Grace di Monaco | Recensione del film con Nicole Kidman da #Cannes67

Godzilla – la recensione
13 Maggio 2014
Mr. Turner | Recensione del film di Mike Leigh da #Cannes67
15 Maggio 2014

Grace di Monaco | Recensione del film con Nicole Kidman da #Cannes67

Tra fiction Rai e film per la tv, Nicole Kidman racconta la principessa Grace Kelly

nicole-kidman-vf13

Cannes 67 non si può dire apra alla grande, tra fischi e qualche timidissimo applauso. Ma la reazione a Grace di Monaco, il film di Olivier Dahan con Nicole Kidman che apre il festival fuori concorso, è tutto sommato meritata. Dahan racconta il momento in cui Grace Kelly, già principessa di Monaco, comincia a dubitare del proprio ruolo: Hitchcock gli offre il ruolo principale in Marnie e lei vuole tornare a recitare, oppressa dall’etichetta, dalle responsabilità, dalla crisi che il marito (un ottimo Tim Roth) cerca di gestire con il governo francese.

Grace_kelly_nicole_kidman

Scritto da Arash Amel, Grace di Monaco è la versione XX secolo delle storie di Sissi, l’imperatrice austro-ungarica di Romy Schneider, con intrighi di corte, tracce di di femminismo resistente o attivo, melodramma e patina glamour, con tutto il corollario moderno di tv, cinema e media vari. A renderlo però freddo è una drammaturgia da film per la tv americano (non dei migliori, tra l’altro) e una regia con rare idee al di fuori della messinscena agiografiche della fiction targata RAI. Se il tentativo era quello di ricreare una narrazione e uno stile che guardasse al cinema degli anni ’50 e ’60 Dahan cade proprio nel costruire un rapporto con il pubblico: e non ci può riuscire di certo Kidman, affettata e ingessata, a cui il regista dà ogni occasione – monologo finale lunghissimo incluso – ma da cui riceve il minimo sindacale.

Comments on Facebook
Emanuele Rauco
Emanuele Rauco
Nato a Roma il 18 luglio del 1981, si appassiona di cinema dalla tenera età e comincia a scrivere recensioni dall'età di 12 anni. Comincia a collaborare con il giornalino scolastico e, dopo aver frequentato il DAMS di Roma 3, comincia a scrivere per siti internet e testate varie: redattore e poi caporedattore per il sito Cineforme, ora Cinem'art Magazine, e per la rivista Cinem'art, redattore e inviato per RadioCinema. Inoltre scrive per Four Magazine, di cui è caporedattore, e altre testate on line ed è curatore di un programma radiofonico su cinema e musica, Popcorn da Tiffany su Ryar Radio. Collabora per le riviste Il mucchio e The Cinema Show – primo mensile cinematografico per iPad – e per il quotidiano L'opinione. Alcuni suoi scritti sono stati pubblicati su saggi e raccolte critiche, tra cui la collana Bizzarro Magazine di Laboratorio Bizzarro ed è spesso ospite in trasmissioni radiofoniche e televisive come Ma che bella giornata o Square e I cinepatici di Coming Soon Television. Ha un canale di youtube in cui parla di cinema, spettacolo, cultura e comunicazione.

Comments are closed.