del 31 luglio: Gala con le stelle dello Stuttgart Ballet ad Invito alla Danza 2014.

Comments on Facebook

Comments are closed.