Il Cantico di Pietra – Seconda penitente assuefazione

BANDAI NAMCO insieme a MARVEL per il fumetto di Rise of Incarnates
24 Luglio 2014
Il fantastico dubbio di Paul e Nina
24 Luglio 2014

Il Cantico di Pietra – Seconda penitente assuefazione

seconda assuefazione

Il nostro antidoto è una distrazione che coccoliamo ben stretta, scusa per non accorgersi che siamo orfani di stemmi su quest’asfissiante armatura per import\export di credi riciclati…divertente, soprattutto i lamenti e le crisi, le ricerche disperate e gli irrazionali mutamenti…consolatorio peccare…consolatorio ruotare quelle valvole col cartellino NON TOCCARE in bella e provocatoria vista…il bisbetico ribelle domato…sana e rinforzante parodia…un frigorifero che si schiude e, di luce, inonda il vuoto mantra…l’ago, tunnel tramite cui ci liberiamo del patetico e pallido terrestre…il codice genetico distribuito gratuitamente…sudore su cellule agognanti pietà…aggiungete una vostra giornata tipo, poi quelle di amici, conoscenti, parenti, e mi risparmierete meccaniche ripetizioni, dalle più innocue alle più aberranti…soprattutto riflettete che gran parte del tempo la passiamo ad evolvere questi stigmi, a nostra deformazione e perdizione, a modificare oggetti e persone in funzione di essi…anni di duro lavoro…sembra che ultimamente, al posto di saltellanti gazzelle o nerboruti manzi, sugli steps ci sia un ologramma storpiato di Fuerbach versione filosofo alimentare, con accompagnamento sparato e rimbombante di psicopatologia della vita quotidiana alla massima apoteosi…il grande sacrificio nella aria satura di una campale sconfitta…quale finale più trionfante e plateale sapreste trovare? Quale sparuta vittoria potrebbe ripagarci di tanto? Sottile e moderna infatuazione per i perdenti…non crediate sia per analogia con l’uomo astemio di artemisia, il cui cuore non ha mai battuto per perfezioni lodate e mai sognate…qui Eschilo è lontano diversi secoli luce, e beve per dimenticare…piuttosto vedeteli alla stregua di eroi su misura, resi menzionabili unicamente dalla portata del loro persecutore…aspiriamo all’assoluzione, piuttosto che alla gloria…forse la risposta è fuggire lontano da ogni logica, in una babele labirintica e in piena crisi ormonale…rendere il nemico eserciti e armate privi di generali…assottigliare i suoi muscoli…essere condannati a un continuo e frenetico vagabondare…tradire eccesso dopo eccesso…uno sposo infedele…fatti di tutto, diventa un’ipercinetica discarica…potresti elevarti…potresti riconsiderare la vacuità in cui tanti scolpiscono il personale e interiore cerume…diventa invisibile, togliti tentazioni e voglie, sopporta privazioni e sperimenta le tue distanze…hai già un conto alla rovescia che ti solleva all’alba, loro non meritano di entrare in quel timer né bianco né nero…la pace si raggiunge con l’esperienza, l’alterazione dei sensi è una succursale d’emergenza da una notte morta in un bacio d’addio…un giorno sconfiggere il vuoto davanti al passo ansimante…troppi sprechi…tragico e fottuto fortunato…o vittoria o pazzia…smorfia inquietante…non siamo fatti per scegliere.

Comments on Facebook
Enrico Gandolfi
Enrico Gandolfi
Enrico Gandolfi generalmente esperisce in forma sfusa ma, quando osa concentrarsi, scrive, pontifica, analizza. Oggetto dei suoi voli radicati arte, videogiochi, cultura e dis-società, egemonie, ludus e non eventuali. E’ persino dottore di ricerca in Sociologia, giusto per dare un inquadramento serio e serioso al suo profilo e per giustificare la sua tendenza a scarnificare l’anima collettiva. Il resto della storia, comunque, è anche affar vostro.

Comments are closed.