Il Cantico di Pietra Settima Estasi

A Teatro Senza Stelle di Andrea Ciommiento
26 Marzo 2014
XBOX ONE e FIFA 14: le armi segrete del coach tecnologico
27 Marzo 2014

Il Cantico di Pietra Settima Estasi

sette

Il quartiere continuò a mutare. La gente passeggiava ora tranquillamente, scavalcando i cadaveri e incrociandosi in un ordito che a stento avresti definito casuale. Alcuni si ricorrevano ai bordi della strada, in tondo, e grazie all’inquadratura di riserva Laz comprese che quel movimento dall’alto formava spirali che lentamente attiravano o respingevano il resto della massa. Una sorta di campo di forza che gioca con migliaia di universi. E gli universi sembravano fregarsene: erano tutti così vari, una eterogeneità di copione, ma ripeto tanto vari da essere assolutamente identici. Un lavoro troppo perfetto da risultare autentico, come se il costumista e il programmatore dello svolazzare dei vestiti-utensili-monili avessero esagerato in un eccesso di transfert barocco e sgualcito.

Ma questo durò niente. La varietà, il ritmo pseudo-interattivo nell’attesa, è un processo fondamentale del game design.

E parve che una precisa onda d’urto d’acciaio e fuoco avesse d’un tratto livellato tutti gli edifici, rendendoli tozzi, annerendoli tra caligine, bruno e oro, fino alla strada, in abbuiato pietrisco. La roccia sembrava aver eruttato dal nulla, iraconda, e poi essersi ghiacciata al culmine della propria rabbia, aprendosi all’intervento di uomini e simili, che avevano risposto in grande, rendendo quel rione qualcosa di unico: Laz ebbe l’impressione di incunearsi attraverso il guscio in silicio di una gigantesca e mitologica tartaruga, cullato dal suo colossale e sgranato respiro. Le costruzioni si mostravano robuste, massicce, e anche se alte al massimo due piani sembrano le punte di iceberg dormienti al di sotto, eppure pronti a reagire. L’unica cosa che interrompeva l’orizzonte era una catena di montagne in miniatura, che si ergeva a Oriente e pareva donare al posto, a seconda dell’inclinazione del sole, differenti sfumature. Ora il marrone stava virando verso il verde, un verde umido e fresco.

L’Anemos si fermò. Tastò un muro, imbrattato o dipinto, Laz non riusciva a distinguere, da disegni monolitici: rune e diversi viaggi dell’eroe si perdevano in finte profondità romaniche, di quelle tipiche delle prime chiese, quando una manciata di mattoni e un crocefisso di legno bastavano a avanzavano.

La guida si portò le dita alla bocca, e lentamente le passò al collo.

Comments on Facebook
Enrico Gandolfi
Enrico Gandolfi
Enrico Gandolfi generalmente esperisce in forma sfusa ma, quando osa concentrarsi, scrive, pontifica, analizza. Oggetto dei suoi voli radicati arte, videogiochi, cultura e dis-società, egemonie, ludus e non eventuali. E’ persino dottore di ricerca in Sociologia, giusto per dare un inquadramento serio e serioso al suo profilo e per giustificare la sua tendenza a scarnificare l’anima collettiva. Il resto della storia, comunque, è anche affar vostro.

Comments are closed.