Le Finali Italiane del GT ACADEMY 2014 a Vallelunga

Halo – The Master Chief Collection Terminal Trailer
7 Luglio 2014
Arriva il Fashion Film Festival
7 Luglio 2014

Abituati a pensare ai giochi come forme d’intrattenimento, tendiamo a non ricordare che sono anche un modo di approcciare la realtà: se durante l’infanzia giocare che ci prepara alla vita, Sony e Nissan ci hanno voluto dimostrare che anche da grandi giocare può essere un modo di crescere, nello specifico di allenarsi per raggiungere un sogno: quello di pilotare un’ auto da corsa.
GT Academy, giunto alla sesta edizione, è un vero e proprio programma di selezione per potenziali piloti, che utilizza come sistema di valutazione dei candidati Gran Turismo, il driving simulator di Polyphony Digital, nello specifico di questa edizione 2014, Gran Turismo 6 per PlayStation 3.
Il processo di selezione su scala nazionale è avvenuto tramite un sistema di qualificazioni online per il quale tutti i partecipanti sono stati messi nelle stesse identiche condizioni di partenza, garantendo che solo i più meritevoli e determinati potessero accedere alla fase successiva.

Superate tutte le selezioni, 24 finalisti si sono ritrovati, sabato 5 luglio, presso l’autodromo di Vallelunga, per sostenere le prove finali che hanno decretato i 6 vincitori che rappresenteranno l’Italia nel Race Camp di Silverstone.
Ad accogliere gli aspiranti piloti a Vallelunga, uno che di corse se ne intende davvero: Vitantonio Liuzzi, pilota professionista che ha raggiunto in carriera l’Olimpo delle competizioni motoristiche, la Formula Uno, disputata con Red Bull, Toro Rosso, Force India e HRT.
Sotto lo sguardo vigile di Liuzzi e dello staff Nissan, gli aspiranti piloti si sono cimentati in 4 tipi di prove, ottenendo dei punteggi che sommati hanno decretato la graduatoria finale. Le prove prevedevano dei test fisici, resi particolarmente tosti dal caldo della giornata estiva, una competizione virtuale con Gran Turismo 6, una prova di guida reale a bordo di una Nissan Juke Nismo e un confronto, anche in inglese, con giornalisti di diversi settori, compresi noi di Four Magazine.


Vi chiederete perché includere i “rapporti con la stampa” fra le prove di valutazione per degli aspiranti piloti, ma la spiegazione è più sensata di quello che si potrebbe pensare: al di là dell’importanza che la stampa riveste per gli eventi motoristici, il confronto in inglese era un modo per mettere i potenziali piloti in una condizione analoga a quella che troveranno a Silverstone, dove l’inglese sarà necessario a rapportarsi con chiunque, ma soprattutto con ingegneri, meccanici, team manager e quanti operano nel mondo delle corse professionistiche.
Per Four Magazine l’occasione si è rivelata interessante per capire le motivazioni dietro una partecipazione che se prospetta un futuro da sogno, con l’ingresso nel mondo del professionismo automobilistico, richiede una serie di sacrifici non indifferenti: abbiamo parlato con ragazzi che hanno svolto una preparazione atletica che li ha portati a perdere fino a 20kg, lavoratori che hanno messo in gioco le proprie attività e potenzialmente i loro rapporti familiari per inseguire quello che potrebbe rivelarsi niente più che un’illusione… Abbiamo parlato con ragazzi appena maggiorenni e uomini alle soglie dei 40 anni (a dimostrazione che il videogioco è un’attività senza età), ci siamo confrontati con ogni regione d’Italia, ragazzi determinatissimi e ragazzi incerti, estroversi ed introversi, contenti di essere arrivati alle finali, sorpresi del risultato… tutti accomunati da una grande passione per l’automobilismo reale e virtuale, e dall’aver trovato proprio in un videogioco il tramite fra la fantasia e la realtà… e allora complimenti e un grande “in bocca al lupo!” a Riccardo Massa, Ariel Bernardi, Pietro Punzo, Lorenzo Radice, Alessandro Albano e Luca Guerra, che possiate staccare il tempo della vita sulla mitica pista di Silverstone, ve lo siete guadagnato!

I sei finalisti italiani:

 Luca Guerra, 24 anni, di Carrara (MS), laureato, il cui mito di sempre è Ayrton Senna;

Lorenzo Radice, 30 anni, di Carimate (CO), ingegnere del Software, i cui miti sono il fratello e Michael Schumacher;

Alessandro Albano, 34 anni, di Milano, It Consultant, un veterano delle finali nazionali di GT Academy;

Pietro Punzo, 22 anni, studente di Novara, che reputa Valentino Rossi una vera e propria leggenda;

Riccardo Massa, 21 anni, studente di Monte San Pietrangeli (FM), amante dei kart;

Ariel Bernardi, 29 anni, di Asiago (VI), tecnico in una ditta di ascensori, appassionato e grande conoscitore dei simulatori di guida.

Ad ottobre, DMAX (Canale 52 digitale terrestre e Canale 28 di TivùSat) manderà in onda “GT ACADEMY”, la serie prodotta da Freemantle Media per DMAX e pianificata da OMD, in cui i telespettatori potranno vivere tutte le fasi dell’edizione 2014 di GT Academy.

 

GT Academy 2014: il sogno continua!

 

Maggiori dettagli sulle modalità di partecipazione a GT Academy sono disponibili su varie piattaforme, tra cui:

http://it.playstation.com/, http://blog.it.playstation.com/, http://www.gran-turismo.com/it/academy/2013/

 

Note Ufficiali su GT Academy 2014

GT Academy nasce dalla collaborazione tra PlayStation® e Nissan ed utilizza il mondo virtuale del gioco Gran Turismo® per portare alla ribalta talenti del mondo reale delle corse. Giunto alla sua sesta edizione, GT Academy è stato ampliato per includere le gare distinte per l’Europa (UK, Francia, Italia, Spagna e Portogallo, Belgio, Olanda, Lussemburgo, Russia, Svezia, Polonia e Repubblica Ceca) Germania, USA e un nuovo gruppo internazionale (Australia, India, Medio Oriente, Messico e Thailandia).

La qualificazione GT Academy sarà possibile grazie a un aggiornamento gratuito di Gran Turismo®6 su PlayStation®3. I giocatori più veloci in ogni territorio partecipante possono accedere alle finali nazionali. Ulteriori concorrenti vengono selezionati per le Finali Nazionali attraverso una serie di eventi Live GranTurismo®  e attraverso un gioco via Facebook che dà accesso a uno speciale evento di qualificazione GT6™. Le Finali Nazionali richiedono anche prove di guida, di fitness e di comunicazione.

Dalle finali nazionali, l’azione si sposta a Silverstone per il leggendario Race Camp, dove i concorrenti sono messi alla prova in pista a bordo di auto sportive Nissan, sotto gli occhi attenti di giudici di alto profilo e mentori. Un vincitore da ogni competizione sarà invitato a partecipare all’ intensive Driver Development Programme. Essi potrebbero beneficiare di una licenza di gara internazionale e gareggiare per Nissan alla 24 Ore di Dubai a gennaio 2015, prima di entrare potenzialmente nell’elite di Atleti NISMO di Nissan.

I precedenti vincitori di GT Academy sono ora piloti a tutti gli effetti. Nel 2014, Jann Mardenborough (UK, vincitore nel 2011) correrà in GP3, una porta di ingresso alla Formula Uno, con la squadra vincitrice del campionato Arden International. Lucas Ordoñez (Spagna, vincitore nel 2008) correrà nella 24 Ore di Le Mans di quest’anno a bordo dell’innovativa Nissan ZEOD RC, insieme a Wolfgang Reip (Belgio, vincitore nel 2012). Nel 2013 Lucas ha vinto il Pro-Am Drivers Championship nella Blancpain Endurance Series. I vincitori dell’edizione 2013, Stanislav Aksenov (Russia), Miguel Faisca (Europe), Nick McMillen (USA) and Florian Strauss (Germany) stanno gareggiando nella Blancpain Endurance Series con il Nissan GT Academy Team RJN.

Le notizie su GT Academy 2014 e i progressi di tutti i piloti di GT Academy possono essere seguiti su varie piattaforme, tra cui:

www.facebook.com/GTAcademy | www.twitter.com/GTAcademy | www.youtube.com/gtacademyeurope | www.flickr.com/photos/gtacademyeurope.

 

Comments on Facebook
Roberto Semprebene
Roberto Semprebene
Appassionato di Cinema e Videogiochi, ha fatto delle sue passioni il proprio lavoro. Ci tiene tantissimo a precisare di essere nato in un giorno palindromo, cosa che probabilmente affascina e stupisce solo lui!

Comments are closed.